HomeAlimentazione & BenessereIl consumo eccessivo di alcol accelera l'invecchiamento

Il consumo eccessivo di alcol accelera l’invecchiamento

Gli effetti a breve termine del consumo eccessivo di alcol sono ben noti, ma ad oggi è meno certo se l’alcol acceleri anche il processo di invecchiamento.

Tradizionalmente, indagare su questo è stato impegnativo a causa della mancanza di metodi affidabili per misurare l’invecchiamento biologico. Inoltre, dagli studi osservazionali non era chiaro se l’alcol fosse la vera causa di qualsiasi effetto o se fosse collegato ad altri fattori, come lo stato socio-economico.

Oggi, i ricercatori dell’Oxford Population Health hanno pubblicato i risultati di una nuova analisi genetica che suggerisce che l’alcol accelera direttamente l’invecchiamento danneggiando il DNA nei telomeri.

- Advertisement -

I risultati dello studio sono stati pubblicati oggi su Molecular Psychiatry.

I telomeri sono sequenze di DNA ripetitive che ricoprono l’estremità dei cromosomi, proteggendoli dai danni. La lunghezza dei telomeri è considerata un indicatore dell’invecchiamento biologico, poiché ogni volta che una cellula si replica si perdono 50-100 basi del DNA. Una volta che i telomeri diventano troppo corti, le cellule non possono più dividersi e possono anche morire. Studi precedenti hanno collegato lunghezze dei telomeri più brevi con diverse malattie legate all’invecchiamento tra cui il morbo di Alzheimer, il cancro e la malattia coronarica.

In questa analisi, i ricercatori hanno studiato l’associazione tra assunzione di alcol e lunghezza dei telomeri in oltre 245.000 partecipanti alla biobanca britannica. Hanno utilizzato un approccio genetico chiamato randomizzazione mendeliana (MR), la prima volta che è stato applicato per studiare gli effetti dell’alcol sull’invecchiamento. Questo metodo utilizza “proxy genetici” per prevedere il livello di esposizione per ciascun partecipante.

Per questo studio, i ricercatori hanno utilizzato varianti genetiche che sono state precedentemente associate al consumo di alcol e ai disturbi da uso di alcol in studi di associazione su larga scala a livello del genoma.

- Advertisement -

Per completare l’analisi MR, i ricercatori hanno anche eseguito una valutazione osservazionale, basata sull’assunzione settimanale di alcol auto-riferita dai partecipanti al reclutamento.

Nell’analisi osservazionale, è stata rilevata un’associazione significativa tra un’elevata assunzione di alcol e una minore lunghezza dei telomeri. Rispetto al consumo di meno di 6 unità di alcol a settimana (circa due grandi bicchieri di vino da 250 ml), il consumo di più di 29 unità a settimana (circa dieci bicchieri da 250 ml di vino al 14% in volume di vino) era associato a un’età compresa tra uno e due anni -correlato cambiamento sulla lunghezza dei telomeri.

Gli individui a cui era stato diagnosticato un disturbo da consumo di alcol avevano lunghezze dei telomeri significativamente più brevi rispetto ai controlli, equivalenti a un cambiamento correlato all’età tra 3 e 6 anni.

Allo stesso modo, nell’analisi MR, un maggiore consumo di alcol geneticamente previsto era associato a una lunghezza dei telomeri più corta. Un aumento da 10 unità a 32 unità di alcol a settimana è stato associato all’equivalente di 3 anni di invecchiamento.

Tuttavia, l’associazione tra il consumo di alcol geneticamente previsto e la lunghezza dei telomeri era significativa solo per coloro che bevono più di 17 unità a settimana. Ciò suggerisce che potrebbe essere necessaria una quantità minima di consumo di alcol per danneggiare i telomeri.

L’analisi MR ha anche riscontrato un’associazione significativa tra il disturbo da consumo di alcol geneticamente previsto e la lunghezza dei telomeri, equivalente a circa 3 anni di invecchiamento.

La maggior parte dei partecipanti erano attualmente bevitori, con solo il 3% che non beveva mai e il 4% che beveva in precedenza. Il 51% erano uomini, il 49% erano donne e l’età media era di 57 anni.

Il capo dello studio, la Dott.ssa Anya Topiwala dell’Oxford Population Health, afferma che “Questi risultati supportano il suggerimento che l’alcol, in particolare a livelli eccessivi, influenzi direttamente la lunghezza dei telomeri. I telomeri accorciati sono stati proposti come fattori di rischio che possono causare una serie di gravi malattie dell’età- malattie correlate, come il morbo di Alzheimer. I nostri risultati forniscono un’altra informazione per i medici e i pazienti che cercano di ridurre gli effetti dannosi del consumo di alcol in eccesso. Inoltre, la dose di alcol è importante, anche ridurre il consumo di alcol potrebbe avere dei benefici”.

Vedi anche:Alcol: l’assunzione è pericolosa per il cuore

Sia per l’analisi osservazionale che per quella MR, le lunghezze dei telomeri sono state misurate utilizzando i leucociti (cellule del sistema immunitario) dai campioni di DNA dei partecipanti raccolti quando i partecipanti sono stati reclutati per la prima volta nella biobanca britannica.

Nell’analisi MR, l’assunzione di alcol è stata stimata esaminando campioni di DNA per 93 varianti genetiche che erano state precedentemente associate al consumo settimanale di alcol, oltre a 24 varianti che erano state precedentemente collegate a una diagnosi di disturbo da consumo di alcol. Poiché queste varianti genetiche sono assegnate in modo casuale e fissate prima della nascita, i risultati danno maggiore sicurezza che l’alcol influisca direttamente sulla lunghezza dei telomeri, piuttosto che un diverso fattore responsabile.

Sebbene questi risultati non dimostrino in modo conclusivo che l’alcol influisca direttamente sulla lunghezza dei telomeri, due risultati dello studio supportano questa ipotesi.

1) Gli effetti sono stati riscontrati solo negli attuali bevitori, e non nei precedenti o non bevitori;

 2) La variante genetica più influente nell’analisi MR è stata l’AD1HB, un gene del metabolismo dell’alcol.

Secondo il team di ricerca, un potenziale meccanismo biologico per spiegare l’influenza dell’alcol sulla lunghezza dei telomeri è l’aumento dello stress ossidativo e dell’infiammazione. Il processo che scompone l’etanolo nel corpo può sia produrre specie ossidative reattive che danneggiano il DNA, sia ridurre i livelli di composti antiossidanti che proteggono dallo stress ossidativo.

Il Dottor Richard Piper, amministratore delegato di Alcohol Change UK, afferma che “accoglie con favore tutte le ricerche sugli effetti dell’alcol sul corpo umano. Questo studio particolare mostra chiari legami tra consumo di alcol e invecchiamento e indica un possibile legame tra alcol e Alzheimer”.

I ricercatori sono chiari sul fatto che questo studio non dimostri un nesso causale, ma ben argomenta sul probabile meccanismo biologico. In generale, esiste un corpo scientifico sempre più ampio che mostra come, esattamente, l’alcol provoca tanti problemi di salute e tante morti premature”.

Fonte: Molecular Psychiatry

 

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...