Home Salute Virus e parassiti La maggior parte delle persone guarite generano alcuni anticorpi che neutralizzano SARS-CoV-2

La maggior parte delle persone guarite generano alcuni anticorpi che neutralizzano SARS-CoV-2

Riepilogo: anche se  la quantità di anticorpi generati varia ampiamente nei pazienti che si sono ripresi dal coronavirus SARS-CoV-2, la maggior parte delle persone genera almeno alcuni anticorpi che sono intrinsecamente in grado di neutralizzare il virus SARS-CoV-2.

Il primo ciclo di risultati di uno studio immunologico condotto su 149 persone che si sono riprese da COVID-19 mostra che sebbene la quantità di anticorpi che hanno generato varia ampiamente, la maggior parte degli individui ne ha generati almeno alcuni che erano intrinsecamente in grado di neutralizzare il virus SARS-CoV-2. Gli anticorpi variano ampiamente nella loro efficacia e solo alcuni sono veramente “neutralizzanti”, il che significa che realmente impediscono al virus di entrare nelle cellule. Dal 1 ° aprile, un team di immunologi, scienziati, medici e virologi, ha raccolto campioni di sangue da volontari che si sono ripresi da COVID-19. La maggior parte dei campioni che hanno studiato mostrava un’attività di neutralizzazione da scarsa a modesta, indicando una debole risposta anticorpale. Tuttavia, uno sguardo più attento ha rivelato che il sistema immunitario di tutti è in grado di generare anticorpi efficaci, ma non necessariamente sufficienti. Anche quando gli anticorpi neutralizzanti non erano presenti nel siero di un individuo in grandi quantità, i ricercatori hanno potuto trovare alcune rare cellule immunitarie.

“Questo suggerisce che quasi tutti possono produrre questi anticorpi ed è un’ottima notizia per i vaccini”, afferma Michel C. Nussenzweig, capo del Laboratorio di immunologia molecolare della Rockefeller University. “Significa che se sei stato in grado di creare un vaccino che suscita questi anticorpi particolari, è probabile che il vaccino sia efficace e funzioni per molte persone“.

Inoltre, i ricercatori hanno identificato tre anticorpi distinti che si sono dimostrati i più potenti del gruppo nel neutralizzare il virus ed ora stanno lavorando per svilupparli ulteriormente in farmaci terapeutici e preventivi.
I risultati dello studio sono stati condivisi su BioRxiv prima della presentazione a riviste scientifiche peer-reviewed. Tra i collaboratori di Nussenzweig, Davide F. Robbiani, Marina Caskey, Paul Bieniasz, Theodora Hatziioannou e Charles M. Rice.
Spettro di anticorpi
Dall’inizio di aprile e per oltre 5 settimane, 149 persone che si erano riprese da COVID-19 hanno visitato il Rockefeller Hospital per donare plasma, la porzione di sangue che contiene gli anticorpi e le cellule B immunitarie che li producono. I partecipanti hanno manifestato sintomi per una media di 12 giorni e hanno manifestato i primi sintomi in media 39 giorni prima della donazione di plasma. Il team di Bieniasz e Hatziioannou ha usato un saggio che aveva sviluppato per testare l’attività neutralizzante dei campioni di plasma. Ciò ha comportato la miscelazione del plasma con uno pseudo virus SARS-CoV-2 e la misurazione della capacità di questa miscela di infettare le cellule umane in Laboratorio.
Nel 33 percento dei donatori, l’attività neutralizzante del plasma era inferiore ai livelli rilevabili. È possibile che per molti in questo gruppo, la prima linea di difesa del loro sistema immunitario abbia risolto rapidamente l’infezione, prima che le cellule produttrici di anticorpi fossero chiamate. La maggior parte dei campioni di plasma ha mostrato un’attività di neutralizzazione da scarsa a modesta mentre per  l’1 percento dei donatori era notevolmente elevata. “Come in altre malattie, ognuno risponde in modo diverso”, afferma Robbiani, Professore associato di ricerca presso il laboratorio di immunologia molecolare. “Alcune persone hanno una risposta scarsa, in parte media. E poi c’è una frazione di persone che rispondono in modo eccezionale”. Questa  “elite” di rispondenti è
fondamentale per i piani del team. L’elevato numero di anticorpi neutralizzanti nel loro siero consente al ricercatore di catturare le rare cellule B che le producono e possono quindi clonare gli anticorpi da quelle cellule e usarli per emulare la stessa forte difesa in altre persone. Tra i numerosi anticorpi generati dai rispondenti che avevano il plasma con le migliori prestazioni, il team ne ha identificato 40 che hanno neutralizzato il virus e tre che potevano farlo anche a concentrazioni molto basse. Il team ha clonato questi anticorpi più potenti e ora sta lavorando per svilupparli per uso clinico.
Gli anticorpi neutralizzanti trovati in questo studio si legano ad almeno tre siti distinti sulla subunità del dominio di legame del recettore (RBD) della proteina spike, che è ciò che SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l’ingresso nelle cellule ospiti. Un secondo sguardo ai campioni di plasma a bassa prestazione ha rivelato che contenevano anche questi anticorpi che si legano all’RBD, sebbene in piccole quantità.
Ora sappiamo che aspetto ha un anticorpo efficace e ne abbiamo trovati di simili in più di una persona”, afferma Robbiani. “Queste sono informazioni importanti per i ricercatori che stanno progettando e testando i vaccini. Se il loro vaccino può produrre questi anticorpi, sanno che sono sulla buona strada”.

ULTIMI ARTICOLI

Iniziano le sperimentazioni per una nuova arma contro il Parkinson: la luce

Immagine:Alan Minson dice che i suoi sintomi di Parkinson sono migliorati dopo che ha iniziato a usare un "casco leggero" nel luglio 2019. Credito:RON...

Le diete vegetali ricche di carboidrati integrali possono migliorare la sensibilità all’insulina

Le diete vegetali ricche di carboidrati integrali possono migliorare la sensibilità all'insulina e altri indicatori di salute negli individui con diabete di tipo 1,...

Studio di fase 1 mostra un’incoraggiante attività anti-cancro di Sotorasib

Immagine: Public Domain. "Uno studio clinico di fase 1 in pazienti con tumori solidi avanzati pesantemente pretrattati, mostra un'attività anti-cancro incoraggiante di Sotorasib (AMG 510),...

Gli astrociti sono essenziali per la salute della barriera emato-encefalica

Immagine: Public Domain. Oltre a un guscio esterno resistente, il cervello ha difese interne, tra cui un potente scudo chiamato barriera emato-encefalica che difende le...

La vitamina E è necessaria per il corretto sviluppo del sistema nervoso

Immagine: Public Doimain. La ricerca dell'Oregon State University, che interessa anche le donne in età fertile, mostra che gli embrioni prodotti dal pesce zebra carente...