Il sangue è la chiave per la rigenerazione del fegato

fegato

Immagine, James Luyendyk, Professore di patobiologia al Michigan State University College of Veterinary Medicine, ha dimostrato in un nuovo studio che il fibrinogeno della proteina di coagulazione del sangue può essere la chiave per la rigenerazione del fegato. Credito: Michigan State University.

Il fegato è l’unico organo del corpo in grado di rigenerarsi. Ma alcuni pazienti sottoposti a resezione epatica, un intervento chirurgico che rimuove una parte malata dell’organo, finiscono per aver bisogno di un trapianto perché il processo di rinnovamento non funziona.

Un nuovo studio della Michigan State University, pubblicato sulla rivista Blood, mostra che il fibrinogeno della proteina di coagulazione del sangue può contenere la chiave del perché questo accade.

“Abbiamo scoperto che il fibrinogeno si accumula rapidamente nel fegato rimanente dopo l’intervento chirurgico e dice alle piastrine di agire come primi soccorritori, attivando la prima fase di rigenerazione”, ha detto James Luyendyk, Pofessore di patologia nel College of Veterinary Medicine. “Ma se il fibrinogeno o le piastrine sono inibiti, la rigenerazione viene ritardata”.

Le piastrine sono cellule del sangue che aiutano a formare coaguli e fermare il sanguinamento. Quando ricevono informazioni dal fibrinogeno, entrano in azione e si accumulano nella restante parte del fegato per contribuire a ripristinarlo, aumentando le possibilità di un fegato completamente funzionale e di una ripresa di successo.

Usando campioni di pazienti sottoposti a resezione epatica e un modello comparabile nei topi, Luyendyk e il suo team hanno notato che quando i livelli di fibrinogeno erano bassi, il numero di piastrine nel fegato diminuiva.

.Vedi anche, Il cancro si diffonde più frequentemente nel fegato, ecco perché.

“Questo dimostra che i depositi di fibrinogeno sono estremamente importanti e influenzano direttamente la rigenerazione del fegato sia nei topi che negli esseri umani“, ha detto Luyendyk.

Secondo Dafna Groeneveld, co-autore e ricercatore post-dottorato del laboratorio di Luyendyk, la scoperta dimostra che i livelli di fibrinogeno potrebbero essere anche un indicatore predittivo per i medici.

Misurare questa proteina nei pazienti con resezione epatica può aiutarci a determinare in anticipo se l’organo si rigenererà con successo o se diventerà disfunzionale“, ha detto la ricercatrice.

Questo studio potrebbe portare a nuovi trattamenti che aiuterebbero i medici a correggere i bassi livelli della proteina utilizzando concentrati di fibrinogeno che possono essere somministrati durante l’intervento chirurgico.

“Questo tipo di trattamento non è stato ancora provato nei pazienti con resezione epatica “, ha detto Luyendyk. “Ma una volta capito esattamente come funziona il fibrinogeno nel processo di rigenerazione e dopo aver testato potenziali terapie nei topi, potrebbe alla fine fornire la prova di cui abbiamo bisogno per tradurre il nostro lavoro in clinica e migliorare i risultati dei pazienti”.

Fonte, Blood


Altri articoli su fegato