I batteri della malattia parodontale possono scatenare l’Alzheimer

alzheimer,malattia parodontale

Immagine: Drs. Keiko Watanabe e Vladimir Ilievski. Foto: Chris Bevel. Credit: Università dell’Illinois a Chicago.

L’esposizione a lungo termine ai batteri della malattia parodontale provoca infiammazione e degenerazione dei neuroni del cervello nei topi che è simile agli effetti del morbo di Alzheimer negli esseri umani, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università dell’Illinois a Chicago.

I risultati dello studio, pubblicati su PLOS ONE, suggeriscono che la malattia parodontale , un’infezione comune ma prevenibile, può indurre lo sviluppo del morbo di Alzheimer che attualmente non ha trattamento o cura.

“Altri studi hanno dimostrato una stretta associazione tra parodontite e deterioramento cognitivo, ma questo è il primo studio a dimostrare che l’esposizione ai batteri parodontali si traduce nella formazione di placche senili che accelerano lo sviluppo della neuropatologia nei pazienti con malattia di Alzheimer”, ha detto il Dott. Keiko Watanabe, Professore di parodontologia all’UIC College of Dentistry e corrispondente autore dello studio.

“Questa è stata una grande sorpresa”, ha detto Watanabe. “Non ci aspettavamo che il patogeno parodontale avrebbe avuto così tanta influenza sul cervello o che gli effetti sarebbero così tanto simili alla malattia di Alzheimer”.

Per studiare l’impatto dei batteri sulla salute del cervello, Watanabe e i suoi colleghi – tra cui il Dott. Vladimir Ilievski, Professore assistente di ricerca alla UIC e coautore dell’articolo sulla parodontite che è caratterizzata da danni ai tessuti molli e perdita ossea nella cavità orale, hanno utilizzato 10 topi wild-type. Altri 10 topi sono serviti come gruppo di controllo. Dopo 22 settimane di applicazione orale ripetuta dei batteri, i ricercatori hanno studiato il tessuto cerebrale dei topi e hanno confrontato la salute del cervello.

I ricercatori hanno scoperto che i topi cronicamente esposti ai batteri avevano quantità significativamente più elevate di beta amiloide accumulata – una placca senile presente nel tessuto cerebrale dei pazienti con Alzheimer. Il gruppo ha anche avuto più infiammazione del cervello e meno neuroni intatti a causa della degenerazione.

(  Vedi anche:Il microbiota orale indica il legame tra malattia parodontale e cancro esofageo9.

Questi risultati sono stati ulteriormente supportati dall‘analisi della proteina beta amiloide e dall’analisi dell’RNA che mostrava una maggiore espressione di geni associati a infiammazione e degenerazione in questo gruppo. Il DNA dei batteri parodontali è stato trovato anche nel tessuto cerebrale dei topi e una proteina batterica è stata osservata all’interno dei loro neuroni.

“I nostri dati non solo dimostrano il movimento dei batteri dalla bocca al cervello, ma anche che l’infezione cronica porta a effetti neurali simili all’Alzheimer“, ha detto Watanabe.

Questi risultati sono importanti in parte perché hanno usato un modello di topo di tipo selvatico; la maggior parte dei sistemi modello utilizzati per studiare il morbo di Alzheimer si basano su topi transgenici che sono stati geneticamente modificati per esprimere geni fortemente associati alla placca senile e che consentono lo sviluppo dell’Alzheimer.

“L’uso di un modello murino di tipo selvatico ha rafforzato il nostro studio perché questi topi non sono stati preparati per sviluppare la malattia e l’uso di questo modello dà ulteriore peso ai nostri risultati che dimostrano che i batteri parodontali possono dare il via allo sviluppo dell’Alzheimer“, aggiunge Watanabe.

I ricercatori affermano che la comprensione della causalità e dei fattori di rischio per lo sviluppo dell’Alzheimer è fondamentale per lo sviluppo di trattamenti, in particolare quando si tratta di malattia sporadica o tardiva che costituisce oltre il 95% dei casi e ha cause e meccanismi largamente sconosciuti .

” I risultati dello studio sono significativi per la comunità scientifica”, dice, Watanabe ” ma servono anche di lezioni per tutti. L’igiene orale è un importante fattore predittivo di malattia, comprese le malattie che si verificano al di fuori della bocca. Le persone possono fare tanto per la loro salute personale prendendo sul serio la salute orale“.

Fonte: PLOS ONE

Altri articoli su alzheimer, malattia parodontale