Il comportamento sedentario contribuisce alla prevalenza della steatosi epatica

steatosi epatica

La ridotta attività fisica e comportamento sedentario contribuiscono alla prevalenza della steatosi epatica non alcolica (NAFLD), secondo un nuovo studio pubblicato nel Journal of Hepatology.

L’attività fisica è nota per ridurre l’incidenza e la mortalità di varie malattie croniche. Tuttavia, più della metà della giornata di una persona prevede attività sedentarie associate alla prolungata posizione seduta, come guardare la TV e utilizzare il computer e altri dispositivi.

Recentemente, l’attenzione si è concentrata sugli effetti dannosi del comportamento sedentario indipendentemente da ulteriore attività fisica. Un numero crescente di studi epidemiologici hanno suggerito un’associazione tra comportamento sedentario e malattie croniche come l’obesità, il diabete, l’insulino-resistenza, sindrome metabolica, malattie cardiovascolari, il cancro e persino la morte. Questa associazione non è stata ancora osservata tra i pazienti che partecipano a livelli da moderata a vigorosa attività fisica e indica che alti livelli  di attività fisica non proteggono completamente contro i rischi connessi con periodi prolungati di comportamenti sedentari.

Inoltre, l’associazione tra attività fisica e NAFLD è in gran parte inesplorata.

In questo studio i ricercatori hanno esaminato l’associazione di tempo e livello di attività fisica con la steatosi epatica non alcolica ( NAFLD) in uomini e donne coreane, per esplorare se tutte le associazioni osservate erano correlate alla quantità di grasso corporeo. Quasi 140.000 coreani sono stati sottoposti a esami sanitari tra il marzo 2011 e il dicembre 2013. Il loro livello di attività fisica e comportamento sedentario sono stati valutati utilizzando la versione coreana del questionario internazionale sull’ attività fisica Short Form. La presenza di steatosi epatica è stata determinata mediante ecografia.

Tra le persone studiate, quasi 40.000 hanno avuto una diagnosi di steatosi epatica. Soprattutto, i ricercatori hanno scoperto che il prolungato tempo trascorso a sedere e diminuito livello di attività fisica, sono associati in maniera indipendente con crescente prevalenza di NAFLD. Sorprendentemente, queste associazioni sono state osservate anche in pazienti con un indice di massa corporea (BMI) inferiore a 23.

Il ricercatore Seungho Ryu, PhD, MD, del Department of Occupational and Environmental Medicine, Kangbuk Samsung Hospital, Sungkyunkwan University School of Medicine, Seoul, South Korea, ha spiegato, “Abbiamo scoperto che prolungato tempo trascorso seduti e diminuito livello di attività fisica sono positivamente associati con la prevalenza di NAFLD, in un ampio campione di coreani di mezza età “.

Il co-autore Yoosoo Chang, MD, PhD, ha aggiunto: “I nostri risultati suggeriscono che sia l’aumento della partecipazione all’attività fisica che la riduzione del tempo che si sta seduti, possono essere indipendentemente importanti nel ridurre il rischio di NAFLD” e sottolinea l’importanza di ridurre il tempo trascorso seduti, oltre a promuovere l’attività fisica.

“I dati di Ryu e colleghi aggiungono prove forti e allarmanti che stare troppo seduti e troppo poco movimento hanno significative conseguenze negative per la salute cardio-metabolica”, ha commentato Michael I. Trenell, PhD, Professore di Metabolism & Lifestyle Medicine alla Newcastle University nel Regno Unito e un esperto su come lo stile di vita influenza la salute per tutta la vita e il benessere e le malattie croniche.

“Il messaggio è chiaro: ” le nostre sedie ci stanno lentamente, ma sicuramente, uccidendo”. Il nostro corpo è progettato per muoversi e non è sorprendente che il comportamento sedentario, caratterizzato da attività fisica ridotta, ha un impatto diretto sulla fisiologia. Con una carenza di terapie farmacologiche approvate per la steatosi epatica, il cambiamento di stile di vita rimane il fondamento della cura clinica. La sfida per noi è ora quella di ‘stand up’ e muoversi per NAFLD, sia fisicamente che metaforicamente “, ha aggiunto il professor Trenell .

Fonte: http://www.eurekalert.org/pub_releases/2015-09/ehs-ca091115.php

Altri articoli su steatosi epatica