HomeSaluteCervello e sistema nervosoLa discriminazione razziale provoca picchi quasi istantanei degli ormoni dello stress

La discriminazione razziale provoca picchi quasi istantanei degli ormoni dello stress

(Discriminazione razziale-Immagine Credit JJPAN/ISTOCK).

Ci sono prove evidenti che la discriminazione razziale influisce negativamente sulla salute delle persone di colore nel corso della loro vita. È associata a depressione, ansia e stress psicologico ; aumenta la pressione sanguigna; ed è stato dimostrato che indebolisce il sistema immunitario. Tuttavia, pochi studi hanno collegato singoli eventi discriminatori a effetti immediati sulla salute.

Ora, i dati di uno studio unico nel suo genere suggeriscono che un attacco razzista potrebbe aumentare quasi immediatamente i biomarcatori di stress di una persona.

- Advertisement -

“Il grande punto interrogativo, per me, è sempre stato, come succede? Qual è la scatola nera che si trova nel mezzo di discriminazione, stress e disparità di salute?”, dice Tiffany Yip, una psicologa dello sviluppo alla Fordham University che non è stata coinvolta nello studio. “Penso che questo documento affronti questa domanda meccanicistica“.

Per lo studio proof-of-concept, Soohyun Nam della Yale University’s School of Nursing e il suo team hanno collaborato con le chiese e le loro comunità per reclutare 12 persone di colore di età compresa tra i 30 e i 55 anni che vivono negli Stati Uniti nordorientali.

Dopo aver tenuto conto dei livelli di stress di base dei partecipanti, il team di ricerca ha adattato domande standardizzate del sondaggio sulla discriminazione e le microaggressioni, ad esempio se credevano di essere stati scambiati per un lavoratore dei servizi a causa della loro razza e hanno chiesto ai partecipanti di condividere eventuali occorrenze di queste esperienze tramite un’app per smartphone. Il metodo, noto come valutazione ecologica momentanea (EMA), è stato precedentemente utilizzato per studiare l’attività fisica e il comportamento, come la riduzione dell’assunzione di alcol o la frequenza del fumo. Ma questo è uno dei primi studi che correlano i biomarcatori dello stress e le esperienze razziste utilizzando questa precisa tecnica di monitoraggio.

I ricercatori hanno anche chiesto ai partecipanti di descrivere il loro umore cinque volte al giorno nel corso di una settimana utilizzando la stessa app del telefono. Per misurare la loro risposta biologica, i partecipanti hanno dovuto mettere la loro saliva in una provetta quattro volte al giorno per 4 giorni e hanno congelato i campioni fino a quando il personale di ricerca non li ha raccolti. I ricercatori hanno quindi analizzato i campioni in laboratorio per misurare i livelli di cortisolo, un ormone rilasciato durante lo stress emotivo e l’alfa amilasi, un enzima che scompone gli zuccheri ed è secreto in situazioni di stress.

- Advertisement -

Tra i partecipanti, lo studio ha rilevato che la discriminazione razziale era un chiaro fattore di stress, anche rispetto ad altri fattori di stress, come litigare con un coniuge o difficoltà finanziarie. I livelli di cortisolo sono quasi raddoppiati nella saliva dei partecipanti la mattina dopo che hanno riferito di aver subito discriminazioni razziali, come essere chiamati con insulti.

Il team ha riferito i risultati dello studio oggi in PLOS ONE.

Le microaggressioni, d’altra parte, sembravano aumentare i livelli di cortisolo lo stesso giorno. Anche al di fuori di qualsiasi incidente razzista, i casi in cui i partecipanti hanno riferito di malumore sono stati associati a un aumento dell’alfa amilasi durante lo stesso giorno.

Vedi anche:Stress: solo un’ora di passeggiatta nella natura può ridurlo

“Questo è il primo studio a misurare entrambi questi biomarcatori contemporaneamente e a collegarli al razzismo in tempo reale”, afferma Nam, che ha convalidato l’approccio in uno studio precedente. Sebbene questi risultati non possano dimostrare che l’esperienza del razzismo abbia causato il picco di questi biomarcatori, avere alti livelli di cortisolo nel tempo è stato collegato a ipertensione, perdita ossea e diabete di tipo 2. “Lo studio conferma che “la discriminazione razziale ha un effetto dannoso sulla salute fisica e mentale” “, afferma Nam. “Non c’è dubbio che la sottile esperienza della discriminazione razziale, come le microaggressioni, abbia davvero importanza”.

Yip concorda: “Indipendentemente dall’entità, questi fattori di stress hanno implicazioni per la salute“. L’anno scorso, il suo gruppo ha mostrato che la discriminazione quotidiana, come essere trattati con meno rispetto degli altri, sembra influenzare il sonno negli adolescenti . “Stiamo iniziando a disfare davvero a livello fisiologico di base l’impatto del razzismo”, dice.

Elizabeth Brondolo, psicologa della St John’s University, afferma che il nuovo studio “avvincente” offre importanti spunti sui tempi degli impatti dello stress legati alla discriminazione.

Nam riconosce che la dimensione del campione dello studio è piccola, ma afferma che il costo del test della saliva e il tempo e lo sforzo richiesti dai partecipanti possono rendere impraticabili studi più ampi. Nam spera che gli studi futuri esamineranno il modo in cui i partecipanti affrontano dopo uno scambio razzista di indizi per mitigare gli effetti negativi sulla salute di quegli episodi.

Sia Yip che Brondolo vorrebbero vedere se i risultati reggono in un campione più ampio, con partecipanti di età diverse e residenti in altre regioni del Paese.

Nam sta ora pianificando un progetto su larga scala per studiare ulteriormente come fattori non biologici come l’ambiente e le esperienze di vita influiscono sulla salute. Il suo studio si concentrerà sul monitoraggio in tempo reale di come la discriminazione razziale, i comportamenti legati allo stile di vita come la dieta e il sonno e i biomarcatori della salute e dell’infiammazione del cuore influiscono su un gruppo multirazziale. A giugno, ha ricevuto una borsa di studio del National Institutes of Health per utilizzare gli EMA per studiare come i fattori ambientali e di stile di vita, come la discriminazione, il supporto sociale e il tipo di quartiere, influenzano i livelli di glucosio giornalieriin persone di diverse razze ed etnie con diabete di tipo 2.

“Il monitoraggio continuo della glicemia è già un pilastro della cura del diabete di tipo 1, ma combinare questo approccio secolare con la novità del monitoraggio in tempo reale di fattori non biologici che possono anche svolgere un ruolo nella fluttuazione dei livelli di glucosio è una novità”, afferma Nam.

“Sono entusiasta che il campo si stia muovendo in questa direzione”, dice Brondolo. “Questo è il modo in cui puoi capire i meccanismi di come i fattori di stress della vita, inclusa la discriminazione, influenzano le funzioni quotidiane, sia a livello psicologico che fisiologico”.

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...