HomeSaluteCervello e sistema nervosoIl selenio può invertire la perdita di memoria

Il selenio può invertire la perdita di memoria

(Selenio-Immagine Credit Public Domain).

Il selenio, un minerale presente in molti alimenti, potrebbe invertire l’impatto cognitivo dell’ictus e aumentare l’apprendimento e la memoria nelle persone che invecchiano, secondo una ricerca dell’Università del Queensland.

La ricercatrice capo del Queensland Brain Institute (QBI), la Dott.ssa Tara Walker, ha affermato che gli studi sull’impatto dell’esercizio sul cervello che invecchia hanno scoperto che i livelli di una proteina chiave per il trasporto del selenio nel sangue sono stati elevati dall’attività fisica.

- Advertisement -

“Sappiamo da 20 anni che l’esercizio può creare nuovi neuroni nel cervello, ma non capivamo davvero come”, ha detto la Dr.ssa Walker.

Il team di ricerca ha indagato se gli integratori alimentari di selenio potessero replicare gli effetti dell’esercizio.

“I nostri modelli hanno dimostrato che l’integrazione di selenio potrebbe aumentare la generazione di neuroni e migliorare la cognizione nei topi anziani“, ha spiegato Walker. I livelli di nuova generazione di neuroni diminuiscono rapidamente nei topi anziani, come negli esseri umani. Quando ai topi sono stati somministrati integratori di selenio, la produzione di neuroni è aumentata, invertendo i deficit cognitivi osservati nell’invecchiamento”.

Il selenio è un minerale traccia essenziale assorbito dal suolo e dall’acqua e si trova in alimenti come cereali, carne e noci, con i livelli più alti che si trovano nelle noci del Brasile.

- Advertisement -

Vedi anche:Memoria: il selenio può invertire la perdita

Gli scienziati hanno anche testato se il selenio avrebbe avuto un impatto sul declino cognitivo a volte sperimentato dopo l’ictus, che può influenzare la memoria e la capacità di apprendimento delle persone.

“I topi giovani sono davvero bravi nei compiti di apprendimento e memoria, ma dopo un ictus non possono più svolgere questi compiti”, ha detto la  Dr.ssa Walker. “Abbiamo scoperto che i deficit di apprendimento e memoria dei topi colpiti da ictus sono tornati alla normalità quando sono stati somministrati integratori di selenio”.

Walker ha affermato che i risultati hanno aperto una nuova strada terapeutica per aumentare la funzione cognitiva nelle persone in cattive condizioni di salute o vecchiaia.

“Tuttavia, gli integratori non dovrebbero essere visti come un sostituto completo dell’esercizio e inoltre, l’assunzione eccessiva può essere dannosa”, ha detto la Dr.ssa. “Una persona che sta seguendo una dieta equilibrata di frutta, noci, verdure e carne di solito ha buoni livelli di selenio. Ma nelle persone anziane, in particolare quelle con condizioni neurologiche, gli integratori potrebbero essere utili”.

La ricerca è stata pubblicata per la prima volta su Cell Metabolism

Fonte:Cell

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...