Gli scienziati rivelano un piano pionieristico per colpire la causa della malattia di Alzheimer

alzheimer

Un passo avanti nella lotta contro la malattia di Alzheimer: i ricercatori hanno trovato un nuovo modo di colpire le particelle tossiche che distruggono le cellule cerebrali sane.

Gli accademici dell’Università di Cambridge e della Lund University in Svezia hanno escogitato la prima strategia per “seguire” la causa di questa malattia devastante.

Il Professor Michele Vendruscolo, uno degli scienziati che ha guidato la ricerca, ha dichiarato: “Questa è la prima volta che viene proposto un metodo sistematico per seguire gli agenti patogeni – la causa del morbo di Alzheimer. Di recente gli scienziati non sono stati d’accordo su quale fosse la causa della malattia, quindi non avevamo un obiettivo. Poiché piccoli gruppi di proteine ​​note come oligomeri sono stati identificati come la causa dell’alzheimer, siamo stati in grado di sviluppare una strategia per indirizzare i farmaci a queste particelle tossiche“.

( Vedi anche:I ricercatori della Rutgers scoprono la possibile causa dell’ Alzheimer).

La demenza è la principale causa di morte nel Regno Unito e il costo della demenza dovrebbe raddoppiare nei prossimi 25 anni, da 26 a 55 miliardi di sterline. Le stime pongono il costo per l’economia globale a quasi un trilione di dollari ogni anno.

La malattia di Alzheimer porta alla morte delle cellule nervose e alla perdita di tessuto nel cervello. Nel corso del tempo, il cervello si riduce drasticamente e la distruzione cellulare causa fallimento della memoria, cambiamenti di personalità e problemi durante le attività quotidiane.

Gli scienziati hanno identificato depositi anomali chiamati oligomeri proteici come i più probabili sospettati della causa della demenza. Sebbene le proteine ​​siano normalmente responsabili di importanti processi cellulari, quando le persone hanno la malattia di Alzheimer queste proteine si aggregano, formano depositi e uccidono le cellule nervose sane.

Le proteine ​​devono piegarsi in una struttura specifica per funzionare correttamente. Quando questo processo di piegatura fallisce, la cellula ha un serio “problema di misfolding” e possono formarsi pericolosi depositi, che possono causare demenza, di cui il cervello non può liberarsi. Le proteine ​​formano cluster anormali chiamati placche che si accumulano tra le cellule nervose impedendo loro la funzione di  segnalare correttamente. Le cellule nervose morenti contengono anche grovigli che sono intrecciati fili di proteine ​​che distruggono un sistema vitale di trasporto cellulare, il che significa che nutrienti e altri prodotti essenziali non possono più muoversi attraverso le cellule.

ll Professor Vendruscolo ha spiegato: “Un cervello sano ha un sistema di controllo della qualità per disporre in modo efficace di masse potenzialmente pericolose di proteine, note come aggregati: con l’invecchiamento, il cervello diventa meno capace di liberarsi dai depositi pericolosi, causando malattie“.

La ricerca è stata condotta da un team internazionale di scienziati che comprendeva anche il Professor Sir Christopher Dobson, Master of St John’s College, Università di Cambridge, presso il Center for Misfolding Diseases (CMD) co-fondato da Sir Christopher. Il loro documento di ricerca è stato pubblicato oggi negli Atti della National Academy of Sciences ( PNAS ).

Gli scienziati di Cambridge rivelano un piano innovativo per colpire la causa della malattia di Alzheimer
Immagine concettuale dei neuroni nel cervello. Credito: Andrii Vodolazhskyi

Christopher ha dichiarato: “Questo studio interdisciplinare dimostra che è possibile non solo trovare composti che prendono di mira gli oligomeri tossici che danno origine a disordini neurodegenerativi, ma anche aumentare la loro potenza in modo razionale per progettare molecole che hanno effetti specifici sulle varie fasi di disturbi come il morbo di Alzheimer”.

Ci sono stati circa 400 studi clinici per la malattia di Alzheimer, ma nessuno di essi ha preso di mira specificamente i patogeni che la causano. 

Il Professor Vendruscolo ha aggiunto: “Tutti i precedenti studi clinici che si sono concentrati sulla ricerca di farmaci per modificare la malattia hanno fallito: gli studi che ci sono riusciti ci hanno dato una manciata di farmaci, ma questi farmaci possono trattare solo i sintomi della malattia di Alzheimer, non i suoi inizio e progressione. La nostra ricerca si basa sulla fase concettuale principale dell’identificazione degli oligomeri proteici come agenti patogeni e riporta un metodo per lo sviluppo sistematico di composti per il loro target. Questo approccio consente una nuova strategia di scoperta dei farmaci”.

Il team ritiene che i loro primi candidati farmaci potrebbero raggiungere studi clinici in circa due anni.

La nuova strategia del gruppo si basa su un innovativo approccio cinetico chimico sviluppato negli ultimi dieci anni da scienziati guidati congiuntamente dal Professor Tuomas Knowles, Fellow al St John’s College, Sir Christopher e Professor Vendruscolo, che lavora nel nuovo centro di Cambridge, in collaborazione con scienziati della Lund University guidati dalla Professoressa Sara Linse.

Fonte: PNAS

Altri articoli su alzheimer