Il consumo di arance protegge dalla degenerazione maculare

degenerazione maculare

Un nuovo studio ha dimostrato che le persone che mangiano regolarmente arance hanno meno probabilità di sviluppare la degenerazione maculare rispetto alle persone che non mangiano arance.

I ricercatori del Westmead Institute for Medical Research hanno intervistato oltre 2000 australiani adulti di età superiore ai 50 anni e li hanno seguiti per un periodo di 15 anni.

La ricerca ha dimostrato che le persone che mangiavano almeno una porzione di arance ogni giorno avevano un rischio ridotto di oltre il 60% di sviluppare una degenerazione maculare tardiva, 15 anni dopo.

( Vedi anche:Scoperti due composti miracolosi nelle uve rosse e arance).

Il ricercatore associato Bamini Gopinath dell’Università di Sydney ha spiegato che i dati mostrano che i flavonoidi presenti nelle arance sembrano aiutare a prevenire questa malattia dell’occhio.

“Fondamentalmente abbiamo scoperto che le persone che mangiano almeno una porzione di arancia ogni giorno hanno un rischio ridotto di sviluppare la degenerazione maculare rispetto alle persone che non mangiano mai arance. Anche mangiare una arancia una volta alla settimana sembra offrire vantaggi significativi. I dati mostrano che i flavonoidi trovati nelle arance sembrano contribuire a proteggere contro la malattia”.

Il Professore associato Gopinath ha affermato che fino ad ora la maggior parte delle ricerche si è concentrata sugli effetti dei nutrienti comuni come le vitamine C, E e A sugli occhi.

“La nostra ricerca è diversa perché ci siamo concentrati sulla relazione tra flavonoidi e degenerazione maculare. I flavonoidi sono potenti antiossidanti presenti in quasi tutti i tipi di frutta e verdura e hanno importanti benefici anti-infiammatori per il sistema immunitario. Abbiamo esaminato cibi comuni contenenti flavonoidi come tè, mele, vino rosso e arance. Significativamente, i dati non hanno mostrato una relazione tra altre fonti alimentari che proteggono gli occhi dalla malattia“, ha detto il ricercatore.

Uno su sette australiani sopra i 50 anni presenta alcuni segni di degenerazione maculare. L’ età è il fattore di rischio noto più forte e la malattia è più probabile che si verifichi dopo i 50 anni.

Non esiste attualmente una cura per questa malattia .

La ricerca ha raccolto dati dal Blue Mountains Eye Study, uno studio di riferimento basato sulla popolazione che ha avuto inizio nel 1992.

È uno dei più grandi studi epidemiologici del mondo, che misura i fattori di dieta e stile di vita contro i risultati di salute e una serie di malattie croniche.

“La nostra ricerca mira a capire perché si verificano le malattie degli occhi, così come le condizioni genetiche e ambientali possono minacciare la visione”, ha concluso il Prof. Gopinath.

Fonte: The American Journal of Clinical Nutrition 

Altri articoli su degenerazione maculare