HomeMedicina AlternativaIl selenio rallenta davvero l'invecchiamento?

Il selenio rallenta davvero l’invecchiamento?

(Selenio-Immagine Credit Public Domain).

Il selenio è un minerale traccia, il che significa che il corpo lo richiede solo in quantità molto piccole. È naturalmente presente in molti alimenti ed è disponibile anche come integratore alimentare.

La maggior parte del selenio della nostra dieta viene immagazzinata nel tessuto muscolare, sebbene la tiroide sia  l’organo con la più alta concentrazione.

- Advertisement -

Il selenio è un componente importante di enzimi e proteine, note come selenoproteine, che svolgono un ruolo chiave nella riproduzione, nel metabolismo degli ormoni tiroidei e nella sintesi del DNA. Le selenoproteine ​​agiscono anche come potenti antiossidanti che aiutano a proteggere dalle particelle dannose nel corpo chiamate radicali liberi, atomi instabili prodotti naturalmente nel corpo come sottoprodotto di normali funzioni all’interno del corpo. Provocano danni alle membrane cellulari e al DNA. Nel tempo, questo può portare a infiammazioni, invecchiamento precoce della pelle e una serie di malattie associate all’età.

Benefici antietà del selenio

L’invecchiamento biologico è un processo complesso che coinvolge danni molecolari, squilibri metabolici, cambiamenti del sistema immunitario e una maggiore suscettibilità agli stress ambientali e alle malattie.

Secondo una revisione del 2018, il selenio può combattere l’invecchiamento e prevenire problemi di salute legati all’età, come tumori, malattie cardiovascolari e disturbi neuropsichiatrici. Alcuni ricercatori ritengono anche che il selenio possa ridurre l’nfiammazione cronica che è strettamente correlata all’invecchiamento. Secondo alcune ricerche, le selenoproteine ​​sono le principali responsabili di molti dei benefici per la salute, derivati dal selenio.

Ad esempio, una revisione del 2021 ha rilevato che le selenoproteine ​​svolgono un ruolo chiave nel controllo e nella rimozione delle  proteine ​​mal ripiegate che si accumulano con l’età. Gli specialisti osservano che l’accumulo di proteine ​​mal ripiegate è una caratteristica comune dell’invecchiamento e delle malattie legate all’età, tra cui il diabete di tipo 2 e il morbo di Alzheimer.

- Advertisement -

Gli esperti ritengono inoltre che il selenio protegga la pelle dallo stress ossidativo ultravioletto (UV) stimolando gli enzimi antiossidanti selenio-dipendenti glutatione perossidasi (GPx) etioredossina reduttasiFonte attendibile(TDR). Il TDR si trova nella membrana plasmatica dei cheratinociti epidermici. Questo può potenzialmente combattere l’invecchiamento della pelle causato dall’esposizione ai raggi UV.

Inoltre, uno studio più recente del 2020 ha rilevato che un aumento dell’assunzione di selenio nella dieta è associato a telomeri più lunghi. Questo studio ha rilevato che ogni aumento di 20 microgrammi di selenio nella dieta era associato ad un aumento della una lunghezza dei telomeri dello 0,42% nei partecipanti di età superiore ai 45 anni. I telomeri sono “cappucci protettivi” situati alle estremità dei nostri cromosomi che influenzano la velocità con cui le cellule invecchiano. Alcuni esperti considerano la lunghezza dei telomeri come un biomarcatore informativo dell’invecchiamento.

I ricercatori credono anche che livelli più elevati di selenio siano associati alla longevità. La mortalità per tutte le cause degli anziani con bassi livelli di selenio è significativamente superiore a quella degli anziani con livelli elevati di selenio.

Ad esempio, i centenari spesso sembrano avere livelli sistemici più elevati di selenio e ferro mentre hanno livelli più bassi di rame rispetto ad altre persone anziane.

Vedi anche:Il selenio può invertire la perdita di memoria

Altri benefici per la salute

Il selenio può anche svolgere un ruolo importante nella protezione contro alcune malattie legate all’età.

Cardiopatia

Una meta-analisi ha scoperto che le persone con livelli di selenio più bassi hanno un rischio maggiore di malattia coronarica. Al contrario, una revisione degli studi che hanno utilizzato solo l’integrazione di selenio per la prevenzione primaria delle malattie cardiache non hanno riscontrato effetti statisticamente significativi del selenio su eventi cardiovascolari sia fatali che non fatali.

Anche se alcune ricerche sembrano promettenti, ci sono prove insufficienti per supportare l’uso di routine di integratori di selenio, soprattutto in coloro che ne stanno ottenendo abbastanza dal cibo,  per prevenire le malattie cardiache.

Cancro

C’è l’idea che il selenio possa svolgere un ruolo nella prevenzione del cancro grazie alla sua capacità di proteggere le cellule dai danni e dalle mutazioni del DNA. Tuttavia, le prove rimangono contrastanti.

Secondo una revisione del 2018 di 83 studi, non esiste una ricerca solida che suggerisca che il selenio dalla dieta o dagli integratori prevenga il cancro negli esseri umani.

In effetti, alcune prove attendibili suggeriscono che la supplementazione di selenio può aumentare il rischio di cancro della pelle non melanoma e diabete di tipo 2.

Malattia della tiroide

Il selenio svolge un ruolo chiave nella funzione tiroidea. Alcuni studi suggeriscono che avere livelli di selenio ottimali può proteggere dalle malattie della tiroide e preservare la salute generale.

Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se gli integratori di selenio possono trattare o prevenire le malattie della tiroide.

Declino cognitivo

Poiché i livelli sierici di selenio diminuiscono con l’età, concentrazioni di selenio marginali o carenti possono essere associate al declino della funzione cerebrale correlato all’età. Gli esperti ritengono che ciò potrebbe essere dovuto alle proprietà antiossidanti del selenio.

Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se l’integrazione di selenio può aiutare a trattare o prevenire il declino cognitivo legato all’età negli anziani.

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...