HomeSaluteBiotecnologie e GeneticaGli scienziati hanno mappato il proteoma umano

Gli scienziati hanno mappato il proteoma umano

Immagine: Public Domain.

Vent’anni dopo il rilascio del genoma umano, il “modello” genetico della vita umana, un gruppo di ricerca internazionale, compreso Chris Overall dell’Università della British Columbia, ha ora mappato la prima bozza di sequenza del proteoma umano.

Il loro lavoro è stato pubblicato il 16 ottobre su Nature Communications e annunciato il 29 ottobre 2020 dalla Human Proteome Organization (HUPO).

- Advertisement -

“La giornata odierna segna una tappa significativa nella nostra comprensione complessiva della vita umana”, afferma Overall, Professore alla facoltà di odontoiatria e membro del Center for Blood Research dell’UBC. “Mentre il genoma umano fornisce un” modello “completo dei geni umani, il proteoma umano identifica i singoli elementi costitutivi della vita codificati da questo modello: le proteine che ​​interagiscono per plasmare qualsiasi cosa, dalle malattie potenzialmente letali alla struttura cellulare del nostro corpo“.

Con il 90% delle proteine ​​nel corpo umano ora mappate, Overall afferma che gli scienziati avranno una comprensione più profonda di come le singole proteine ​​interagiscono per influenzare la salute umana, fornendo approfondimenti sulla prevenzione delle malattie e sulla medicina personalizzata.

Il loro lavoro potrebbe avere implicazioni per gli scienziati che studiano potenziali trattamenti per COVID-19.

Vdedi anche:Proteoma del cuore umano mappato per la prima volta

- Advertisement -

“In COVID-19, ad esempio, sono coinvolti due proteomi, quello del virus SARS-CoV-2 e quello delle cellule infette che probabilmente interagiscono, modificano e cambiano la funzione dell’altro”, afferma Complessivamente. “La comprensione di questa relazione può far luce sul motivo per cui alcune cellule e individui sono più resistenti a COVID-19 e altri più vulnerabili, fornendo informazioni funzionali essenziali sul corpo umano a cui la genomica da sola non può rispondere“.

Poiché molte malattie umane derivano da cambiamenti nella composizione o nelle funzioni delle proteine, la mappatura del proteoma rafforza le basi per la diagnosi della malattia, la previsione dei risultati, il trattamento e la medicina di precisione.

“Gli esseri umani condividono il 99,9 per cento del loro DNA, ma le carenze nelle ‘parti’ del proteoma derivanti da mutazioni genetiche ereditarie possono portare a malattie genetiche o risposte immunitarie e cellulari difettose o inadeguate a fattori di stress ambientali, nutrizionali e di infezione”, afferma Overall. “Sapere quali proteine ​​sono fondamentali per la protezione dalla malattia, può favorire la medicina individualizzata e lo sviluppo di nuove terapie”.

Fonte: Nature Communications

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...