Gli agenti “virali” di SM, SLA e schizofrenia sono sepolti nel nostro genoma?

sclerosi multipla,sla

Gli agenti “virali” di SM, SLA e schizofrenia sono sepolti nel nostro genoma?

Cosa accadrebbe se il fattore “ambientale” mancante in alcune delle nostre più letali malattie neurologiche fosse davvero scritto nel nostro genoma?

Scrivendo su Frontiers in Genetics, i ricercatori dell’Università di Dusseldorf spiegano come il virus è finito nel nostro DNA.

Un enorme 8% del nostro DNA proviene da virus. Nello specifico, si chiamano retrovirus, non perché siano vecchi, ma perché invertono il normale processo di lettura del DNA per scrivere se stessi nel genoma del loro ospite.

I retrovirus sono comunque anche vecchi: hanno iniziato a fondersi con i nostri antenati primordiali, milioni di anni fa. Nel corso dei millenni, la maggior parte dei loro resti nel nostro DNA, noti come retrovirus endogeni umani o HERV, sono stati ridotti al silenzio dalle mutazioni. Altri, che si erano evoluti per respingere virus rivali, formarono il prototipo del sistema immunitario e fino ad oggi ci proteggono dalle infezioni.

Tuttavia, gli HERV potrebbero anche essere il collegamento causale mancante nelle principali malattie neurologiche “non risolte”.

“Gli HERV sono stati implicati nell’insorgenza e nella progressione della sclerosi multipla [SM], della sclerosi laterale amiotrofica [SLA] e della schizofrenia [SCZ]”, afferma l’autore senior Prof. Patrick Kuery. “Gli HERV dormienti possono essere riattivati ​​da fattori ambientali come infiammazioni, mutazioni, farmaci o infezioni con altri virus, quindi potrebbero fornire un meccanismo per il loro legame epidemiologico ben stabilito con questi disturbi”.

Ruolo degli HERV nella SM e altre malattie neurologiche

Finora, le prove più evidenti collegano gli HERV alla SM.

“La SM è causata da attacchi autoimmuni diretti alla mielina – il rivestimento grasso delle cellule nervose – nel cervello e nel midollo spinale”, spiega Kuery. “Ma non abbiamo ancora capito come vengono innescati questi attacchi”.

Una varietà di studi suggerisce che la riattivazione dell’ HERV potrebbe essere proprio un fattore scatenante.

Vedi anche, La sclerosi multipla è legata alle infezioni virali dell’infanzia?.

“I retrovirus sono stati associati per la prima volta alla SM nel 1989, ma solo alcuni decenni più tardi ci siamo è resi conto che si trattava in realtà di HERV. Successivamente, è stato dimostrato che i livelli di HERV , RNA e proteine, sono aumentati nel cervello e nel liquido del midollo spinale [CSF] dei pazienti, così come nel loro tessuto cerebrale post-mortem. Collegando questa riattivazione dell’ HERV agli attacchi autoimmuni nella SM, è stato scoperto che le proteine ​​HERV possono scatenare una risposta immunitaria contro la mielina, che innesca la malattia simil-MS nei modelli murini”.

Meccanisticamente, le proteine ​​HERV potrebbero innescare l’autoimmunità attraverso “mimetismo molecolare”.

“Oltre agli effetti diretti dell’HERV sulle cellule mielinizzanti, diversi gruppi riportano somiglianze strutturali tra HERV e la glicoproteina oligodendrocita della mielina – una molecola visualizzata sulla superficie della mielina – Questa somiglianza potrebbe ingannare il sistema immunitario in danno alla mielina e scatenare un attacco”.

Prova sperimentale negli esseri umani

Esperimenti simili hanno collegato gli HERVs alla malattia demielinizzante periferica CIDP, così come a processi più distinti della malattia come la perdita progressiva dei motoneuroni nella SLA (malattia di Lou Gehrig).

Nella schizofrenia, un complesso disturbo del neurosviluppo, il legame con gli HERV è più circostanziato.

È stato riportato che le proteine ​​HERV aumentano l’espressione dei geni legati alla schizofrenia nelle cellule del cervello umano coltivate”, riferisce Kuery. “Tuttavia, gli studi sui pazienti affetti da schizofrenia mostrano cambiamenti incoerenti nell’espressione di HERV nel sangue, nel liquido cerebrospinale e nel tessuto cerebrale postmortem rispetto ai controlli sani”.

Capire bene se l’HERV contribuisca o meno a queste e altre condizioni neurologiche inspiegabili richiede ulteriori indagini. Un passo importante sarà quello di testare gli effetti degli anticorpi neutralizzanti HERV negli esseri umani.

“Da notare che nei pazienti con SM recidivante è stato condotto uno studio clinico di fase 2b che utilizza anticorpi neutralizzanti le proteine ​​Temelimab. Stiamo ora aspettando di vedere se il trattamento ha mostrato effetti benefici sulla rimielinizzazione o sulla neurodegenerazione attenuata”, conclude Kuery.

Fonte, Frontiers in Genetics


Altri articoli su sclerosi multipla, sla