Integratori alimentari possono provocare lesioni al fegato, dice Epatologo

“La consapevolezza dei pericoli del paracetamolo è aumentata, ma molti consumatori e anche molti operatori sanitari, non sono consapevoli del fatto che alcuni integratori popolari a base di erbe e integratori alimentari possono anche causare danni al fegato”, spiega Steven Scaglione, medico di epatologia della Loyola University Health System (LUHS) e della Scuola di Medicina Stritch (SSOM)  il quale sostiene anche  che”La valeriana, la vitamina A, niacina e anche il tè verde, se consumati in dosi elevate, possono essere stati collegati alla malattia del fegato.”

LiverTox, un nuovo database lanciato il 12 ottobre dal National Institutes of Health (NIH), ha un database di ricerca di circa 700 farmaci. “Il sito web LiverTox è molto facile da usare e fornisce dati  su evidence-based in modo chiaro e sintetico,” dice Scaglione. Nell’ambito del Dipartimento di Salute e Servizi Umani,al NIH saranno aggiunti  altri 300 farmaci nei prossimi anni.

Il paracetamolo è uno dei più utilizzati  over-the-counter antidolorifici e più di 25 miliardi di dosi sono vendute ogni anno. “Le dosi terapeutiche di paracetamolo sono state associate a tossicità epatica,” dice Scaglione, che si prende cura dei pazienti  con patologie del fegato alla Loyola.  Il paracetamolo  inoltre, è anche una componente di base in molti rimedi per raffreddore ed influenza  per adulti e bambini.

“Lesione del fegato causata da farmaci è spesso difficile da identificare e diagnosticare e curare”, continua Scaglione “Il nuovo LiverTox di riferimento on-line è l’ideale per  professionisti medici, come strumento educativo e una guida nella valutazione dei pazienti con sospetto danno epatico indotto da farmaci. L’utilizzo di esempi di casi è particolarmente utile.”

I pazienti possono chiamare 1 – 85-FEGATO DOC (1-855-483-7362) per ulteriori informazioni sul programma della  Loyola  o fissare appuntamenti.