La curcumina può combattere il neuroblastoma resistente al trattamento

neuroblastoma

Un composto presente nella curcuma, la curcumina, può essere utilizzata in nanoparticelle  per mirare e distruggere le cellule tumorali del neuroblastoma resistente al trattamento, secondo un nuovo studio pubblicato in Nanoscale .

Lo studio, condotto in partnership dai ricercatori dell’Hospital Nemours e dell’Università della Florida centrale, dimostra l’efficacia di un nuovo trattamento per il neuroblastoma, il cancro più comune nei neonati.

(Vedi anche: Scoperto il tallone di Achille del Neuroblastoma e identificato un farmaco per il trattamento).

“Il neuroblastoma può essere resistente alla terapia tradizionale. Questa ricerca dimostra l’efficacia di un nuovo metodo di trattamento di questo tumore, senza la tossicità di una terapia aggressiva che può avere dannosi effetti sulla salute del paziente”, ha dichiarato Tamarah J. Westmoreland, un chirurgo pediatrico al Nemours Children’s Health System e autore senior dello studio.

‘Il neuroblastoma è un tumore neuroendocrino maligno embrionario caratteristico del bambino, che deriva da cellule della cresta neurale, da cui fisiologicamente prendono origine la midollare del surrene ed i gangli del sistema nervoso e simpatico’.

Circa 700 nuovi casi di neuroblastoma vengono diagnosticati ogni anno negli Stati Uniti e la maggior parte dei casi si presentano nei bambini di età inferiore ai 5 anni. Il neuroblastoma ad alto rischio è difficile da curare ed è probabile che diventi resistente alle terapie standard o possa recidivared. Questi tumori sono associati anche a ritardi nello sviluppo, perdita dell’udito o altre disabilità.

La curcumina ha dimostrato di avere una notevole capacità anti-cancro, ma la sua bassa solubilità e la scarsa stabilità hanno reso molto impegnative le sue applicazioni medicinali. I ricercatori di Nemours e UCF hanno scoperto che le nanoparticelle possono essere utilizzate per erogare curcumina direttamente nei siti tumorali.

“Ciò dimostra che le nanoparticelle possono essere un veicolo efficace per la somministrazione di farmaci contro il cancro”, ha affermato il Professor Sudipta Seal, Direttore del Centro Tecnologico di NanoScience della  UCF’s NanoScience Technology Center and Advanced Materials Processing Analysis Center e collaboratore dello studio.

Nello studio i ricercatori hanno caricato nanoparticelle di ossido cerico con la curcumina e le hanno rivestite con il dextran per testarle nelle linee cellulari di una forma ad alto rischio di neuroblastoma resistente alla terapia standard. Questa formulazione ha indotto una notevole morte cellulare nelle cellule del neuroblastoma, senza produrre tossicità nelle cellule sane.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su neuroblastoma