Gli scienziati si avvicinano al rallentamento della progressione dell’Alzheimer

alzheimer

Un passo avanti degli scienziati della Wits University potrebbe vedere i pazienti con Alzheimer usare uno spray nasale per rallentare la progressione della malattia, la principale causa di demenza.

L’Alzheimer, che inizia con la perdita di memoria e problemi con l’elaborazione del pensiero, diventa una malattia particolarmente debilitante mentre progredisce: attacca parti del cervello che controllano la deambulazione, la coordinazione e persino la deglutizione. Le oscillazioni dell’umore, l’aggressività, la ripetizione, sono tipici quando la malattia prende piede, rendendo difficile la vita per i pazienti, le loro famiglie e gli assistenti.

“Se siamo in grado di rallentare la progressione della malattia, possiamo migliorare drasticamente la qualità della vita dei pazienti e prolungare la durata di vita. In fasi avanzate, l’Alzheimer può influenzare il funzionamento di tutto il corpo e alla fine portare alla morte” dice Stefan Weiss, capo ricercatore e Professore alla Scuola di Biologia Molecolare e Cellulare presso la Facoltà di Scienze della Wits University.

Fino ad ora, non c’è alcuna cura per il trattamento dell’Alzheimer che attacca ferocemente le cellule del cervello quando le proteine ​​si raggruppano in depositi di placca beta-amiloide. Ma il Professor Weiss e il suo team di ricercatori, tra cui il Dott. Eloise Ferreira, il Dott. Monique Bignoux, Tyrone Otgaar, Nicolas Tagliatti, Katarina Jovanovic e il defunto Dott. Boitelo Letsolo, hanno scoperto un anticorpo che si rivolge efficacemente all’aggregazione proteica stessa .

“Abbiamo condotto studi sui topi che hanno dimostrato che l’anticorpo anti-LRP / LR recupera le cellule dalla citotossicità e dalla secrezione di A-beta indotta da A-beta. Questo significa che l’anticorpo riduce significativamente la formazione della placca amiloide, un segno distintivo della malattia di Alzheimer. L’ anticorpo infatti, ha ritardato la progressione della malattia di Alzheimer nei topi: – sono le placche amiloidi che devastano le cellule cerebrali.

( Vedi anche:La proteina tau associata all’ Alzheimer interrompe il trasporto molecolare all’ interno dei neuroni).

“Abbiamo somministrato ai topi, l’anticorpo per via nasale, due volte a settimana per otto settimane. Riducendo efficacemente la formazione della placca amiloide, abbiamo visto miglioramenti nella memoria e funzioni cognitive nei topi “, ha detto Weiss.

Lo studio, finanziato dal South African Medical Research Council, è stato avviato nel 2015. Ci sono voluti tre anni per eseguire lo studio, analizzare i risultati e pubblicare il documento. Ora Weiss e il suo team stanno pianificando la Fase 1 delle sperimentazioni cliniche con 30-50 volontari affetti da Alzheimer.

Il team si aspetta di vedere risultati simili a quelli ottenuti nei topi, cioè un miglioramento significativo della memoria e delle funzioni cognitive nei pazienti con malattia di Alzheimer. Se i risultati sarnno come quelli attesi, il team spera di ottenere l’approvazione normativa dello spray nasale contenente l’anticorpo specifico anti-LRP / LR

Lo spray nasale potrebbe quindi essere disponibile per i malati di Alzheimer nel prossimo futuro.

Weiss è molto fiducioso riguardo lo studio clinico sui pazienti con Alzheimer : “I malati di Alzheimer non hanno avuto modo di affrontare la loro malattia, a parte i farmaci per ridurre il dolore e il disagio. L’ anticorpo specifico per LR, ha il potenziale di indirizzare effettivamente l’aggregazione proteica e fermare la formazione della placca amiloide. Anche se non abbiamo condotto studi sul potenziale dell’anticorpo come farmaco profilattico per prevenire l’Alzheimer, è certamente una possibilità. Per ora, il nostro obiettivo è quello di somministrare l’anticorpo come terapia per i malati di Alzheimer”, dice Weiss.

Gabathuse afferma: “Questa scoperta rappresenta davvero un enorme passo avanti nel trattamento del morbo di Alzheimer e siamo molto entusiasti dei recenti risultati ottenuti dagli studi sui topi. Non vediamo l’ora  di indagare se il composto sarà altrettanto efficace negli umani “.

Il numero di persone che vivono con i sintomi della malattia di Alzheimer a livello globale è stimato in 35 milioni.

Fonte: Medicalxpress

Altri articoli su alzheimer