Il pangolino confermato ospite intermedio per la diffusione di SARS-CoV-2

0
7

Immagine: Credit: American Chemical Society 

Mentre gli scienziati si affrettano a saperne di più sul coronavirus SARS-CoV-2, due recenti studi sul genoma del virus hanno raggiunto conclusioni controverse: vale a dire che i serpenti sono ospiti intermedi del nuovo virus e che una proteina chiave del coronavirus condivide “somiglianze inquietanti” con una proteina HIV-1.

Ora, uno studio pubblicato sul Journal of Proteome Research di ACS confuta entrambe le idee e suggerisce che gli animali squamosi simili a un formichiere chiamati pangolini sono l’anello mancante per la trasmissione di SARS-CoV-2 tra pipistrelli e umani.

Comprendere da dove proviene SARS-CoV-2, il virus che ha causato la pandemia di COVID-19 e come si diffonde, è importante per il suo controllo e trattamento. La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che i pipistrelli sono un serbatoio naturale di SARS-CoV-2, ma è necessario un ospite intermedio perchè il virus possa passare dai pipistrelli agli umani. Un recente studio che ha analizzato il genoma del nuovo virus ha suggerito i serpenti come questo ospite, nonostante il fatto che i coronavirus siano noti solo per infettare mammiferi e uccelli. Nel frattempo, uno studio non correlato ha confrontato la sequenza della proteina spike una proteina chiave responsabile del trasferimento del virus nelle cellule di mammifero – del nuovo coronavirus con quella dell’HIV-1, rilevando analogie inattese. Sebbene gli autori abbiano ritirato questo manoscritto prestampato dopo le critiche scientifiche, ha generato voci e teorie cospirative secondo cui il nuovo coronavirus avrebbe potuto essere stato progettato in un laboratorio. Yang Zhang e colleghi volevano condurre un’analisi più attenta e completa delle sequenze di DNA e proteine ​​SARS-CoV-2 per risolvere questi problemi.

Vedi anche: COVID 19: SARS-CoV-2 può colpire di nuovo dopo la guarigione?

Rispetto agli studi precedenti, i ricercatori hanno utilizzato set di dati più grandi e metodi e database bioinformatici più recenti e più accurati per analizzare il genoma SARS-CoV-2. Hanno scoperto che, in contrasto con l’affermazione secondo cui quattro regioni della proteina spike erano condivise in modo univoco tra SARS-CoV-2 e HIV-1, i quattro segmenti di sequenza potevano essere trovati in altri virus, incluso il coronavirus di pipistrello. Dopo aver scoperto un errore nell’analisi che ha suggerito serpenti come ospite intermedio, il team ha cercato sequenze di DNA e proteine ​​isolate dai tessuti del pangolino per trovare quelle simili a SARS-CoV-2.

I ricercatori hanno identificato sequenze di proteine ​​nei polmoni degli animali malati identiche nel 91% alle proteine ​​del virus umano. Inoltre, il dominio di legame del recettore della proteina spike del coronavirus del pangolino presentava solo cinque differenze di aminoacidi rispetto al SARS-CoV-2 e rispetto a 19 differenze tra le proteine ​​virali umane e di pipistrello. Questa evidenza indica il pangolino come l’ospite intermedio più probabile per il nuovo coronavirus, anche se potrebbero esserci possibili ulteriori ospiti intermedi, secondo i ricercatori.

Fonte: Journal of Proteome Research