Home Medicina Alternativa Gli estratti di mirtillo influenzano la formazione dei vasi sanguigni

Gli estratti di mirtillo influenzano la formazione dei vasi sanguigni

Immagine: Public Domain.

Quando il corpo umano subisce lesioni, le cellule entrano in azione. Nuovi vasi sanguigni emergono attraverso un processo chiamato angiogenesi e le cellule migrano in una campagna coordinata di guarigione.

La capacità di controllare questi meccanismi ha il potenziale per far progredire le terapie che vanno dal cancro al trattamento delle ferite. I polifenoli, un tipo di composti bioattivi che si trovano naturalmente in alcune piante, sono emersi come candidati per migliorare o rallentare questi processi.

Vedi anche: L’estratto di mirtilli rende i batteri più sensibili agli antibiotici

I mirtilli Lowbush come quelli coltivati ​​nel Down East Maine sono tra le fonti più ricche di polifenoli conosciuti.

All’Università del Maine, gli scienziati stanno lavorando per identificare esattamente quale di questi polifenoli dei mirtilli e a quali concentrazioni influenzano la migrazione cellulare, l’angiogenesi e l’infiammazione e come possono essere applicati in contesti clinici.

Uno studio recentemente pubblicato dal laboratorio di Dorothy Klimis-Zacas, Professore di nutrizione clinica presso la School of Food and Agriculture dell’Università del Maine, ha valutato come due frazioni di polifenoli presenti nei mirtilli selvatici, gli antociani e gli acidi fenolici, influenzano la formazione del tubo dei vasi sanguigni, espressione genica e sintesi di proteine, tutti fattori importanti nel processo di guarigione dei tessuti. Lo studio ha scoperto che diversi estratti e concentrazioni di questi composti potrebbero essere applicati per aumentare o diminuire queste attività nelle colture cellulari.

I risultati anticipano un progetto guidato da Klimis-Zacas che mira a sviluppare e commercializzare un prototipo di terapia per migliorare la guarigione delle ferite e la rigenerazione dei tessuti in lesioni difficili da trattare come ustioni o per i pazienti con scarsa circolazione a causa di condizioni preesistenti, come il diabete. Il team di ricerca biomedica sta inoltre esaminando il potenziale dei polifenoli del mirtillo selvatico per ridurre l’infiammazione, che è associata a malattie croniche diffuse tra cui obesità e malattie cardiache.

Spiegano gli autori: “I mirtilli selvatici sono le bacche con livelli più elevati di antociani (ACN) e gli acidi fenolici (PA). Precedenti lavori del nostro gruppo hanno documentato i loro effetti benefici. In questo studio, sono state utilizzate cellule endoteliali delle vene ombelicali umane e sono stati testati ACN, PA, e la loro combinazione (ACN: PA) a concentrazioni di 0,002, 8, 15, 60 e 120 μg / mL per la formazione del tubo endoteliale. Il trattamento con gli PA ha aumentato la formazione complessiva del tubo cellulare endoteliale rispetto al controllo. Le cellule endoteliali esposte agli ACN hanno downregolato l’espressione genica di AKT1 e dell’enzima ossido nitrico sintasi endoteliale (eNOS), mentre le PA hanno sovraregolato AKT1 e l’espressione genica del fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF). Nella combinazione di ACN: le PA hanno ridotto l’espressione genica di AKT1 ed eNOS, mentre i livelli proteici di AKT1 sono aumentati. In sintesi, in base al tipo di estratto di mirtillo selvatico, l’angiogenesi è differenziata e dipende dalla concentrazione. Ulteriori esperimenti delineano i meccanismi dell’azione differenziale degli estratti sopra menzionati sull’angiogenesi”.

“Questi nuovi risultati che ci aiutano ad apprezzare gli effetti differenziali di questi composti bioattivi nel nostro modello in vitro, ci hanno portato a confermarli negli studi preclinici e stiamo sviluppando un prototipo biomedico per applicazioni cliniche”, ha detto Klimis-Zacas.

Panagiotis Tsakiroglou, un dottorando che collabora con Klimis-Zacas, è autore principale di un articolo che spiega nel dettaglio i risultati dello studio, “L’angiogenesi è modulata in modo differenziale da antociani e estratti di acido fenolico dal mirtillo selvatico (V. angustifolium) attraverso PI3K Pathway”, che è stato pubblicato nel Journal of Medicinal Food di luglio 2020.

Fonte: Journal of Medicinal Food


ULTIMI ARTICOLI

La prevenzione delle metastasi è una nuova arma nella guerra al cancro

Immagine:Credito: dominio pubblico Unsplash / CC0. Il Prof. Michael Lisanti e la Prof.ssa Federica Sotgia hanno fatto una scoperta che potrebbe trasformare il cancro in...

Oltre placche e grovigli: una varazione genetica può aumentare il rischio di declino cognitivo

Immagine: Public Domain. Una variazione genetica in alcune persone può essere associata al declino cognitivo che non può essere spiegato dai depositi di due proteine...

Trovata una causa e un possibile trattamento per l’X fragile

Immagine: Credito (© stock.adobe.com) Gli scienziati della Yale University hanno scoperto un meccanismo alla base della Sindrome dell'X fragile - una delle principali cause di...

Scoperto nel cervello il sito del desiderio sessuale maschile

Immaginde: quando gli scienziati della Northwestern hanno eliminato selettivamente l'aromatasi nel cervello, l'attività sessuale nei topi maschi è diminuita del 50%, nonostante avessero livelli...

Potenziale bersaglio identificato per il trattamento dell’emicrania

Immagine: tracce grezze rappresentative dei potenziali cambiamenti di corrente continua durante CSD nel controllo e GLT-1 KO. L'immagine è accreditata al Dipartimento di Neuroscienze Molecolari,...