La sclerosi multipla è legata alle infezioni virali dell’infanzia?

sclerosi multipla

Immagine, un supporto di cellule T (ciano) che esprimono la chemochina CCL5 (giallo), che risiede in un sito di infezione da virus risolti (rosa). Credito:UNIGE.

Sebbene le cause esatte della sclerosi multipla siano ancora sconosciute, si presume che la malattia sia scatenata da una combinazione di fattori di rischio genetici e ambientali. Ma quali? In un modello murino della malattia, i ricercatori dell’Università di Ginevra (UNIGE) e degli Ospedali universitari di Ginevra (HUG), Svizzera, hanno studiato il potenziale legame tra le infezioni virali cerebrali transitorie nella prima infanzia e lo sviluppo di questa malattia autoimmune cerebrale in seguito nella vita. In effetti, l’area del cervello colpita da un’infezione virale durante l’infanzia subisce un cambiamento che può richiamare, molto tempo dopo, il sistema immunitario contro se stesso in quella posizione precisa, innescando lesioni autoimmuni.

Questi risultati, che sono stati pubblicati sulla rivista Science Translational Medicine, forniscono una prima risposta a una delle possibili cause ambientali di questa grave malattia.

La sclerosi multipla colpisce una persona su 1000 in Svizzera, due terzi dei quali sono donne. È la più comune malattia autoimmune che colpisce il cervello. Fino ad oggi, non esiste ancora una cura disponibile, né una chiara comprensione dei fattori che scatenano questa malattia a circa 30 anni di età. “Ci siamo chiesti se le infezioni virali cerebrali che potrebbero essere contratte nella prima infanzia, fossero tra le possibili cause“, dice Doron Merkler, Professore nel Dipartimento di Patologia e Immunologia presso la Facoltà di Medicina dell’UNIGE. Tali infezioni transitorie del cervello possono essere controllate rapidamente dal sistema immunitario, senza che l’individuo affetto abbia notato alcun sintomo. “Ma queste infezioni transitorie possono, in certe circostanze, lasciare un’impronta locale, una firma infiammatoria, nel cervello“, continua il ricercatore.

L’infanzia: un momento cruciale che influenza il rischio di malattia

Gli scienziati hanno indotto un’infezione virale transitoria in un gruppo di topi adulti e in un gruppo di topi in giovane età al fine di testare questa ipotesi. Karin Steinbach, una ricercatrice dello stesso dipartimento, spiega: “In entrambi i casi, i topi non hanno mostrato alcun segno della malattia ed hanno eliminato l’infezione entro una settimana con una risposta immunitaria anti-virale simile”.

Gli scienziati hanno quindi permesso ai due gruppi di topi di invecchiare prima di essere infusi con cellule auto-reattive, che possono bersagliare la normale struttura cerebrale e sono anche pensate per contribuire alla malattia dei pazienti con sclerosi multipla. “Queste cellule auto-reattive sono presenti nella maggior parte di noi, ma non necessariamente inducono una malattia, dal momento che sono controllate da diversi meccanismi di regolazione e di solito non hanno accesso al cervello“, spiega Karin Steinbach.

Vedi anche,Trattamento nanotecnologico inverte i sintomi della sclerosi multipla nei topi.

Infatti, nel gruppo di topi infetti dal virus in età adulta, le cellule auto-reattive trasferite non hanno avuto accesso al cervello e non sono state osservate lesioni cerebrali. Tuttavia, in quei topi che erano stati infettati in età molto giovane, le cellule auto-reattive hanno avuto accesso al cervello in età adulta e migrato nel luogo preciso in cui si era precedentemente verificata l’infezione. Di conseguenza, le cellule autoreattive hanno iniziato ad attaccare la struttura del cervello in queste aree, portando allo sviluppo di lesioni cerebrali.

 Perché c’era una tale differenza a seconda dell’età in cui i topi hanno subito una precedente infezione virale?

Un accumulo di cellule T dà il segnale

Durante la loro analisi del cervello nella coorte di topi che avevano superato l’infezione virale in giovane età, i ricercatori hanno osservato un accumulo di un sottotipo di cellule immunitarie: le cosiddette “cellule T di memoria residenti nel cervello“. “In circostanze normali, queste cellule sono distribuite in tutto il cervello, pronte a proteggerlo in caso di attacco virale, ma qui le cellule si accumulano in eccesso nel punto esatto dell’infezione infantile nel cervello”, afferma il Professor Merkler. I ricercatori hanno successivamente scoperto che queste cellule producevano una molecola che attrae in modo specifico le cellule autoreattive, consentendo loro di accedere al cervello e causare lesioni cerebrali autoimmuni. 

“Per verificare questa osservazione”, continua il Professore, “abbiamo bloccato il recettore che trasmette il segnale alle cellule autoreattive”.

Un fenomeno simile si verifica anche negli esseri umani

“Abbiamo poi cercato di trovare un accumulo simile di cellule T di memoria residenti nel cervello che producono questa molecola in persone con sclerosi multipla, e in effetti l’abbiamo trovate”, dice Karin Steinbach. Per analogia, gli scienziati suggeriscono che le cellule T autoreattive nell’uomo potrebbero ottenere l’accesso al cervello con un meccanismo simile a quello osservato nei topi, qualcosa da approfondire in studi futuri.

Stiamo continuando la nostra ricerca in questa direzione e in particolare vogliamo capire perché le cellule T della memoria cerebrale si accumulano in questi punti discreti nel cervello di un bambino a seguito dell’infezione, ma non nell’età adulta“, conclude Karin Steinbach. “In futuro, le conoscenze acquisite da questi studi potrebbero aiutarci a capire meglio le possibili cause della sclerosi multipla”.

Fonte, Science


Altri articoli su sclerosi multipla