Home Salute Virus e parassiti I farmaci anti-COVID-19 attivano l'herpesvirus associato al sarcoma di Kaposi

I farmaci anti-COVID-19 attivano l’herpesvirus associato al sarcoma di Kaposi

Immagine: micrografia elettronica a trasmissione di particelle di virus SARS-CoV-2, isolate da un paziente. Immagine acquisita e migliorata dal colore presso il NIAID Integrated Research Facility (IRF) a Fort Detrick, nel Maryland. Credito: NIAID

La pandemia del coronavirus SARS-CoV-2 (COVID-19) ha devastato molti paesi, provocando la morte di oltre un milione di persone. A dieci mesi dall’inizio della pandemia, più di 35,48 milioni di persone sono state infettate dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), con gli Stati Uniti che hanno segnalato il maggior numero di casi.

COVID-19 può portare a malattia grave nelle popolazioni ad alto rischio, compresi gli anziani e quelli con condizioni mediche sottostanti, come ipertensione, diabete e malattie cardiache, tra gli altri. Lo shock settico e l’insufficienza multiorgano rappresentano le cause immediate di morte più comuni nei pazienti con COVID-19 grave. Queste morti sono principalmente dovute a infezione polmonare suppurativa, un attacco diretto a molti organi e l’inizio di tempeste di citochine.

- Advertisement -

Un nuovo studio pubblicato sul server di preprint bioRxiv * mira a indagare gli impatti di COVID-19 su persone con varie malattie. In particolare, i ricercatori del Rockefeller Cancer Institute e dell’Università dell’Arkansas per le scienze mediche volevano vedere gli effetti del COVID-19 su pazienti con cancro e altre malattie infettive.

Lo studio, non ancora sottoposto a peer review, ha rivelato che nella sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), il virus che causa COVID-19, le proteine ​​codificate e alcuni farmaci usati contro l’infezione possono indurre la riattivazione litica di Herpesvirus associato al sarcoma di Kaposi (KSHV).

I pazienti con KSHV nelle aree in cui COVID-19 si sta attivamente diffondendo o sono sottoposti a trattamento contro il coronavirus hanno un aumentato rischio di sviluppare tumori associati al virus, anche se si sono già ripresi da COVID-19.

Che cos’è l’herpesvirus associato al sarcoma di Kaposi (KSHV)?

L’herpesvirus associato al sarcoma di Kaposi (KSHV), gammaherpesvirus umano 8, è un virus umano filogeneticamente antico che si è evoluto insieme alle popolazioni umane. Tuttavia, è diventato comune in alcune parti del Sud America, intorno al Mar Mediterraneo, nell’Africa subsahariana e in alcune comunità etniche.

- Advertisement -

L’infezione può causare tre tumori incluso il linfoma da versamento primario, il sarcoma di Kaposi e alcuni casi della forma plasmablastica della malattia di Castleman multicentrica (MCD). È stato anche collegata ad altre malattie come l’insufficienza del midollo osseo e l’epatite.

Il sarcoma di Kaposi (KS), il cancro causato dal KSHV, è il cancro più comune nelle persone con infezione da HIV. Per lo più, KSHV è visto nelle persone che sono immunocompromesse o in quelle con un sistema immunitario debole.

Inoltre, il virus oncogeno appartiene alla sottofamiglia dell’herpesvirus umano, con due programmi di ciclo vitale alternati dopo l’infezione primaria: le fasi latente e litica. Durante la fase latente, i genomi virali prosperano come episodi circolari senza virione della progenie prodotta e vengono espressi solo pochi geni associati alla latenza.Nel frattempo, quando l’infezione entra nella fase litica, quasi tutti i geni virali sono già espressi, quindi si verificano la replicazione e il rilascio dei virioni maturi. Molti studi precedenti hanno rivelato che sia le proteine ​​virali latenti che quelle litiche svolgono un ruolo importante nell’inizio e nella progressione dei tumori associati al virus.

Lo studio

Il nuovo studio mirava a fornire una migliore comprensione dell’attuale infezione da COVID-19 e verificare se i relativi trattamenti potrebbero influenzare la replicazione del KSHV, che potrebbe aumentare il rischio di sviluppare tumori associati al virus.

Per arrivare ai risultati dello studio, il team ha utilizzato un controllo vettoriale che codifica due delle principali proteine ​​SARS-CoV-2, la proteina spike e la proteina nucleocapsidica e KSHV-RTA, che è la proteina virale chiave che controlla la latenza dell’interruttore litico.

Il team ha scoperto che SARS-CoV-2 può indurre la riattivazione litica di KSHV e da lì ha esaminato se i farmaci usati nella lotta contro i pazienti COVID-19 possono influenzarlo. Il team ha testato sei farmaci, tra cui Clorochina difosfato, Azitromicina, idrossiclorochina solfato, Remdesivir, Nafamostat mesilato e Tocilizumab.

I ricdercatori hanno rivelato che due dei farmaci, vale a dire Nafamostat e Azitromicina, promuovevano la produzione di virioni maturi, inducendo potenzialmente la riattivazione litica di KSHV.

Inoltre, il team ha testato i farmaci sulla linea cellulare KSHV + PEL e ha scoperto che tutti i farmaci tranne Tocilizumab hanno mostrato effetti inibitori sulla crescita delle cellule BCP-1 ad alte concentrazioni. Quando il team ha utilizzato concentrazioni non tossiche di Azitromicina e mesilato di Nafamostat, ha scoperto che questi farmaci aumentavano l’espressione genica litica virale dalle cellule BCP-1.

È interessante notare che un farmaco, Remdesivir, ha manifestato effetti indotti sulle cellule BCP-12, che non sono stati osservati sulle cellule iSLK.219.

“Questi eventi possono facilitare la diffusione di KSHV e avviare l’oncogenesi virale in quei pazienti KSHV + esposti a COVID-19 e ai trattamenti correlati, specialmente nel caso di pazienti immunosoppressi”, ha concluso il team. “Pertanto, questi pazienti hanno bisogno di follow-up per monitorare le cariche virali di KSHV e i rischi di sviluppo di tumori maligni associati al virus, anche dopo che si sono completamente ripresi da COVID-19”, hanno aggiunto i riocercatori.

Fonte:  bioRxiv *

ULTIMI ARTICOLI

Influenza: nuovo studio spiega perchè può diventare fatale

Influenza-Immagine: Public Domain. L'influenza è causata da un virus, ma la causa più comune di morte causata dall'inflluenza è la polmonite batterica secondaria piuttosto che...

Dalla cannabis estratti che proteggono da COVID 19

Cannabis-Immagine: Public Domain. Nuovi estratti dalla cannabis sativa possono ridurre i livelli del recettore della cellula ospite che il coronavirus SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l'ingresso virale...

Alzheimer: “fuoco amico” nel cervello provoca la malattia?

Immagine: le microglia si raggruppano attorno alle placche in un modello murino di malattia di Alzheimer. Credito: Neher Lab / DZNE / HIH. Gli scienziati vogliono...

Un nuovo approccio radicale alla depressione

Depressione-Immagine:scansioni di imaging a risonanza magnetica del cervello umano. Credito: Simon Fraser / SPL / Getty. La depressione colpisce una persona su quattro in un momento...

Vaccini COVID 19: le sfide che ci attendono

Vaccini COVID 19-Immagine Credito: Oxford Univ./John Cairns / EPA-EFE / Shutterstock. Quando finalmente emergono risultati positivi sui vaccini COVID 19, i ricercatori devono aiutare il...