HomeSaluteIBD e COVID 19: nuovi farmaci a base di yogurt probiotico

IBD e COVID 19: nuovi farmaci a base di yogurt probiotico

I ricercatori della Ben-Gurion University of the Negev (BGU) hanno identificato per la prima volta nuovi farmaci candidati basati su molecole isolate dallo yogurt probiotico Kefir per combattere i batteri patogeni e trattare varie condizioni infiammatorie, tra cui la malattia infiammatoria intestinale (IBD) e tempeste di citochine correlate a COVID 19.

Le miscele di microrganismi probiotici fermentati con il latte (p. Es., Yogurt, kefir) sono percepite come fattori che contribuiscono alla salute umana e possibilmente in grado di proteggere dalle infezioni batteriche. La coesistenza di microrganismi probiotici è probabilmente mantenuta tramite complessi meccanismi biomolecolari, metaboliti secreti che mediano la comunicazione cellula-cellula e altre vie biochimiche ancora sconosciute. In particolare, decifrare i meccanismi molecolari mediante i quali i microrganismi probiotici inibiscono la proliferazione di batteri patogeni sarebbe molto importante per comprendere sia i potenziali benefici degli alimenti probiotici sia il mantenimento di un microbioma intestinale sano.

(IBD-Immagine Credit Public Domain).

- Advertisement -

La ricerca, pubblicata su Microbiome, una delle principali pubblicazioni sottoposte a revisione paritaria, è stata guidata da Orit Malka, Ph.D. studente del Prof. Raz Jelinek, vice Presidente della GU e Preside per la ricerca e lo sviluppo. “Questi risultati sono notevoli, poiché questa è la prima dimostrazione che la virulenza dei batteri patogeni umani può essere mitigata da molecole secrete nei prodotti a base di latte probiotico, come yogurt o kefir. La nostra ricerca mette in luce il meccanismo attraverso il quale i probiotici fermentati nel latte possono proteggere dalle infezioni patogene e aiutare il sistema immunitario. A seguito di risultati promettenti in modelli animali, non vediamo l’ora di somministrare questi farmaci candidati a pazienti che stanno vivendo una tempesta di citochine a causa dell’infezione da COVID-19 o a persone che soffrono di patologie intestinali infiammatorie acute (IBD), come il morbo di Crohn”, dice il Prof. Raz Jelinek, vicePresidente GU e decano per la ricerca e lo sviluppo.

Vedi anche:Nuovo composto dei mirtilli potrebbe trattare la IBD

Kefir è una bevanda a base di latte probiotico fermentato ottenuta mediante l’infusione di latte di mucca o capra con grani di kefir contenenti lievito e batteri dell’acido lattico. I probiotici sono ampiamente percepiti come utili alle funzioni immunitarie, influenzando popolazioni microbiche equilibrate nel sistema digestivo e potenzialmente proteggendo il corpo dalle infezioni batteriche.

“Le proprietà salutari dei probiotici nello yogurt sono state ampiamente riconosciute, ma i nostri straordinari ricercatori BGU hanno dimostrato come abbiano effettivamente il potenziale per essere farmaci altamente efficaci”, afferma Doug Seserman, amministratore delegato, American Associates, Ben-Gurion University of the Negev. “È un altro esempio di ricerca e innovazione rivoluzionarie alla BGU”.

- Advertisement -

I ricercatori della BGU hanno dimostrato che le molecole secrete dal kefir erano in grado di ridurre significativamente la virulenza del Vibrio cholerae che causa il colera. L’effetto antibatterico era basato sull’interruzione della comunicazione tra le cellule batteriche, un approccio promettente contro i batteri resistenti agli antibiotici.

In uno studio di follow-up, gli scienziati hanno osservato che le molecole isolate avevano proprietà antinfiammatorie drastitiche in varie condizioni patologiche e modelli di malattia. Ad esempio, i risultati sperimentali hanno rivelato che le molecole guarivano efficacemente i topi afflitti da una letale “tempesta di citochine”l’estrema risposta immunitaria che è una delle principali cause di morte nei pazienti COVID-19. Le molecole non solo hanno eliminato la tempesta di citochine, ma hanno anche ripristinato l’equilibrio del sistema immunitario, un’impresa straordinaria che punta a un potenziale terapeutico significativo.

Spiegano gli autori:

Questo studio mette in luce un meccanismo ancora non riconosciuto per l’inibizione tra i regni della comunicazione cellula-cellula di batteri patogeni in una miscela di microrganismi probiotici. È stato dimostrato che una molecola secreta da funghi identificata di recente, il triptofolo acetato, interrompe le vie di rilevamento del quorum del patogeno intestinale umano V. cholerae. L’interferenza tra i regni nel rilevamento del quorum può svolgere un ruolo importante nel consentire la coesistenza di microrganismi in ambienti multi-popolazione, come gli alimenti probiotici e il microbioma intestinale. Questa scoperta potrebbe spiegare le proprietà antivirulenti del microbioma umano e potrebbe aiutare a chiarire i benefici per la salute dei prodotti probiotici contro le malattie batteriche associate”.

I ricercatori hanno formato una nuova società per sviluppare e commercializzare la tecnologia attraverso BGN Technologies, la società di trasferimento tecnologico BGU.

“In un mondo in cui i batteri resistenti agli antibiotici stanno diventando una minaccia imminente, le nuove molecole scoperte dagli scienziati BGU aprono un percorso completamente nuovo per combattere le infezioni batteriche interrompendo le comunicazioni cellula-cellula nei batteri patogeni“, ha affermato Josh Peleg, CEO di BGN Technologies. “Inoltre, le drastiche attività antinfiammatorie delle molecole possono aprire nuove strade per terapie e prodotti alimentari probiotici scientificamente provati”. “Anni di ricerca rivoluzionaria hanno ora raggiunto un punto di convalida che ha portato alla creazione di una società biofarmaceutica per l’ulteriore sviluppo e valutazione clinica di questa nuova entusiasmante tecnologia che può potenzialmente rivoluzionare il trattamento delle infezioni batteriche e delle condizioni infiammatorie come la IBD”.

Fonte:Microbiome

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...