HomeSaluteCervello e sistema nervosoMemoria: iniezioni di liquido cerebrospinale la migliora

Memoria: iniezioni di liquido cerebrospinale la migliora

(Memoria-Immagine Credit Public Domain).

Un team internazionale di ricercatori ha scoperto che l‘iniezione di liquido cerebrospinale di topi giovani nei topi più anziani può portare a un miglioramento della memoria. Nell’articolo pubblicato sulla rivista Nature, il gruppo descrive una tecnica per rimuovere piccole quantità di liquido cerebrospinale da topi giovani e iniettarlo nel cervello di un topo più anziano senza causare danni.

Miriam Zawadzki e Maria Lehtine del Boston Children’s Hospital hanno pubblicato un articolo su News & Views nello stesso numero di giornale che delinea il lavoro svolto dal team in questo nuovo sforzo.

- Advertisement -

Vedi anche:Il selenio può invertire la perdita di memoria

Negli ultimi anni, alcuni ricercatori hanno propagandato i benefici della trasfusione di sangue dai giovani agli anziani come mezzo per rallentare il processo di invecchiamento. In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno fatto un ulteriore passo avanti rimuovendo il liquido cerebrospinale da un topo giovane e iniettandolo nel cervello di un topo più anziano per vedere se la strategia potrebbe migliorare la funzione della memoria.

I ricercatori hanno trascorso molti mesi alla ricerca di un modo per rimuovere una piccola quantità di liquido cerebrospinale da un giovane topo in modo da non produrre campioni contaminati. Una volta trovata una tecnica, hanno dovuto trovare un modo per iniettare il campione in un topo più vecchio senza causare danni o infezioni. Una volta perfezionate le due procedure, il team ha addestrato un gruppo di topi più anziani ad associare una luce lampeggiante a una scossa elettrica al piede.

Quindi i ricercatori hanno raccolto più campioni di liquido cerebrospinale da diversi giovani topi e lo hanno iniettato nel cervello di molti dei topi più anziani addestrati: hanno fatto lo stesso con un gruppo di controllo. Dopo due settimane, hanno testato entrambi i gruppi e hanno scoperto che coloro che avevano ricevuto il liquido cerebrospinale ricordavano meglio cosa sarebbe successo quando la luce avesse lampeggiato.

- Advertisement -

I ricercatori hanno anche sezionato il cervello di alcuni dei loro topi trattati per scoprire perché la somministrazione di liquido cerebrospinale ha migliorato la loro memoria. Hanno trovato livelli più alti del normale del fattore di risposta sierico nei topi più anziani, che è coinvolto nella produzione di cellule progenitrici degli oligodendrociti. Hanno anche scoperto che le iniezioni hanno aumentato il fattore di crescita dei fibroblasti 17.

Fonte: Nature

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...