Gli scienziati si avventurano nella produzione di “embrioidi”

embrioidi

Dopo aver lavorato sulle cellule staminali per diversi anni, gli scienziati hanno ora annunciato di aver trovato il modo di sintetizzare strutture embroidi che sembrano embrioni umani molto primitivi.

Mentre alcuni hanno salutato la scoperta con entusiasmo, altri hanno messo in dubbio le basi etiche della produzione di esseri umani sintetici. Sebbene embroidi o “embrioni sintetici”, come sono stati definiti, siano stati creati in precedenza, il problema rimane: quanto un embroide è vicino e simula la vita umana?

Un embrione sintetico viene prodotto manipolando le cellule staminali umane in diversi modi per formare strutture embrionali. L’attuale metodo si distingue dai precedenti tentativi nella sua capacità di sfornare un numero maggiore di embroidi.

Il ricercatore Jianping Fu afferma con orgoglio: “Questo nuovo sistema ci consente di raggiungere un’efficienza superiore per generare queste strutture simili a embrioni umani”. Spiega che questa scoperta, “una nuova pietra miliare entusiasmante”, aiuterà gli scienziati a studiare lo sviluppo umano nelle sue prime fasi. Secondo le direttive consacrate dal tempo, gli embrioni non possono essere utilizzati per ricerche di laboratorio oltre i 14 giorni di sviluppo.

È qui che Fu spera che i suoi embrioni possano tornare utili. Non essendo umani in alcun senso, non rientrano in questa linea guida e aiuteranno gli scienziati a capire come un embrione cresca effettivamente oltre questo punto. Afferma che questa conoscenza aiuterà a evitare difetti congeniti e aborti spontanei. Potrebbero anche aiutare a valutare la sicurezza dei farmaci in gravidanza. Al momento, la ricerca embrionale è condotta su embrioni residui non utilizzati dopo le procedure di fecondazione in vitro.

Problemi etici ed embrioni sintetici

Mentre molti embriologi e altri ricercatori di settori correlati concordano sul fatto che Fu ha afferrato il Santo Graal dello sviluppo umano nella fase embrionale, altri sono pronti a sottolineare le questioni sensibili sottostanti. Ad esempio, il bioeticista Insoo Hyun afferma: “Questa squadra deve stare molto attenta a non modellare tutti gli aspetti dell’embrione umano in via di sviluppo, in modo da evitare la preoccupazione che questo modello di embrione possa un giorno diventare un bambino se lo trapianti nel grembo materno“.

Fu afferma che, tralasciando lo sviluppo nella sacca placentare, l’embrione non è un embrione umano su vasta scala, tuttavia produce cellule primitive molto precoci e si sviluppa anche attraverso quelle che sembrano fasi dello sviluppo embrionale umano.

Le prime ricerche condotte da Fu erano incentrate sulle cellule staminali pluripotenti umane, provenienti da embrioni o da cellule epiteliali adulte progettate per riprendere il loro stato embrionale. Usando segnali chimici, queste cellule, che sono di un solo tipo, sono state indotte a svilupparsi in altri tipi di cellule, che è il processo iniziale di differenziazione embrionale in diversi tessuti.

  Il modello attuale non utilizza più le piastre di coltura. Invece, il cuore tecnologico di questa innovazione è un sottile vassoio quadrato di silicone con quattro pozzetti disposti attorno a un canale centrale stretto: un sistema microfluidico. Dopo aver inserito le cellule staminali nel dispositivo, i prodotti chimici appropriati vengono aggiunti ai pozzetti adiacenti e questi stimolano la crescita delle strutture embrionali chiave, portando alla produzione di un embrioide in pochi giorni.

Fu afferma che centinaia di queste strutture possono essere prodotte utilizzando più dispositivi, con un tasso di successo del 90%.

Questi embrioni superano le loro case microfluidiche dopo solo quattro giorni e mancano di molti tipi di cellule essenziali, in modo che non possano in alcun modo essere classificati come concetti umani. Con un ritmo crescente della ricerca, tuttavia, gli embrioni sintetici vicini agli embrioni naturali originali arriveranno sicuramente presto. La domanda scottante per ricercatori, bioeticisti, politici e organismi di finanziamento è: “L’embrioide supererà questa linea che separa l’uomo dall’artificiale?”.

La lotta è già iniziata poiché il NIH si preoccupa se i modelli di embrioni umani creati dal tessuto umano siano o meno “organismi”.

Anche adesso, sono stati creati embrioni di topo e la lotta continua per trasferirli in topi femmine surrogate per generare topi vivi. Nessun successo è stato ancora segnalato. Tuttavia, se si creano embrioni umani, la tecnologia potrebbe ritorcercisi contro ad esempio, se qualcuno provasse a creare persone modificate. Per questo motivo, Fu, tra gli altri, ha invitato i regolatori a vietare l’uso di tali modelli per tutto tranne che per la ricerca scientifica, inclusa la riproduzione mediante un embrione sintetico.

Fu commenta: “Molti scienziati stanno cercando di spingersi oltre i confini. Non mi fido dell’autoregolamentazione. ..”.

Nel frattempo, la crescita esponenziale della ricerca sulle cellule staminali ha spinto una revisione delle linee guida da parte dell’International Society for Stem Cell Research. Hyun commenta: “Se questi modelli di embrioni finiscono per essere completi e saranno costruiti per avere tutti i componenti degli embrioni naturali, dovrebbero essere soggetti alla stessa regola dei 14 giorni che limita la ricerca con embrioni umani naturali”.

La ricerca è stata pubblicata su Nature.

Fonte, Nature