HomeSalutePolmoniAsma: scoperto nuovo potenziale trattamento con effetti a lungo termine

Asma: scoperto nuovo potenziale trattamento con effetti a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain).
Piuttosto che limitarsi a trattare i sintomi, una nuova strategia prende di mira una delle cause dell’asma.

I ricercatori dell’Aston University e dell’Imperial College London hanno identificato un potenziale metodo per affrontare una delle cause fondamentali dell’asma. Negli esperimenti con i topi, i ricercatori sono stati in grado di eliminare virtualmente i sintomi asmatici e riportare le loro vie aeree alla normalità entro due settimane.

Nel Regno Unito, circa 1.200 persone muoiono di asma ogni anno e poco meno di 5,5 milioni di persone si curano. L’asma provoca sintomi come dispnea e mancanza di respiro perché le vie aeree si ispessiscono e si restringono.

I trattamenti attuali, come gli steroidi, danno un sollievo temporaneo da questi sintomi rilassando le vie aeree o diminuendo l’infiammazione. Tuttavia, nessun farmaco esistente mira ai cambiamenti strutturali provocati dall’asma nelle vie aeree e nei polmoni al fine di fornire un trattamento più duraturo.

La ricercatrice capo, la Dott.ssa Jill Johnson, della School of Biosciences dell’Aston University, ha dichiarato: “Prendendo di mira direttamente i cambiamenti nelle vie aeree, speriamo che questo approccio possa alla fine offrire un trattamento permanente e più efficace di quelli già disponibili, in particolare per gli asmatici gravi che non rispondere agli steroidi. Tuttavia, il nostro lavoro è ancora in una fase iniziale e sono necessarie ulteriori ricerche prima di poter iniziare a testarlo sulle persone”.
- Advertisement -

Lo studio si è concentrato su un tipo di cellula staminale nota come pericito, che si trova principalmente nel rivestimento dei vasi sanguigni. Quando gli asmatici hanno una reazione allergica e infiammatoria, come quella degli acari della polvere domestici, i periciti migrano verso le pareti delle vie aeree. Una volta lì, i periciti maturano in cellule muscolari e altre cellule che ispessiscono e irrigidiscono le vie aeree.

Questo movimento dei periciti è innescato da una proteina nota come CXCL12. I ricercatori hanno utilizzato una molecola chiamata LIT-927 per bloccare il segnale di questa proteina, introducendola nei passaggi nasali dei topi. I topi asmatici trattati con LIT-927 hanno avuto una riduzione dei sintomi entro una settimana e i loro sintomi sono praticamente scomparsi entro due settimane. I ricercatori hanno anche scoperto che le pareti delle vie aeree nei topi trattati con LIT-927 erano molto più sottili di quelle dei topi non trattati, più vicine a quelle dei controlli sani.

Vedi anche:Alzheimer: dalla plasmaferesi nuova speranza di trattamento

Il team sta ora richiedendo ulteriori finanziamenti per svolgere ulteriori ricerche sul dosaggio e sui tempi, questo li aiuterebbe a determinare quando potrebbe essere il momento più efficace per somministrare il trattamento durante il progresso della malattia, quanto LIT-927 è necessario e a comprendere meglio il suo impatto sulla funzione polmonare. Credono che, se questa ricerca avrà successo, ci vorranno ancora diversi anni prima che il trattamento possa essere testato sulle persone.

- Advertisement -

Fonte: Respiratory Medicine 

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...