Home Salute Tumori Il microbiota orale indica il legame tra malattia parodontale e cancro esofageo

Il microbiota orale indica il legame tra malattia parodontale e cancro esofageo

Un’ analisi dei batteri presenti nella bocca ha dimostrato che alcuni tipi di batteri che portano alla malattia parodontale sono associati ad un rischio più elevato di cancro esofageo.

Lo studio è stato pubblicato in Cancer Research, una rivista dell’American Association for Cancer Research.

Autore dello studio è Jiyoung Ahn, Professore associato e Direttore del Laura and Isaac Perlmutter Center alla NYU Langone Health a New York.

( Vedi anche:Bere tè verde per scongiurare la malattia parodontale).

Il cancro esofageo è l’ottavo tumore più comune e la sesta causa principale di morte per cancro in tutto il mondo. Poiché la malattia spesso non viene scoperta fino a quando non ha raggiunto uno stadio avanzato, i tassi di sopravvivenza a cinque anni variano da circa il 15 al 25% in tutto il mondo.

“Il cancro esofageo è un cancro mortale e c’è un’urgente necessità di nuove vie di prevenzione, stratificazione del rischio e diagnosi precoce”, ha affermato Ahn.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che la malattia parodontale causata da alcuni microbioti orali è stata associata a diversi tipi di cancro, compresi i tumori del cavo orale, della testa e del collo. Questo studio ha indagato se il microbiota orale fosse associato al rischio successivo di adenocarcinoma esofageo (EAC) o carcinoma esofageo a cellule squamose (ESCC).

Ahn e colleghi hanno raccolto campioni di lavaggio orale da 122.000 partecipanti a due grandi studi sulla salute.

In 10 anni di follow-up, 106 partecipanti hanno sviluppato il cancro esofageo. In uno studio, i ricercatori hanno estratto il DNA e sequenziato campioni di lavaggio orale, per confrontare i microbiomi orali dei casi di cancro esofageo con quelli senza cancro.

Alcuni tipi di batteri erano associati a un rischio più elevato di cancro esofageo. Ad esempio, livelli più alti di batteri forsythia Tannerella sono stati associati ad un aumento del rischio del 21 per cento di adenocarcinoma esofageo. Il batterio Porphyromonas gingivalis era associato a un rischio più elevato di carcinoma esofageo a cellule squamose. Entrambe le specie di batteri sono collegate alla comune malattia gengivale.

Lo studio ha dimostrato che alcuni tipi di batteri orali erano associati a un minor rischio di cancro esofageo. Ad esempio, i batteri Neisseria erano associati a un minor rischio di EAC.

Secondo Ahn, la scoperta sulla Neisseria indica che alcuni batteri possono avere un effetto protettivo e la ricerca futura potrebbe potenzialmente verificare se questi batteri potrebbero svolgere un ruolo nella prevenzione del cancro esofageo.

“Il nostro studio indica che comprendere meglio il ruolo del microbiota orale può potenzialmente portare a strategie per prevenire il cancro esofageo o almeno identificarlo in fasi precedenti”, ha detto Ahn. “Il prossimo passo è verificare se questi batteri potrebbero essere usati come biomarker predittivi”.

Ahn ha aggiunto che lo studio conferma che una buona igiene orale è un modo importante per proteggersi dalle malattie parodontali e dalla crescente lista di condizioni di salute ad esse associate.

Fonte: Cancer Research


ULTIMI ARTICOLI

Confermata la trasmissione da uomo a gatto di SARS-CoV-2

Immagine: polmone di un gatto infettato da SARS CoV-2; un segnale positivo per la proteina nucleocapside (segnale verde) è stato rilevato all'interno del citoplasma dell'epitelio...

COVID-19 uccide alcune persone e lascia altre relativamente indenni. Perchè?

Immagine:Public Domain. COVID-19 uccide alcune persone e lascia altre relativamente indenni. Perché? L'età e le condizioni di salute sottostanti sono fattori di rischio, ma gli scienziati...

Dopo 40 anni, la FDA approva un nuovo tipo di terapia per l’acne

Immagine: Public Domain. La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato Winlevi (crema con  clascoterone 1%) per il trattamento dell'acne nei pazienti...

Un anticorpo di prima classe progettato per prevenire la coagulazione

Immagine: Public Domain. I ricercatori della Monash University hanno progettato un nuovo anticorpo che inibisce una particolare proteina per prevenire la formazione di coaguli o...

Cancro del pancreas: la vitamina A rende più efficace il trattamento

Immagine: cellule tumorali pancreatiche coltivate in coltura, SEM. Credito: Anne Weston, Francis Crick Institute. Attribution-NonCommercial 4.0 International (CC BY-NC 4.0). Una combinazione che prevede l'aggiunta di una...