Home Salute Tumori Cosa c'è nel colon che sembra attrarre il cancro?

Cosa c’è nel colon che sembra attrarre il cancro?

Immagine: Public Domain.

È un fatto che ha a lungo sconcertato i medici: il cancro nell’intestino tenue è piuttosto raro, mentre il cancro del colon-retto, un organo vicino anche se molto più piccolo, è una delle principali cause di morte per cancro per uomini e donne.

 Cosa c’è nel colon che sembra attrarre il cancro?

- Advertisement -

Per rispondere a questa domanda, il Professor Yinon Ben-Neriah del Centro Lautenberg per la ricerca sull’immunologia e il cancro dell’Università Hebrew di Gerusalemme (HU) e il suo team guidato dal Dottor Eliran Kadosh, hanno scoperto che le mutazioni del cancro non sono necessariamente dei cattivi attori in sé e per sé. In effetti, in alcuni micro-ambienti come l’intestino, queste mutazioni possono effettivamente aiutare il corpo a combattere il cancro, non a diffonderlo. Tuttavia, se il microbioma intestinale produce alti livelli di metaboliti, come quelli presenti in alcuni batteri e alimenti ricchi di antiossidanti come il tè nero e il cacao, allora agisce come un ambiente particolarmente ospitale per i geni mutati e accelererà la crescita dei tumori intestinali.

Queste scoperte rivoluzionarie sono state pubblicate oggi su Nature.

Ben-Neriah e il suo team hanno tenuto presente i microbiomi intestinali mentre osservavano più da vicino i tumori gastrointestinali e potrebbero aver trovato il motivo per cui solo il 2% dei tumori attecchisce nell’intestino tenue, mentre un enorme 98% dei tumori ha luogo nel colon. Una delle principali differenze tra questi due organi è il loro livello di batteri intestinali: l’intestino tenue ne contiene pochi, mentre il colon ne contiene moltitudini. “Gli scienziati stanno cominciando a prestare sempre più attenzione al ruolo dei microbiomi intestinali nella nostra salute: sia i loro effetti positivi che, in questo caso, il loro ruolo talvolta dannoso nell’aiutare e favorire la malattia“, ha spiegato Ben-Neriah.

Vedi anche:Cancro del colon-retto: topi identici, diversi batteri intestinali, diversi livelli di cancro

- Advertisement -

Un po’ di storia: TP53 è un gene presente in ogni cellula. Produce una proteina chiamata p53 che funge da barriera cellulare, sopprimendo le mutazioni genetiche nella cellula. Tuttavia, quando p53 viene danneggiato, non protegge più la cellula; al contrario: guida il cancro, aiutando i tumori a diffondersi e crescere.

Per testare la loro teoria secondo cui lflora intestinale era in gioco nello sviluppo del cancro, i ricercatori hanno introdotto nell’intestino proteine ​​mutate p53 (“cancer-driven”). Sorprendentemente, l’ intestino tenue ha reagito convertendo il driver mutato del cancro p53 in normale p53, trasformandosi in “super-soppressore” che era migliore nel sopprimere la crescita del cancro rispetto alle proteine ​​sane p53. Tuttavia, quando p53 mutata è stata introdotta nel colon, i batteri iontestinali non l’hanno modificata e la proteina è rimasta fedele alla sua natura guidando e promuovendo la diffusione cancerosa. “Siamo rimasti colpiti da ciò che abbiamo visto”, ricorda Ben-Neriah. “I batteri intestinali hanno avuto un effetto Jekyll e Hyde sulle proteine ​​mutate di p53. Nell’intestino tenue hanno totalmente cambiato rotta e hanno attaccato le cellule cancerose, mentre nel colon hanno favorito la crescita cancerosa”.

Per testare ulteriormente la loro teoria secondo cui la flora intestinale era un fattore importante sul perché p53 mutata fungesse da bloccante del tumore nell’intestino tenue, ma da acceleratore del tumore nel colon, gli scienziati hanno somministrato ai topo degli antibiotici per uccidere la flora intestinale del colon. Una volta che l’hanno fatto, p53 mutata non è stata in grado di andare avanti nella sua folle corsa verso lo sviluppo del cancro.

Cosa c’è in questa flora batterica che fa diffondere il cancro al colon così rapidamente? 

Un’analisi approfondita ha identificato il “responsabile”: la flora intestinale che produce metaboliti, noti anche come “antiossidanti”, che si trovano in alte concentrazioni in alimenti come tè nero, cioccolato, noci e bacche. Quando gli scienziati hanno nutrito i topi una dieta ricca di antiossidanti, la loro flora intestinale ha accelerato la modalità dello sviiluppo del cancro da p53. Questa scoperta è di particolare preoccupazione per quei pazienti con una storia familiare di cancro del colon-retto.

“Dal punto di vista scientifico, questo è un nuovo territorio fertile. Siamo rimasti sorpresi di vedere fino a che punto i microbiomi influenzano le mutazioni del cancro – in alcuni casi, cambiando completamente la loro natura”, ha condiviso Ben-Neriah.

Guardando al futuro, le persone ad alto rischio di carcinoma del colon-retto potrebbero dover controllare la loro flora intestinale più frequentemente e scegliere alimenti non antiossidanti.

Fonte: Natura 

ULTIMI ARTICOLI

La depressione può essere rivelata dalla pupilla

Depressione-Immagine Credit Public Domain. "La depressione può essere rivelata dalla dilatazione delle pupille", secondo uno studio degli scienziati dell'Istituto Max Planck di Psichiatria che lo...

Alzheimer: modificare un gene per prevenire la malattia

Alzheimer-Immagine Credit Public Domain. Un team di ricercatori della Laval University ha trovato prove che si potrebbe prevenire lo sviluppo della malattia di Alzheimer modificando...

Livelli di Vitamina D-batteri intestinali: trovata connessione

Vitamina D e microbioma-Immagine Credit Public Domain. Ricercatori e collaboratori dell'Università della California di San Diego hanno recentemente trovato una connessione tra livelli di vitamina...

Proteine: risoluzione 3D da AI rivoluzionerà la biologia

Proteine:Immagine:la funzione di una proteina è determinata dalla sua forma 3D. Credito: DeepMind. Secondo gli scienziati, il programma di apprendimento profondo di Google per determinare le...

Dieta: carne e latticini e rischio di cancro

Dieta e cancro-Immagine Public Domain. Un team internazionale di ricercatori ha identificato un legame molecolare diretto tra le diete a base di carne e latticini...