Iniezioni di cellule staminali migliorano lesioni spinali nei ratti

lesioni midollo spinale

Iniezioni di cellule staminali migliorano lesioni spinali nei ratti.

Un team internazionale, guidato da ricercatori della University San Diego School of Medicine  in California, ha riferito che una singola iniezione di cellule staminali neurali umane, ha  prodotto la  rigenerazione neuronale e il miglioramento della funzionalità e della mobilità nei ratti con  lesione acuta  del midollo spinale (SCI).

I risultati sono stati pubblicati il 28 maggio 2013 on line, sulla rivista Stem Cell Research & Therapy .

Martin Marsala, professore del Dipartimento di Anestesiologia  della UC San Diego ed i  colleghi in Slovacchia, Repubblica Ceca e Paesi Bassi, hanno dichiarato  che l’innesto delle cellule staminali neurali derivate da midollo spinale umano, nel sito della  lesione spinale dei ratti, ha prodotto un serie di benefici terapeutici, da meno spasticità muscolare a  nuove connessioni tra le cellule staminali iniettate e neuroni  superstiti ospitanti.

“I vantaggi principali sono stati il ​​miglioramento nel posizionamento e controllo delle zampe durante le prove in piedi e la soppressione di spasticità muscolare”, ha riferito  Marsala, uno specialista in traumi del midollo spinale e  disturbi lesioni correlate della colonna vertebrale. La spasticità – tono muscolare esagerata o spasmi incontrollati – è una complicanza grave e comune di lesione traumatica al midollo spinale.

Le cellule staminali umane hanno preso vigorosamente radice nel sito della lesione, dopo l’innesto.

“In tutti gli animali trattati con innesto di cellule staminali, c’è stato attecchimento robusto e la maturazione neuronale dei neuroni umani innestati,” ha spiegato  Marsala. “È importante sottolineare che cisti o cavità che si possono formare all’interno o intorno alle lesioni spinali non erano presenti in nessun animale trattato. Le cavità, causate da  infortuni, sono  state completamente riempite da cellule trapiantate”.

I ratti hanno ricevuto gli innesti di cellule staminali  tre giorni dopo la lesione (non sono stati utilizzati altri materiali di supporto) e sono stati trattati con  farmaci per sopprimere una risposta immunitaria alle cellule staminali straniere.

Le cellule staminali trapiantate, secondo Marsala, sembrano fare due cose: stimolare la rigenerazione attraverso il neurone ospite e sostituire in parte la funzione dei neuroni perduti.

“Le cellule staminali del midollo innestate sono una ricca fonte di diversi fattori di crescita e  possono  avere un effetto neuroprotettivo e favorire la germinazione delle fibre nervose dei neuroni ospitanti. Abbiamo anche dimostrato che i neuroni trapiantati possono sviluppare i contatti con i neuroni di accoglienza e, in qualche misura, ripristinare la connettività tra centri, sopra e sotto la lesione, che sono coinvolti nel movimento ed elaborazione sensoriale “.

Gli scienziati hanno usato una linea di cellule staminali embrionali umane recentemente approvata per la fase 1 di sperimentazione umana in pazienti con lesioni spinali croniche traumatiche. Marsala ha spiegato che  l’obiettivo finale è quello di sviluppare cellule precursori neurali (in grado di diventare uno dei tre principali tipi di cellule del sistema nervoso) da cellule staminali pluripotenti indotte derivate dai pazienti, che dovrebbero eliminare la necessità di un trattamento immunosoppressivo.

In attesa di approvazione da parte dell’ Institutional Review Board della UC di San Diego, il passo successivo è una piccola prova di fase 1 per verificare la sicurezza e l’efficacia, su pazienti che hanno subito una lesione del midollo spinale toracico (tra le vertebre T2-T12), da uno o due anni e che non  hanno nessuna motricità o funzione sensitiva.

“Questa ricerca  è molto emozionante, soprattutto perché, storicamente, c’è stato ben poco da offrire ai pazienti con lesione acuta del midollo spinale”, ha concluso il co-autore Giuseppe Ciacci,  professore di chirurgia e direttore della   Neurochirurgia presso la Scuola di Medicina della UC di San Diego.

Ciacci ha anche spiegato che  se il primo studio conferma la sicurezza e l’efficacia, come pure la vitalità delle cellule impiantate, la rigenerazione neuronale e diminuzione della spasticità, il protocollo potrà essere esteso ad altri pazienti con altre forme di gravi lesioni del midollo spinale.

Fonte Stem Cell Research & Therapy , 2013; 4 (5): 57 DOI:10.1186/scrt209

Altri articoli su lesioni midollo spinale