HomeMedicina AlternativaLa cannabis medica può ridurre il tremore essenziale

La cannabis medica può ridurre il tremore essenziale

(Cannabis-Immagine Credit Public Domain).

La cannabis medica può ridurre il tremore essenziale nei topi. Iniettando uno specifico cannabinoide sintetico nel midollo spinale di topi affetti da tremore essenziale, i ricercatori dell’Università di Copenhagen hanno dimostrato che il farmaco può ridurre l’agitazione involontaria poiché il cannabinoide attiva un particolare tipo di cellula, i cosiddetti astrociti.

La cannabis medica è oggetto di molti dibattiti. C’è ancora molto che non sappiamo sulla cannabis, ma i ricercatori del Dipartimento di Neuroscienze della Facoltà di Salute e Scienze Mediche dell’Università di Copenhagen hanno fatto una nuova scoperta che potrebbe rivelarsi vitale per la ricerca futura e il trattamento con la cannabis medica.

- Advertisement -

La pianta Cannabis sativa appartiene alla famiglia della canapa. La Cannabis sativa contiene sostanze che possono avere un benefico effetto medico, ma anche effetti collaterali indesiderati.  Gli ingredienti attivi della cannabis sono chiamati cannabinoidi. Oggi, “cannabis medica” è usato come termine generale per qualsiasi cosa, dai fiori di cannabis essiccati e oli di cannabis a capsule, compresse, spray orali, ecc. Comune a questi prodotti è che sono usati per alleviare le malattie. Le autorità sanitarie danesi hanno autorizzato due medicinali a base di cannabis: uno spray orale per alleviare i sintomi della spasticità dovuta alla sclerosi multipla e una soluzione orale per il trattamento delle condizioni epilettiche.

I cannabinoidi sono composti presenti nella cannabis e nel sistema nervoso centrale. Utilizzando un modello murino, i ricercatori hanno dimostrato che uno specifico cannabinoide sintetico (cannabinoide WIN55,212-2) riduce il tremore essenziale attivando le cellule di supporto del midollo spinale e del cervello, note come astrociti. La ricerca precedente sulla cannabis medica si è concentrata sulle cellule nervose, i cosiddetti neuroni.  “Ci siamo concentrati sul tremore essenziale, tremori involontari che possono essere estremamente inibitori e ridurre gravemente la qualità della vita del paziente. Tuttavia, il cannabinoide potrebbe anche avere un effetto benefico sulla sclerosi e sulle lesioni del midollo spinale, ad esempio, che causano anche tremori involontari”, afferma il Professore associato Jean-François Perrier del Dipartimento di Neuroscienze, che ha guidato il progetto di ricerca. Abbiamo scoperto che un’iniezione con il cannabinoide WIN55,212-2 nel midollo spinale accende gli astrociti nel midollo spinale e li spinge a rilasciare la sostanza adenosina, che successivamente riduce l’attività nervosa e quindi l’agitazione indesiderata”.

neurone e astrocita

Immagine:neuroni del midollo spinale (rosa) dialogano costantemente con gli astrociti (verde). Usano i cannabinoidi come molecole di segnalazione. Credito foto: Alexia Montalant.

- Advertisement -

Vedi anche:Cannabis: dimostrato il potenziale antibiotico

Trattamento mirato senza effetti collaterali 

Il fatto che gli astrociti facciano parte della spiegazione dell’effetto della cannabis è un approccio completamente nuovo alla comprensione dell’effetto medico della cannabis e può aiutare a migliorare il trattamento dei pazienti che soffrono di tremori involontari.

Il midollo spinale è responsabile della maggior parte dei nostri movimenti. Sia i movimenti volontari che quelli spontanei vengono attivati ​​quando vengono attivati ​​i motoneuroni del midollo spinale. I motoneuroni collegano il midollo spinale con i muscoli e ogni volta che un motoneurone invia impulsi ai muscoli, porta alla contrazione e quindi al movimento. L’agitazione involontaria si verifica quando i motoneuroni inviano contemporaneamente segnali contrastanti. Ed è per questo che i ricercatori si sono concentrati sul midollo spinale.

“Si potrebbe immaginare un nuovo approccio dalla cannabis terapeutica per l’agitazione, in cui – durante lo sviluppo di medicinali a base di cannabis – indirizzare il trattamento al midollo spinale o agli astrociti o, nella migliore delle ipotesi, agli astrociti del midollo spinale” , dice la postdoc Eva Carlsen che ha svolto la maggior parte dei test durante i suoi progetti di dottorato e postdoc. “L’uso di questo approccio eviterà di influenzare i neuroni del cervello responsabili della nostra memoria e delle capacità cognitive e saremmo in grado di offrire ai pazienti che soffrono di tremore un trattamento efficace senza esporli a nessuno degli effetti collaterali più problematici”.

Spiegano gli autori:

I cannabinoidi riducono il tremore associato a disturbi motori indotti da lesioni e malattie neurodegenerative. Qui mostriamo che questo effetto è mediato dai recettori dei cannabinoidi sugli astrociti nel corno ventrale del midollo spinale, dove vengono avviati i movimenti alternati degli arti. Per prima cosa dimostriamo che il tremore è ridotto in un modello murino di tremore essenziale dopo l’iniezione intratecale dell’analogo dei cannabinoidi WIN55,212-2. Indaghiamo il meccanismo sottostante utilizzando registrazioni elettrofisiologiche in fette di midollo spinale e dimostriamo che gli endocannabinoidi rilasciati da interneuroni depolarizzati attivano i recettori cannabinoidi astrocitari, causando un aumento del Ca 2+ intracellulare, successivo rilascio di purine e inibizione della neurotrasmissione eccitatoria. Infine, mostriamo che l’azione anti-tremore di WIN55,212-2 nel midollo spinale dei topi viene soppressa dopo aver eliminato i recettori CB 1 negli astrociti. I nostri dati suggeriscono che i cannabinoidi riducono il tremore attraverso la loro azione sugli astrociti spinali”.

Il prossimo passo è fare test clinici su pazienti affetti da tremore essenziale per determinare se il nuovo approccio ha lo stesso effetto sugli esseri umani.

Lo studio, “recettori cannabinoidi astrogliali spinali controllano il tremore patologico“, è stato pubblicato sulla rivista Nature Neuroscience.

Fonte:Nature – Healthsciences

 

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...