L’impatto delle noci sul microbioma intestinale

noci

Le diete ricche di noci hanno dimostrato di avere un ruolo sulla salute del cuore e nella riduzione del cancro del colon-retto. Secondo un nuovo studio dell’Università dell’Illinois, il modo in cui le noci colpiscono il microbioma intestinale – la raccolta di trilioni di microbi o batteri nel tratto gastrointestinale – potrebbe essere alla base di alcuni di questi benefici per la salute.

Le noci sono solo una linea di alimenti che contengono fibre alimentari, ma hanno suscitato l’interesse dei ricercatori per il loro impatto sul microbioma e sulla salute. La fibra alimentare agisce come fonte di cibo per il microbiota intestinale, aiutando i batteri a svolgere il loro lavoro – abbattere alimenti complessi, fornirci nutrienti o aiutarci a sentirci pieni, per esempio.

Frutta, verdura, cereali integrali, noci e legumi sono importanti fonti vegetali di fibra alimentare. Mangiare una varietà di questi alimenti aiuta a promuovere un diverso microbiota intestinale, che a sua volta aiuta a sostenere la salute.

I risultati dello studio, pubblicato su The Journal of Nutrition, mostrano che il consumo di noci non solo ha effetti benefici sul microbiota intestinale e gli acidi biliari secondari derivati ​​dai microbi, ma ha anche ridotto i livelli di colesterolo LDL negli adulti partecipanti allo studio; buone notizie per la salute cardio, metabolica e gastrointestinale.

“Abbiamo scoperto che quando si consumano le noci aumentano i microbi che producono il butirrato, un metabolita benefico per la salute del colon, quindi l’interazione delle noci con il microbioma contribuisce a produrre alcuni di questi effetti sulla salute“, dice Hannah Holscher, Assistente Professore di scienze alimentari e nutrizione umana alla Illinois e autore principale dello studio. “Si tratta di arrivare alla ‘scatola nera’ che è composta da tutti i microbi nel nostro tratto gastrointestinale per vedere come si interfacciano con il cibo che mangiamo e quali sono gli effetti sulla salute a valle. Alcuni di questi effetti sulla salute sono ipotizzati come correlati ai batteri metabolici che producono”, dice la ricercatrice.

Per lo studio sull’alimentazione controllata, 18 adulti maschi e femmine sani hanno consumato diete che includevano 0 grammi di noci o 42 grammi – circa un terzo di una tazza. Campioni di feci e di sangue sono stati raccolti all’inizio e alla fine di ogni periodo per valutare gli esiti secondari dello studio, compresi gli effetti del consumo di noci sul microbiota fecale e sugli acidi biliari e sui marcatori metabolici della salute.

Il consumo di noce ha portato ad una maggiore abbondanza relativa di tre batteri di interesse: FaecalibacteriumRoseburia e Clostridium.

“I microbi che sono aumentati in abbondanza relativa in questo studio sulle noci provengono dal Clostridium ed aumentano la produzione di butirrato“, dice Holscher. “C’è un grande interesse per anche per il Faecalibacterium perché è stato dimostrato negli animali che riduce l’infiammazione. Gli animali con una maggiore quantità di questi batteri hanno anche una migliore sensibilità all’insulina. Esiste anche un crescente interesse per Faecalibacterium come potenziale batterio probiotico”.

( Vedi anche:Assunzione regolare di noci legata al minor rischio di fibrillazione atriale).

I risultati dello studio mostrano anche che il consumo di noci promuove la riduzione degli acidi biliari secondari rispetto al controllo. “Gli acidi biliari secondari hanno dimostrato di essere più alti negli individui con più alti tassi di cancro del colon-retto“, spiega Holscher.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che la quantità di energia (calorie) derivata dalle noci dopo averle mangiate è inferiore a quanto si pensasse in precedenza.

“Quando abbiamo eseguito i calcoli per determinare quanta energia abbiamo previsto dal consumo di noci, il risultato non si è allineato con l‘energia assorbita“, afferma Holscher. “Assorbi solo circa l’80 percento dell’ energia dalle noci, il che significa che i microbi intestinali hanno accesso a quel 20 percento in più di calorie e ai grassi e alle fibre lasciati al loro interno”.

“Abbiamo bisogno di più ricerche per esaminare ulteriori metaboliti microbici e come questi influenzino i risultati sulla salute, invece di caratterizzare solo i cambiamenti nel microbioma”, conclude Holscher.

Fonte: The Journal of Nutrition

 

Altri articoli su noci