Home Salute Tumori Glioblastoma: primo paziente trattato con poliovirus geneticamente modificato

Glioblastoma: primo paziente trattato con poliovirus geneticamente modificato

L’ University Hospitals (UH) Seidman Cancer Center ha trattato il suo primo paziente in un nuovo studio clinico per convalidare gli effetti rivoluzionari del poliovirus geneticamente modificato, sul glioblastoma (GBM), un mortale tumore di grado IV del cervello

L’ UH è l’unico sito del Midwest che partecipa a questo studio clinico, avviato al Duke Cancer Institute di Durham, NC. Lo studio originale, che è stato realizzato dal 2012-2017, è stato pubblicato sul New England Journal of Medicine a luglio 2018.

Lo studio ha rilevato che i tassi di sopravvivenza erano significativamente più alti nei pazienti con glioblastoma che avevano ricevuto un’infusione intratumorale di una chimera virale modificata che combina poliomielite e rinovirus (immunoterapia PVSRIPO) rispetto ai pazienti sottoposti a trattamento standard presso lo stesso Istituto.

“Siamo orgogliosi che gli Ospedali Universitari siano stati selezionati come uno dei pochi principali centri di trattamento del tumore al cervello come il Massachusetts General Hospital e l’UCSF e che siano stati accettati a partecipare a questo studio clinico di Fase II basato sulla nostra esperienza in immunoterapia e  trattamento dei tumori cerebrali”, ha detto Andrew E. Sloan, MD, FAANS, FACS, Direttore del Brain Tumor and Neuro-Oncology Center e del Center of Excellence in Translational Neuro-Oncology presso UH Seidman Cancer Center e UH Neurological Institute. “Vogliamo offrire questa opportunità di trattamento ai pazienti con glioblastomi ricorrenti che desiderano perseguire alternative pionieristiche che possano migliorare le loro possibilità di sopravvivenza al più difficile dei tumori al cervello”.

Il 59enne arruolato per la prima volta in questo studio soffriva di glioblastoma che si ripresentava dopo la chirurgia e il trattamento iniziali. A seguito di una biopsia per verificare la progressione del tumore al cervello, il Dottor Sloan ha inserito un catetere nel tumore e il poliovirus attenuato modificato è stato indirizzato, attraverso il catetere, nel tumore la mattina successiva. Attraverso questo processo eseguito nella NeuroIntensive Care Unit presso il UH Cleveland Medical Center, il poliovirus attacca il tumore creando una risposta immunitaria antitumorale. Il paziente è tornato a casa il giorno successivo.

Vedi anche, Gli scienziati violano le barriere cerebrali per attaccare il glioblastoma

Questo studio utilizza un virus della polio modificato specificamente per colpire un recettore (CD155) presente solo sulle cellule tumorali”, ha detto il Dottor Sloan. “Mentre uccide direttamente solo un piccolo numero di cellule tumorali, il virus e la risposta immunitaria espongono queste cellule tumorali che si sono nascoste, al sistema immunitario e creano una significativa risposta immunitaria antitumorale che prende il sopravvento e uccide il resto del tumore che il virus non ha distrutto. A differenza del virus della polio, il virus modificato non attacca i neuroni “.

Tradizionalmente, la sopravvivenza ad un GBM è inferiore a un anno e in genere i pazienti vivono meno di sei mesi dopo la ricorrenza. Il tasso di sopravvivenza tra coloro che ricevevano l’immunoterapia PVSRIPO era dal 21% al 24% a 36 mesi, molto più alta del tasso di sopravvivenza al 4% tra i controlli storici trattati presso la Duke, secondo l’articolo pubblicato sul New England Journal of Medicine il 12 luglio 2018.

I ricercatori della Duke hanno scoperto per la prima volta che il poliovirus erogato direttamente nei tumori intracranici è stato in grado di innescare una reazione immunitaria positiva, che ha portato a un tasso di sopravvivenza più lungo dei pazienti affetti da questo  tumore notoriamente difficile da trattare. Nella fase I della sperimentazione clinica, i medici hanno determinato la dose corretta del virus da somministrare mentre mitigavano gli effetti collaterali. Nella fase II, i ricercatori confronteranno i risultati tra i pazienti.

Il corpo ha una straordinaria memoria immunologica”, ha detto il DEottor Sloan. “Se hai ricevuto il vaccino contro la poliomielite da bambino, il tuo sistema immunitario ricorda che la poliomielite è una cosa negativa. L’iniezione del virus della poliomielite avvia la risposta immunitaria, che a sua volta attacca il cancro”.

Fonte, EurekAlert


ULTIMI ARTICOLI

La prevenzione delle metastasi è una nuova arma nella guerra al cancro

Immagine:Credito: dominio pubblico Unsplash / CC0. Il Prof. Michael Lisanti e la Prof.ssa Federica Sotgia hanno fatto una scoperta che potrebbe trasformare il cancro in...

Oltre placche e grovigli: una varazione genetica può aumentare il rischio di declino cognitivo

Immagine: Public Domain. Una variazione genetica in alcune persone può essere associata al declino cognitivo che non può essere spiegato dai depositi di due proteine...

Trovata una causa e un possibile trattamento per l’X fragile

Immagine: Credito (© stock.adobe.com) Gli scienziati della Yale University hanno scoperto un meccanismo alla base della Sindrome dell'X fragile - una delle principali cause di...

Scoperto nel cervello il sito del desiderio sessuale maschile

Immaginde: quando gli scienziati della Northwestern hanno eliminato selettivamente l'aromatasi nel cervello, l'attività sessuale nei topi maschi è diminuita del 50%, nonostante avessero livelli...

Potenziale bersaglio identificato per il trattamento dell’emicrania

Immagine: tracce grezze rappresentative dei potenziali cambiamenti di corrente continua durante CSD nel controllo e GLT-1 KO. L'immagine è accreditata al Dipartimento di Neuroscienze Molecolari,...