Per i bambini più grandi e gli adulti che sono stati precedentemente infettati, il problema è l’indebolimento dell’immunità. In assenza di esposizione a un virus, i livelli di anticorpi diminuiscono. In un anno tipo, “potremmo essere esposti a un piccolo virus e il tuo corpo lo combatte”, afferma John Tregoning, immunologo dell’Imperial College di Londra. Ma “quel tipo di potenziamento asintomatico forse non si è verificato negli ultimi anni”.

Debito di immunità

Ma le restrizioni COVID-19 hanno iniziato a essere revocate l’anno scorso. Allora perché l’impennata si sta avendo solo ora? Hensley era preoccupato che l’influenza e l’RSV si sarebbero difuse l’anno scorso. Ma la stagione influenzale nel complesso è stata mite nell’emisfero settentrionale. E sebbene le infezioni da RSV siano aumentate, il picco è stato inferiore rispetto agli anni pre-pandemia ed è arrivato nell’estate del 2021, tempi strani che potrebbero aver contribuito a smorzare la diffusione del virus. Fattori come la temperatura e l’umidità svolgono un ruolo nella trasmissione del virus e quel picco “non era in un momento favorevole all’ambiente per l’RSV”, afferma Virginia Pitzer, epidemiologa della Yale School of Public Health di New Haven, Connecticut.

Nell’agosto 2021, i ricercatori francesi hanno coniato il termine “debito di immunità” per descrivere questa riduzione dell’immunità a livello di popolazione. Su Twitter, il termine ha preso vita propria. Alcune persone hanno pensato che la mancanza di esposizione a agenti patogeni come RSV e influenza abbia danneggiato irrevocabilmente il sistema immunitario, un’idea che Matthew Miller, immunologo della McMaster University di Hamilton, in Canada, chiama “nonsense”.

- Advertisement -

Alcuni scienziati hanno anche ipotizzato sui social media che l’aumento dei ricoveri per RSV potrebbe essere il risultato dell’infezione da SARS-CoV-2 che causa deficienze immunitarie che rendono le persone più suscettibili ad altre infezioni. Ma Miller dice che non ha visto alcuna prova nemmeno per questo, e l’aumento dei ricoveri potrebbe essere spiegato dal gran numero di persone che hanno perso le esposizioni ai virus negli ultimi anni. “C’è una popolazione indifesa leggermente più grande, tutti a rischio. Quindi hai più numeri che entrano nel sistema”, dice Miller.

Vedi anche:L’influenza aviaria dilaga

È difficile prevedere come potrebbe essere la nuova normalità per i virus stagionali. Se molte delle persone suscettibili vengono infettate nei prossimi mesi, la stagione influenzale del prossimo anno potrebbe essere più docile, poiché parte del debito immunitario viene “ripagato”. Ma non è ancora chiaro se COVID-19 diventerà una malattia stagionale come influenza e RSV, o se continuerà come è stato, con picchi sporadici durante tutto l’anno.

Il mistero del rinovirus

C’è anche molto che i ricercatori non capiscono ancora sui virus stagionali. Ad esempio, le restrizioni del COVID-19 sembravano avere scarso impatto su un tipo di virus stagionale, i rinovirus, che sono la causa più comune di raffreddore, per ragioni che non sono del tutto chiare. “Ciò potrebbe essere dovuto alla loro robustezza”, dice Miller. “Sono meno inclini all’essiccamento e possono persistere più a lungo nell’ambiente”.

- Advertisement -

Un’altra questione aperta è come questi virus competono e interferiscono tra loro. L’infezione con un virus può aumentare una forte risposta immunitaria innata che potrebbe prevenire l’infezione con un altro virus. Hensley sottolinea che la prima ondata di influenza dell’anno scorso è diminuita subito dopo l’inizio dell’ondata di Omicron. Forse l’infezione da Omicron ha fornito una protezione di breve durata contro l’influenza. O forse l’ondata di Omicron ha semplicemente convinto le persone a usare le mascherine e mantenere le distanze.

Pitzer prevede che “i picchi e le discese” del prossimo anno potrebbero assomigliare molto di più a quelli che si sono verificati prima della pandemia. “Mi aspetto che questo inverno sarà probabilmente l’ultimo inverno insolito”, dice.

Fonte: Nature