Gli scienziati testano potenziale nuovo modo di trattare l’anemia

Il trattamento dell’anemia causata da malattia renale cronica o altre malattie spesso richiede ripetute e costose iniezioni o infusioni di una forma artificiale dell’ormone eritropoietina (EPO), che stimola la produzione di globuli rossi.

Ora un gruppo di ricerca guidato da Vanderbilt ha dimostrato di poter invertire l’ anemia nei topi iniettando una specie di globuli bianchi denominata cellula T geneticamente modificata per secernere EPO.

Quando l’iniezione iniziale è seguita da “colpi di richiamo” di antigeni che causano la proliferazione e l’espansione delle cellule T, queste rimangono nel flusso sanguigno per diverse settimane. Le cellule T umane coltivate in laboratorio possono anche essere geneticamente modificate per secernere EPO, come dimostrato dai ricercatori che hanno pubblicato il loro lavoro il 10 aprile sulla rivista Nature Communications.

Anche se sono necessari ulteriori studi prima che questo approccio possa essere testato sui pazienti, i risultati suggeriscono che l’erogazione di molecole terapeutiche tramite cellule T può essere un modo efficace per trattare l’anemia e altri disturbi. I ricercatori hanno cercato per diversi anni di sviluppare metodi alternativi di somministrazione degli ormoni come EPO.

( Vedi anche:Progressi nella ricerca della cura per l’ anemia falciforme).

“Questo è uno studio importante in quanto mostra che le cellule T possono essere geneticamente modificate per servire come veicoli per fornire proteine ​​terapeutiche in un animale vivo“, ha detto Matthew Wilson,Professore associato di Medicina presso Vanderbilt e  autore corrispondente.

“Abbiamo scoperto che potremmo ” potenziare ” le cellule T anche dopo 300 giorni dalla consegna a un animale”, ha detto Wilson.

Precedenti studi hanno dimostrato che segmenti del DNA possono essere spostati o trasposti in cellule T per consentire l’inserimento di nuovo materiale genetico. Le cellule T sono state riprogrammate in questo modo per identificare e distruggere le cellule tumorali in pazienti con leucemia o linfoma.

Lo studio di Wilson e dei suoi colleghi suggerisce che un simile “sistema di trasporto” potrebbe essere utilizzato per il rilascio cellulare a lungo termine di peptidi terapeutici. Questi sono frammenti proteici che hanno mostrato risultati promettenti nel trattamento del diabete di tipo 2, malattie cardiache, carenze ormonali e altri disturbi.

Un limite importante è che i peptidi vengono scomposti e rapidamente espulsi dal corpo e non viaggiano bene attraverso le membrane biologiche. Le cellule T modificate per produrre e consegnare cellule al bersaglio possono essere un modo per risolvere questo problema.

Fonte: Nature