I neutrofili favoriscono la progressione del cancro e la formazione di metastasi

0
31

I ricercatori dell’Istituto Wistar hanno caratterizzato la funzione dei neutrofili, un tipo di globuli bianchi, durante le prime fasi della progressione del cancro, dimostrando che essi migrano dal midollo osseo verso siti distanti e facilitano la semina delle cellule tumorali e la formazione di metastasi. È importante sottolineare che questi neutrofili non possiedono le caratteristiche immunosoppressive delle cellule soppressorie derivate da cellule mieloidi polimorfonucleate (PMN-MDSC). 

Questo studio è stato pubblicato online su Nature Immunology.

Le cellule soppressorie PMN-MDSC sono neutrofili patologicamente attivi con la capacità di sopprimere le risposte immunitarie al cancro e di promuovere la progressione del tumore condizionando le cellule tumorali nel sito primario. Il ruolo dei neutrofili nel porre le basi per la crescita metastatica in siti distanti non era ancora chiaro.

“La nostra ricerca ha gettato luce sul ruolo dei neutrofili nelle fasi iniziali della progressione del cancro, quando non si sono ancora formate metastasi evidenti, ma sono state create le condizioni per la diffusione metastatica”, ha detto Dmitry I. Gabrilovich che ha collaborato con Christopher M. Davis, Professore e responsabile del programma Immunology, Microenvironment and Metastasis al Wistar. 

“Il nostro studio ha rivelato che l’attivazione dei neutrofili nel cancro è un processo a due fasi: ci siamo concentrati sulla prima fase e abbiamo descritto l’accumulo di una popolazione precedentemente neutra di neutrofili privi di attività immunosoppressiva, ma che mostrano una potente capacità di migrare spontaneamente, mentre la fase successiva è associata all’accumulo di neutrofili con caratteristiche tipiche delle cellule soppressorie PMN-MDSCs”.

( Vedi anche: Il cancro dirotta il microbioma per inglobare il glucosio).

Gabrilovic e colleghi hanno isolato i neutrofili dal midollo osseo di topi portatori di tumore da diversi modelli di malattia e in diversi stadi dello sviluppo del tumore. La popolazione di neutrofili altamente migratoria presente nelle fasi iniziali dello sviluppo del cancro, che i ricercatori hanno designato come cellule simili a PMN-MDSC (PM-LC), mostra una maggiore assunzione di glucosio, una maggiore attività metabolica e una maggiore espressione di geni associati alla produzione di energia. Ulteriori esperimenti in vivo hanno dimostrato che le PM-LC promuovono la semina di cellule tumorali in siti distanti e possono favorire la disseminazione metastatica.

Il team ha convalidato la rilevanza clinica di questi risultati descrivendo lo stesso comportamento migratorio spontaneo dei neutrofili isolati da pazienti oncologici.

“Il nostro studio fa luce sul meccanismo attraverso il quale i neutrofili contribuiscono alla disseminazione precoce del tumore”, ha detto Jerome Mastio,  borsista postdoctoral nel Gabrilovich Lab e co-autore dello studio. “Descriviamo i cambiamenti dinamici che i neutrofili subiscono nel cancro, con PM-LC che rappresentano il primo passo di attivazione patologica”, ha detto il ricercatore.

Fonte: Nature Immunology