Interleuchina IL-22, nuovo obiettivo per inibire la progressione della fibrosi epatica

fibrosi epatica

Naglaa Shoukry e il suo team del Centro di ricerca dell’Università di Montreal (CRCHUM), hanno fatto un significativo passo avanti nella loro ricerca volta a limitare la progressione della fibrosi epatica. 

Hanno caratterizzato i meccanismi di azione delle citochine infiammatorie di tipo 3 che sono prodotte dalle cellule del sistema immunitario e che si traducono in una progressione della cicatrizzazione epatica nota come fibrosi. 

Questi sforzi di ricerca hanno identificato nuovi potenziali bersagli per inibire la progressione della malattia epatica e prevenire il cancro.

I ricercatori dell’unità di ricerca sull’immunologia epatica del Centro di ricerca dell’ospedale dell’Università di Montreal (CRCHUM), hanno scoperto come una proteina chiamata interleuchina 22 (IL-22) acceleri la fibrosi durante gli episodi di epatite cronica amplificando il segnale della citochina fibrogenica TGF-β. 

Fino ad ora la natura fibrogenica di IL-22 era sconosciuta. 

La nuova scoperta ci consente di comprendere la sua interazione quando combinata con TGF-β, una citochina prodotta durante l’infiammazione del fegato. Infatti, i casi di fibrosi epatica avanzata confermano l’aspetto patogeno di IL-22.

Un’altra citochina di tipo 3, vale a dire l’interleuchina 17A (IL-17A), era nota come agente che amplifica l’infiammazione e la fibrosi e porta alla cirrosi epatica che può causare il cancro. Il team ha identificato neutrofili e mastociti come la principale fonte di IL-17A nell’uomo. Infatti, il loro numero aumenta nell’infiammazione indotta dal sistema immunitario durante la malattia del fegato.

Sembra ora che due citochine di tipo 3, IL-17A e IL-22, possano tramite meccanismi indipendenti sensibilizzare le cellule stellate epatiche (HSC) all’azione di TGF-β. Le CSE, quindi più sensibilizzate ai segnali di proliferazione e fibrosi, rimodellano la matrice extracellulare portando a un deterioramento dell’architettura e della funzione del fegato del paziente interessato.

Esperimenti riusciti a bloccare la produzione di IL-17A e IL-22

L’equilibrio tra le due citochine IL-17A e IL-22 durante le diverse fasi della malattia del fegato e i loro ruoli combinati rimangono sconosciuti e sono necessari ulteriori studi. Tuttavia, esperimenti su topi hanno determinato che l’inibizione, da parte di piccole molecole, di programmi associati alla produzione di IL-17A e IL-22 ritarda lo sviluppo della fibrosi epatica. Queste scoperte ci permettono di caratterizzare meglio il ruolo patogeno delle citochine di tipo 3 e di chiarire come intervenire per prevenire lo sviluppo di fibrosi e il cancro del fegato.

( Vedi anche: Scoperta una proteina che causa la fibrosi epatica).

I prossimi passi

Le fasi successive permetteranno di determinare quando le cellule che producono IL-17A e IL-22 ricevono il segnale per penetrare nel fegato, innescando una risposta di riparazione del tessuto. L’obiettivo sarà quello di esaminare come viene interrotto l’equilibrio tra i segnali pro-infiammatori e anti-infiammatori, poiché è così che viene influenzata la progressione della fibrosi. Dato che la sostituzione del tessuto sano con tessuto cicatriziale favorisce lo sviluppo di patologie più gravi, come la cirrosi del fegato e il cancro del fegato, è fondamentale capire come bloccare l’ingresso di cellule infiammatorie che, nel corso del tempo, possono indurre il cancro . I vari tipi di trattamento, così come la frequenza e l’intensità delle dosi che permetterebbero di bloccare gli effetti delle risposte di tipo 3, devono essere perseguiti in modelli di topo in studi preclinici prima di essere infine testati sugli esseri umani. Farmaci già sviluppati per il trattamento della psoriasi nell’uomo, colpiscono con successo le citochine di tipo 3 come IL-17 e IL-22. Questa strada sembra promettente.

Prevalenza di malattie del fegato in Canada e Quebec

Si stima che otto milioni di canadesi possano essere affetti da malattie del fegato, una malattia che presenta pochi o nessun sintomo e che può colpire chiunque. La malattia cronica del fegato può portare a fibrosi, cirrosi e cancro al fegato. Un aumento del rischio di malattia epatica, compresa la steatosi epatica non alcolica (NASH) (nota come malattia del fegato grasso ), l’epatite cronica B e C e il cancro al fegato, è la ragione per cui, in soli 10 anni, il numero di canadesi affetti da malattia epatica è aumentato da 1 a 10 a 1 su 4.

La nostra alimentazione, comportamento sedentario e stile di vita sono le cause principali. Questa svolta scientifica può consentire lo sviluppo di strategie il cui obiettivo è limitare lo sviluppo e la progressione della fibrosi epatica.

Naglaa Shoukry e il suo team stanno  investigando sulla risposta immunitaria contro il virus dell’epatite C (HCV), un’infezione che colpisce circa 71 milioni di individui in tutto il mondo ed è una delle principali cause di malattie croniche del fegato, incluso il cancro. Il team è anche interessato a comprendere il ruolo della regolazione immunitaria nella progressione della fibrosi epatica e nello sviluppo del cancro del fegato. In particolare, esamina i ruoli complementari e talvolta opposti di IL-17 e IL-22 nella fibrosi epatica e nel cancro e le popolazioni di cellule infiammatorie e regolatorie coinvolte in questo processo.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su fibrosi epatica