Grande successo della ricerca: replicate le cellule beta pancreatiche umane nel modello murino

cellule beta,diabete

Grande successo della ricerca: replicate le cellule beta pancreatiche umane nel modello murino.

Klaus Kaestner, PhD, professore di Genetica e la borsista postdottorato Dana Avrahami, PhD, della Scuola Perelman di Medicina dell’Università della Pennsylvania, con il collega Benjamin Glaser, MD, della Hadassah- Hebrew University Medical Center, a Gerusalemme e colleghi, hanno pubblicato uno studio questa settimana sul Journal of Clinical Investigation, in cui dimostrano di essere stati in grado di replicare le cellule beta pancreatiche umane – le cellule del nostro corpo che producono il critico ormone insulina – in un modello murino. Le cellule appena replicate hanno  mantenuto le caratteristiche delle cellule beta mature e hanno mostrato una risposta fisiologica al glucosio.

I risultati di questo esperimento hanno implicazioni sul trattamento del diabete sia di tipo 1 e di tipo 2 . Nel diabete di tipo 1, le cellule beta sono distrutte dal sistema immunitario. Analogamente, una diminuzione del numero di cellule beta che producono insulina  contribuisce allo sviluppo di diabete di tipo 2, così in linea di principio, il ripristino della  massa delle cellule beta può invertire o migliorare entrambe le forme di diabete .

L’idea di questo studio è venuta da neonati con una ben caratterizzata, ma rara, condizione chiamata iperinsulinismo dell’infanzia, in cui le cellule beta producono troppa insulina – l’esatto opposto di diabete. I livelli di zucchero nel sangue di questi bambini sono di conseguenza troppo bassi. In circa un terzo di questi neonati, la maggior parte delle loro cellule beta pancreatiche sono normali, ma una piccola porzione di cellule mancano di una specifica proteina chiamata p57, a causa di una mutazione che si verifica in una singola o poche cellule beta durante lo sviluppo fetale. La proteina p57 è un inibitore del ciclo cellulare, e quindi la sua eliminazione accelera la replicazione delle cellule beta, creando un grande clone di cellule beta nei pancreas che secernono troppa insulina.

Kaestner spiega che il team ha utilizzato short hairpin RNA, shRNA, per sopprimere il gene p57 gene nelle cellule beta umane ottenute da donatori adulti deceduti. Le cellule beta manipolate sono state poi trapiantate in topi diabetici.

Dopo tre settimane, il team ha scoperto che le cellule beta del graft-cellula umana ha avuto un tasso di replicazione almeno tre volte superiore a quello dei controlli senza soppressione p57.

Questi dati dimostrano che anche le cellule beta da anziani donatori umani, che sono normalmente non replicanti, possono mantenere le proprietà delle cellule beta mature, qualcosa che sembrava impossibile in precedenza.

Tacere p57,  forse potrà anche curare la malattia.


Altri articoli su cellule beta, diabete