HomeAlimentazione & BenessereLa dieta che riduce la fragilità

La dieta che riduce la fragilità

(Dieta- Immagine Credit Public Domain).
Gli scienziati ritengono che sia importante creare misure per la prevenzione e il trattamento della fragilità poiché il 10-15% degli anziani diventa fragile. Ricerche recenti hanno indicato che seguire una dieta in stile mediterraneo può ridurre la fragilità.
Lo studio è stato pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition
La fragilità, che colpisce il 10-15% degli anziani, è definita come uno stato riconoscibile di maggiore vulnerabilità causato da una perdita di funzionalità in numerosi sistemi fisiologici.

Nonostante il fatto che i benefici complessivi di una dieta in stile mediterraneo siano ampiamente consolidati, non era chiaro come avrebbe aiutato gli anziani a ridurre la loro fragilità.

Secondo lo studio, la dieta in stile mediterraneo può aiutare a evitare l’insorgenza della fragilità quando le persone invecchiano. La ricerca ha incluso 2.384 individui non fragili del Framingham Offspring Study con un punteggio del modello dietetico in stile mediterraneo e assunzioni di antiossidanti (vitamina C, E e carotenoidi totali) valutati utilizzando un questionario sulla frequenza degli alimenti insieme a valutazioni della fragilità effettuate su un periodo di circa 11 anni.

Una maggiore aderenza a una dieta in stile mediterraneo ha ridotto i rischi di fragilità del 3% per ogni unità di punteggio più alto nel punteggio del modello dietetico in stile mediterraneo (che valuta le diete da 0 a 10).

- Advertisement -

Vedi anche:La dieta mediterranea promuove un sano invecchiamento

La ricerca ha anche esaminato se un particolare tipo di antiossidante (carotenoidi, vitamine E e C) prevalente nella dieta mediterranea sia legato alla fragilità. Il Framingham Heart Study ha scoperto che una maggiore assunzione di carotenoidi, un antiossidante che si trova tipicamente in frutta e verdura dai colori vivaci, era fortemente associata a un minor rischio di sviluppare fragilità negli uomini e nelle donne di mezza età e anziani. Secondo lo studio, ogni aumento di 10 mg dell’assunzione totale di carotenoidi ha ridotto il rischio di fragilità del 16%. Le vitamine E e C non hanno una relazione significativa nella prevenzione della fragilità.

Secondo lo studio, seguire una dieta in stile mediterraneo può aiutare a evitare l’insorgenza della fragilità quando le persone invecchiano. La ricerca ha incluso 2.384 individui non fragili del Framingham Offspring Study con un punteggio del modello dietetico in stile mediterraneo e assunzioni di antiossidanti (vitamina C, E e carotenoidi totali) valutate utilizzando un questionario sulla frequenza degli alimenti insieme a valutazioni della fragilità effettuate su un periodo di circa 11 anni.

Una maggiore aderenza a una dieta in stile mediterraneo ha ridotto i rischi di fragilità del 3% per ogni unità di punteggio più alto nel punteggio del modello dietetico in stile mediterraneo (che valuta le diete da 0 a 10).

La ricerca ha anche esaminato se un particolare tipo di antiossidante (carotenoidi, vitamine E e C) prevalente nella dieta mediterranea sia legato alla fragilità. Il Framingham Heart Study ha scoperto che una maggiore assunzione di carotenoidi, un antiossidante che si trova tipicamente in frutta e verdura dai colori vivaci, era fortemente associata a un minor rischio di sviluppare fragilità negli uomini e nelle donne di mezza età e anziani. Secondo lo studio, ogni aumento di 10 mg dell’assunzione totale di carotenoidi ha ridotto il rischio di fragilità del 16%. Le vitamine E e C non hanno una relazione significativa nella prevenzione della fragilità.

- Advertisement -

Courtney L Millar, Ph.D., Post-Doctoral Fellow, Marcus Institute of Aging Research, Hebrew SeniorLife e Harvard Medical School, è l’autore principale dello studio. “Le persone possono essere in grado di prevenire la fragilità seguendo i principi della dieta in stile mediterraneo”, ha detto il Dottor Millar.

La dieta in stile mediterraneo incoraggia il consumo di frutta e verdura.

“L’aumento dell’assunzione di frutta e verdura dai colori vivaci che sono ricche di carotenoidi e altri composti bioattivi può in definitiva influire sulla salute degli anziani”, ha affermato il Dott. Shivani Sahni, autore senior.

Fonte:The American Journal of Clinical Nutrition

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...