HomeSaluteCervello e sistema nervosoIl glifosato erbicida attraversa la barriera emato-encefalica

Il glifosato erbicida attraversa la barriera emato-encefalica

(Glifosato-Immagine Credit Scitechdaily).

Gli scienziati hanno dimostrato che il glifosato, un erbicida comunemente usato, può attraversare la barriera ematoencefalica. I ricercatori stanno esplorando i possibili effetti sul cervello del glifosato.

Le malattie neurodegenerative come l’Alzheimer sono tra le più sconcertanti nella ricerca medica. Le cause alla base di queste condizioni potrebbero essere qualsiasi cosa, da influenze dietetiche e decisioni sullo stile di vita a fattori genetici e salute cardiovascolare generale.

- Advertisement -

Vari inquinanti ambientali sono stati anche collegati allo sviluppo o alla progressione di malattie neurologiche. Tra questi c’è il glifosato, un erbicida ad ampio spettro ampiamente utilizzato sulle colture agricole di tutto il mondo.

Joanna Winstone, Ramon Velazquez e i loro colleghi del Translational Genomics Research Institute (TGen) studiano le conseguenze dell’esposizione al glifosato sul cervello dei topi in un nuovo studio. Per la prima volta, lo studio mostra che il glifosato può attraversare con successo la barriera ematoencefalica ed entrare nel cervello. Una volta lì, aumenta i livelli di un fattore chiave noto come TNF-α (per il fattore alfa di necrosi tumorale).

Il TNF-α è una molecola con due facce. Questa citochina pro-infiammatoria è essenziale nel sistema neuroimmunitario, in quanto funziona per aumentare la risposta immunitaria e proteggere il cervello. (Le citochine sono un’ampia categoria di piccole proteine ​​essenziali per una corretta segnalazione cellulare).
Illustrazione degli effetti del glifosato
Immagine: il glicosato è un erbicida ampiamente utilizzato su una varietà di colture. Il grafico illustra i possibili effetti dell’esposizione al glifosato sul cervello. Credito: Shireen Dooling
Quando i livelli di TNF-α sono disregolati, tuttavia, possono verificarsi una serie di malattie legate alla neuroinfiammazione. Tra questi c’è il morbo di Alzheimer.

Lo studio dimostra ulteriormente sulle colture cellulari che l’esposizione al glifosato sembra aumentare la produzione di beta-amiloide solubile (Aβ) e ridurre la vitalità dei neuroni. L’accumulo di Aβ, la proteina appiccicosa responsabile della formazione delle placche di Aβ, è uno dei tratti distintivi diagnostici centrali della malattia di Alzheimer.

- Advertisement -

ulteriori prove suggestive di potenziali rischi per la salute neurologica sono state osservate quando i ricercatori hanno esaminato i cambiamenti nell’espressione genica tramite il sequenziamento dell’RNA nel cervello dei topi in seguito all’esposizione al glifosato.

Queste trascrizioni di RNA hanno accennato a interruzioni nell’espressione di geni correlati alla malattia neurodegenerativa, inclusa la disregolazione di una classe di cellule cerebrali responsabili della produzione della guaina mielinica fondamentale per una corretta comunicazione neuronale. Queste cellule, note come oligodendrociti, sono interessate da livelli elevati di TNF-α.

“Troviamo aumenti di TNF-α nel cervello, in seguito all’esposizione al glifosato”, afferma Velazquez. “Abbiamo esaminato la patologia dell’AD, ma ciò potrebbe avere implicazioni in molte malattie neurodegenerative, dato che la neuroinfiammazione è osservata in una varietà di disturbi cerebrali”.

Una malattia enigmatica

Sono passati cento anni dalla prima diagnosi del morbo di Alzheimer. Nonostante i vasti investimenti nella ricerca e nello sviluppo di farmaci, la malattia rimane senza un trattamento efficace. Una serie di terapie, sviluppate nel corso di molti decenni a costi stravaganti, una dopo l’altra non sono riuscite ad alleviare i sintomi della malattia.

La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza. La progressione della malattia di solito inizia con una lieve perdita di memoria. Dallo sviluppo della malattia, spesso ne derivano una crescente confusione e un’interruzione delle capacità di comunicazione, poiché l’afflizione attacca i percorsi cerebrali coinvolti nella memoria, nel linguaggio e nel pensiero.

Secondo i Centers for Disease Research, nel 2020 circa 5,8 milioni di americani vivono con il morbo di Alzheimer. A differenza delle malattie cardiache o del cancro, il bilancio delle vittime del morbo di Alzheimer è su una spaventosa traiettoria ascendente. Entro il 2040, si prevede che i costi della malattia aumenteranno notevolmente tra $ 379 e oltre $ 500 miliardi all’anno. Attualmente si prevede che lo sbalorditivo bilancio della malattia sarà quasi triplicato fino a raggiungere i 14 milioni di persone entro il 2050.

L’esordio dei sintomi si verifica in genere dopo i 60 anni e il rischio per gli individui raddoppia ogni 5 anni dopo i 65 anni. Sebbene si ritenga che la genetica svolga un ruolo in alcuni casi di malattia di Alzheimer e una storia familiare del disturbo sia considerata un fattore di rischio significativo, si ritiene che i fattori ambientali svolgano un ruolo significativo nella malattia.

Vedi anche:L’esposizione agli inquinanti danneggia il DNA

I ricercatori stanno cercando di capire come i correlati genetici possono interagire in modo sottile con fattori ambientali e di altro tipo per diminuire o aumentare la probabilità di sviluppare l’afflizione. Alcune ricerche recenti suggeriscono che i cambiamenti nello stile di vita, tra cui una corretta attività fisica, cibo nutriente, consumo limitato di alcol e non fumare possono aiutare a prevenire o rallentare il declino cognitivo, osservando che la salute del cervello e quella cardiovascolare sono strettamente collegate.

Effetti tossici

Il nuovo studio esamina gli effetti neurologici del glifosato, l’erbicida più diffuso nell’uso globale. Ogni anno, solo negli Stati Uniti, vengono applicati circa 250 milioni di libbre di glifosato alle colture agricole. Sebbene la sostanza chimica sia considerata generalmente sicura per l’uomo dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente e dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare, i ricercatori stanno dando una “seconda occhiata” a questa decisione.

Gli studi sull’uso acuto di erbicidi suggeriscono che non sono dannosi, ma si sa poco sui possibili effetti a lungo termine dell’esposizione prolungata. Una questione di notevole preoccupazione è che il glifosato può attraversare la barriera ematoencefalica, uno strato di cellule endoteliali che impedisce alle sostanze disciolte nel flusso sanguigno circolante di passare facilmente nel fluido extracellulare del sistema nervoso centrale, dove risiedono i neuroni del cervello.

I potenziali rischi per la salute del cervello posti dal glifosato dovrebbero essere valutati in modo critico, in particolare per coloro che sono costantemente esposti all’erbicida. “Il collegamento con l’Alzheimer è che c’è una prevalenza molto più alta del morbo di Alzheimer nelle comunità agricole che utilizzano questa sostanza chimica”, afferma Winstone. “Stiamo cercando di stabilire un legame basato sulla scienza molecolare tra i due”.

Lo studio ha esposto i topi a dosi elevate di glifosato, quindi ha rilevato livelli elevati di TNF-α nel cervello. I ricercatori hanno quindi esposto i neuroni di topo estratti nelle piastre di Petri agli stessi livelli di glifosato rilevati nel cervello dei topi, osservando un’elevata beta amiloide e la morte cellulare nei neuroni corticali. Trascrizioni di RNA di oligodendrociti disregolate, che potrebbero indicare l’interruzione della mielinizzazione, sono state rilevate nel tessuto cerebrale.

 

 

Presi insieme, i risultati dimostrano una correlazione tra l’esposizione al glifosato e i sintomi classici dell’AD, sebbene gli autori sottolineino che sarà necessario molto più lavoro prima che possa essere stabilito un nesso causale.

Tuttavia, l’uso diffuso della sostanza chimica e i correlati inquietanti evidenziati nel presente studio sottolineano la necessità di intensificare le indagini. Alcune domande urgenti a cui rispondere sono: “In che modo l’esposizione prolungata a basse dosi al glifosato influisce sul cervello? Il glifosato agisce in sinergia con altre sostanze chimiche presenti nei comuni erbicidi? E il glifosato può essere rilevato post mortem nei pazienti morti di Alzheimer?

All’orizzonte, si stanno esplorando nuovi farmaci progettati per ridurre il TNF-α nel cervello, offrendo rinnovata speranza a chi soffre di Alzheimer e ad altri disturbi neurodegenerativi.

Fonte: Journal of Inflammation

 

 

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...