I robot potrebbero essere risorse efficaci nella lotta contro COVID-19

0
10

Lo scoppio di COVID-19 è ora diventato una pandemia. Il nuovo coronavirus ha colpito quasi tutti i continenti; al momento della stesura di questo documento, la Corea del Sud, l’Iran, l’Italia e altri paesi europei hanno registrato un forte aumento dei casi diagnosticati. La globalizzazione e le economie sempre più interconnesse significano che la maggior parte dei paesi saranno interessati da COVID-19. È pertanto necessario uno sforzo globale per spezzare le catene della trasmissione del virus.

I robot potrebbero essere risorse efficaci nella lotta contro COVID-19?

Durante l’epidemia di Ebola 2015, i seminari organizzati dall’Ufficio della politica scientifica e tecnologica della Casa Bianca e dalla National Science Foundation hanno identificato tre grandi aree in cui la robotica può fare la differenza: assistenza clinica (ad es. Telemedicina e decontaminazione), logistica (ad es. Consegna e gestione dei rifiuti contaminati) e ricognizione (ad es. monitoraggio del rispetto delle quarantene volontarie). Molte di queste applicazioni vengono esplorate attivamente in Cina, anche se in aree limitate e molte come prove di concetto. Gli operatori sanitari di prima linea sono ancora esposti all’agente patogeno con il contatto diretto con il paziente, sebbene con equipaggiamento protettivo. L’epidemia COVID-19 ha introdotto una quarta area: continuità del lavoro e mantenimento delle funzioni socioeconomiche. COVID-19 ha influenzato la produzione e l’economia in tutto il mondo. Ciò evidenzia la necessità di ulteriori ricerche sull’operatività remota per una vasta gamma di applicazioni che richiedono una manipolazione abile, dalla produzione alla potenza operativa in remoto o agli impianti di trattamento dei rifiuti.

I robot potrebbero aiutare a svolgere i pericolosi lavori di ricerca in risposta alla pandemia, limitando l’esposizione umana a COVID-19. Potrebbero svolgere alcuni dei compiti pericolosi associati alla lotta contro la pandemia da COVID-19, ma ciò richiederebbe molte nuove capacità che non sono attualmente finanziate o sviluppate”, sostiene un editoriale della rivista Science Robotics.

L’editoriale, pubblicato oggi e firmato da importanti ricercatori accademici tra cui Howie Choset della Carnegie Mellon University, afferma che i robot potrebbero svolgere compiti come disinfettare le superfici, misurare la temperatura delle persone nelle aree pubbliche o nei porti di ingresso, fornire supporto sociale ai pazienti in quarantena, raccogliere campioni nasali e della gola per i test e per consentire alle persone di partecipare virtualmente a conferenze ed esposizioni. In ogni caso, l’uso di robot potrebbe ridurre l’esposizione umana ai patogeni, cosa che diventerà sempre più importante con l’escalation delle epidemie.

“Le esperienze con l’epidemia di Ebola (2015) hanno identificato un ampio spettro di casi d’uso, ma i finanziamenti per la ricerca multidisciplinare, in collaborazione con agenzie e industria, per far fronte a questi casi d’uso rimangono costosi, rari e diretti ad altre applicazioni”, hanno osservato i ricercatori nell’editoriale. “Senza un approccio sostenibile alla ricerca, la storia si ripeterà e i robot non saranno pronti per il prossimo incidente”, hanno aggiunto.

Oltre a Choset, Professore presso il Robotics Institute della CMU e uno dei redattori fondatori di Science Robotics, gli autori dell’editoriale includono Marcia McNutt, Presidente della National Academy of Science; Robin Murphy della Texas A&M University; Henrik Christensen dell’Università della California, San Diego ed ex membro della facoltà della CMU Steven Collins, ora alla Stanford University.

Choset ha sottolineato che l’idea dietro l’editoriale non era solo quella di descrivere come i robot potrebbero essere utilizzati in una pandemia. “Piuttosto, speriamo di ispirare gli altri nella comunità a concepire soluzioni a un problema molto complicato”, ha spiegato. Choset ha anche sottolineato che, come i robot, l’intelligenza artificiale potrebbe aiutare a rispondere a epidemie e pandemie. I ricercatori di Carnegie Mellon, ad esempio, stanno conducendo ricerche per affrontare gli aiuti umanitari e la risposta alle catastrofi. Per tale compito, prevedono una combinazione di tecnologie di intelligenza artificiale e robotica, come i droni. Interazione uomo-robot, monitoraggio automatizzato dei social media, edge computing e reti di computer ad hoc sono tra le tecnologie che stanno sviluppando.

Fonte: Neurosciencenews