Scoperto un farmaco che rallenta la progressione dell’alzheimer e altre malattie neurodegenerative

alzheimer,Malattie neurodegenerative

Un farmaco, che aumenta l’attività nel sistema di “smaltimento dei rifiuti” del cervello, può diminuire i livelli di proteine ​​tossiche associate alla malattia di alzheimer e altre patologie neurodegenerative e migliorare la cognizione nei topi, secondo un nuovo studio condotto da neuroscienziati della Columbia University Medical Center (CUMC).

Lo studio è stato pubblicato nell’edizione online di Nature Medicine.

“Abbiamo dimostrato per la prima volta, che è possibile utilizzare un farmaco per attivare questo sistema di smaltimento dei rifiuti nei neuroni ed efficacemente rallentare la malattia”, ha detto il leader dello studio Karen E. Duff, PhD, Professore di patologia e biologia cellulare alla CUMC e presso l’Istituto Psichiatrico dello Stato di New York.

” La ricerca apre nuove vie di trattamento per l’Alzheimer e molte altre malattie neurodegenerative”. Il farmaco usato è Rolipram, che provoca nausea e quindi non è un buon farmaco per l’uso negli esseri umani, ma farmaci simili non comportano nausea come effetto secondario e potrebbero presto essere utilizzati in studi clinici.

Per rimanere in buona salute, le cellule cerebrali devono continuamente eliminare cellule vecchie, usurate o proteine ​​danneggiate, compito svolto da un piccolo cilindro molecolare chiamato proteasoma che agisce come una sorta di smaltimento dei rifiuti: “macina” le vecchie proteine ​​in modo che possano essere riciclate in nuove. Nelle malattie neurodegenerative, le proteine ​​contrassegnate per la distruzione si accumulano nei neuroni del cervello, suggerendo che i proteasomi delle cellule sono alterati.

Utilizzando un modello murino di neurodegenerazione, i ricercatori hanno scoperto che tau – una proteina tossica che si accumula nella malattia di Alzheimer e altre malattie degenerative del cervello – interviene sul proteasoma e rallenta il processo di smaltimento delle proteine.

La somministrazione di Rolipram ha attivato il proteasoma e riportato la disposizione delle proteine ​​a livelli normali. Il farmaco ha migliorato anche la memoria dei topi malati, ai livelli osservati nei topi sani.

Rolipram, sperimentato sui topi, ha dimostrato di migliorare la memoria, ma il meccanismo di come questo si è verificato non era stato chiarito. La nuova ricerca mostra che inibendo l’enzima PDE-4, Rolipram produce un cambiamento fisico nel proteasoma che aumenta la sua attività.

“Noi ancora non sappiamo esattamente come si verifica l’attivazione del proteasoma, ma quello che c’è di nuovo è che possiamo modificare il proteasoma ed aumentare la sua attività”, ha spiegato il primo autore dello studio, Natura Myeku, PhD , un ricercatore associato di patologia e biologia cellulare alla CUMC.

I farmaci che hanno come target i proteasomi in questo modo, dovrebbero funzionare per qualsiasi malattia causata da un accumulo anormale di proteine, tra cui l’Alzheimer, Huntington, il Parkinson e la demenza frontotemporale.

“I trattamenti che accelerano questi meccanismi di smaltimento delle cellule dovrebbero, in teoria, solo degradare le proteine ​​anomali”, ha detto il Dottor Duff. “Nella malattia di Alzheimer, ci sono almeno quattro tipi diversi di proteine anomale:. Amiloide, tau, l’alfa-sinucleina e TDP43 A e il proteasoma ben funzionante, può cancellarle tutte in una sola volta”.

“Questo emozionante  ricerca del team del Dr. Duff avanza la nostra comprensione di base del sistema del proteasoma, fornisce un modo per riparare il sistema quando diventa disfunzionale e allevia i sintomi delle malattie neurodegenerative”, ha conclusoo Rod Corriveau, PhD, Direttore del programma presso l’Istituto Nazionale di Salute Mentale e Malattie Neurologiche e Ictus, che ha finanziato lo studio.

 

Fonte:”Tau-driven 26S proteasome impairment and cognitive dysfunction can be prevented early in disease by activating cAMP-PKA signaling” Natura Myeku, Catherine L Clelland, Sheina Emrani, Nikolay V Kukushkin, Wai Haung Yu, Alfred L Goldberg & Karen E Duff. Nature Medicine, doi:10.1038/nm.4011. Published online 21 December 2015


Altri articoli su alzheimer, Malattie neurodegenerative