Il fumo di sigaretta riduce l’attività dell’immunoproteasoma

BPCO,fumo

Immagine: Dr. Silke Meiners (sinistra), Ilona Kammerl

Gli scienziati dell’ Helmholtz Zentrum München, insieme ad un team internazionale e colleghi dell’Ospedale Universitario dell’Università di Monaco (LMU) e al Centro tedesco Lung Research (DZL), hanno mostrato per la prima volta che il fumo di sigaretta riduce l’attività  dell’immunoproteasoma. Inoltre, i pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) hanno ridotti livelli di immunoproteasome. Questo potrebbe contribuire ad un aumento della suscettibilità dei pazienti BPCO a infezioni delle vie aeree, come recentemente pubblicato sull’ American Journal of Respiratorie e Critical Care Medicine.

L’ immunoproteasoma è una struttura definita nelle cellule di mammifero ed è specializzata per degradare molecole proteiche che sono estranee alla cellula, come ad esempio nelle infezione da virus. La sua funzione è paragonabile a un trituratore cellulare. Brandelli di proteine ​​(peptidi) vengono poi presentati al sistema immunitario all’esterno della cellula per evocare una risposta immunitaria specifica contro la cellula infettata dal virus. Un gruppo di ricerca guidato dal  Dr. Silke Meiners dell’Istituto di Biologia e Lung Disease (iLBD) / Comprehensive Pneumologia Center (CPC) presso l’Helmholtz Zentrum di München ha ora scoperto che il fumo danneggia in modo cruciale la risposta protettiva del sistema immunitario.

“Abbiamo osservato che il fumo di sigaretta riduce l’attività dell’immunoproteasoma nelle cellule umane”, spiega il primo autore dello studio, Ilona Kammerl. ”  Come risultato, la presentazione dei frammenti proteici degradati al sistema immunitario non funziona correttamente e indebolisce quindi la risposta immunitaria specifica”.

È importante sottolineare che i polmoni dei pazienti con BPCO presentano una ridotta attività dell’immunoproteasoma.

“I pazienti con BPCO sperimentano spesso peggioramento acuto della funzionalità polmonare (” riacutizzazioni “) nel corso di una infezione virale e non recuperano completamente dopo questi eventi. Ciò suggerisce che la risposta immunitaria specifica di patogeni virali è ridotta nei pazienti con BPCO. I nostri dati forniscono la prima indicazioni che questo è dovuto al fumo di sigaretta che induce una riduzione dell’attività dell’immunoproteasoma “, sottolinea il leader dello studio Silke Meiners.

Il fumo di sigaretta è un fattore di rischio primario per la BPCO.

Gli scienziati ora vogliono indagare se la ridotta attività dell’immunoproteasoma può servire come biomarcatore per una maggiore suscettibilità alle infezioni virali nella BPCO. Ulteriori studi dovrebbero chiarire se i cambiamenti nei livelli dell’ immunoproteasoma sono rilevabili nelle cellule del sangue e se questo è associato ad un aumento della suscettibilità alle infezioni delle vie aeree.

L’ immunoproteasoma potrebbe anche essere bersaglio terapeutico.

“Un aumento mirato dell’ attività dell’immunoproteasoma sarebbe vantaggioso per suscitare una risposta immunitaria più efficace alle infezioni da virus nei pazienti con BPCO e contrastare il declino della funzione polmonare”, spiega il Prof. Dr. Oliver Eickelberg, vicedirettore  DZL.

L’ immunoproteasoma  è un complesso proteico di forma cilindrica che degrada strutture proteiche particolare che provengono da proteine ​​estranee alle cellule, come le particelle virali, in parti più piccole che vengono poi presentate al sistema immunitario sulla superficie cellulare, per suscitare una risposta immunitaria specifica.

Fonte: https://www.helmholtz-muenchen.de/en/news/latest-news/press-information-news/article/31194/index.html


Altri articoli su BPCO, fumo