HomeSaluteCervello e sistema nervosoL'Alzheimer potrebbe essere una malattia autoimmune

L’Alzheimer potrebbe essere una malattia autoimmune

(Alzheimer- Immagine Credit Public Domain).

La ricerca di una cura per il morbo di Alzheimer sta diventando una ricerca sempre più competitiva e controversa, con gli ultimi anni che sono stati testimoni di diverse importanti controversie.

Nel luglio 2022, la rivista Science ha riferito che un importante documento di ricerca del 2006, pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature, che identificava un sottotipo di proteina cerebrale chiamata amiloide-beta come causa dell’Alzheimer, potrebbe essere stato basato su dati fabbricati.

- Advertisement -

Un anno prima, nel giugno 2021, la Food and Drug Administration statunitense aveva approvato l’Aducanumab come trattamento per l’Alzheimer, anche se i dati a sostegno del suo uso erano incompleti e contraddittori. Alcuni medici ritengono che Aducanumab non avrebbe mai dovuto essere approvato, mentre altri sostengono che dovrebbe avere una possibilità.

Con milioni di persone che necessitano di un trattamento efficace, perché i ricercatori stanno ancora armeggiando nella ricerca di una cura per quella che è probabilmente una delle malattie più importanti che l’umanità deve affrontare?

Sfuggire al solco dell’amiloide-beta

Per anni, gli scienziati si sono concentrati sul tentativo di trovare nuovi trattamenti per l’Alzheimer prevenendo la formazione di grumi dannosi per il cervello di questa misteriosa proteina chiamata amiloide-beta. In effetti, gli  scienziati sono probabilmente entrati in un solco intellettuale concentrandosi quasi esclusivamente su questo approccio, spesso trascurando o addirittura ignorando altre possibili spiegazioni.

Illustrazione che mostra grappoli rossi di placche amiloidi nel tessuto cerebrale
Studiare i beta-amiloidi come proteine ​​anormali che causano il morbo di Alzheimer non si è tradotto in un farmaco o in una terapia utile. Shutterstock

Purtroppo, questa dedizione allo studio dei grumi proteici anormali non si è tradotta in un farmaco o in una terapia utile. La necessità di un nuovo modo “fuori dagli schemi” di pensare all’Alzheimer sta emergendo come una priorità assoluta nelle scienze del cervello.

- Advertisement -

Vedi anche:Alzheimer: una nuova molecola studiata in un modello animale apre nuovi scenari per la cura della malattia

“Il mio laboratorio al Krembil Brain Institute, parte della University Health Network di Toronto, sta ideando una nuova teoria sull’Alzheimer.”Sulla base dei nostri ultimi 30 anni di ricerca, non pensiamo più all’Alzheimer come principalmente a una malattia del cervello. Piuttosto, crediamo che l’Alzheimer sia principalmente un disturbo del sistema immunitario all’interno del cervello”, dice Donald Weaver, Professore di Chimica e Direttore del Krembil Research Institute, University Health Network, University of Toronto.

Il sistema immunitario, che si trova in ogni organo del corpo, è un insieme di cellule e molecole che lavorano in armonia per aiutare a riparare le lesioni e proteggere dagli invasori estranei. Quando una persona inciampa e cade, il sistema immunitario aiuta a riparare i tessuti danneggiati. Quando qualcuno sperimenta un’infezione virale o batterica, il sistema immunitario aiuta nella lotta contro questi invasori microbici.

Gli stessi identici processi sono presenti nel cervello. Quando c’è un trauma cranico, il sistema immunitario del cervello si attiva per aiutare a riparare. Quando i batteri sono presenti nel cervello, il sistema immunitario è lì per reagire.

L’Alzheimer come malattia autoimmune

Crediamo che l’amiloide-beta non sia una proteina prodotta in modo anomalo, ma piuttosto una molecola presente normalmente che fa parte del sistema immunitario del cervello. Dovrebbe essere lì. Quando si verifica un trauma cerebrale o quando i batteri sono presenti nel cervello, l’amiloide-beta contribuisce in modo chiave alla risposta immunitaria completa del cervello. Ed è qui che inizia il problema.

A causa delle sorprendenti somiglianze tra le molecole di grasso che costituiscono sia le membrane dei batteri che le membrane delle cellule cerebrali, l’amiloide-beta non è in grado di distinguere tra batteri invasori e cellule cerebrali ospiti e attacca erroneamente le stesse cellule cerebrali che dovrebbe essere proteggere.

Ciò porta a una perdita cronica e progressiva della funzione delle cellule cerebrali, che alla fine culmina nella demenza, tutto perché il sistema immunitario del nostro corpo non è in grado di distinguere tra batteri e cellule cerebrali.

Vista ravvicinata di una sezione di un cervello umano
Una sezione di un cervello umano con malattia di Alzheimer esposta al Museum of Neuroanatomy dell’Università di Buffalo, a Buffalo, NY (AP Photo/David Duprey)

Quando c’è un attacco mal diretto del sistema immunitario del cervello proprio sull’organo che dovrebbe difendere, il morbo di Alzheimer emerge come una malattia autoimmune. Esistono molti tipi di malattie autoimmuni, come l’artrite reumatoide, in cui gli autoanticorpi svolgono un ruolo cruciale nello sviluppo della malattia e per i quali le terapie a base di steroidi possono essere efficaci. Ma queste terapie non funzioneranno contro il morbo di Alzheimer.

Il cervello è un organo molto speciale e distintivo, riconosciuto come la struttura più complessa dell’universo. “Nel nostro modello di Alzheimer”, dice il ricercatore, “l’amiloide-beta aiuta a proteggere e rafforzare il nostro sistema immunitario, ma sfortunatamente svolge anche un ruolo centrale nel processo autoimmune che, a nostro avviso, può portare allo sviluppo dell’Alzheimer”.

“Sebbene i farmaci convenzionalmente utilizzati nel trattamento delle malattie autoimmuni possano non funzionare contro l’Alzheimer, crediamo fermamente che il target di altri percorsi di regolazione immunitaria nel cervello ci porterà a nuovi ed efficaci approcci terapeutici per la malattia”.

Altre teorie sulla malattia
Un disegno di un cervello all'interno di una lampadina gialla, su sfondo verde.
È gratificante vedere lo sviluppo di nuove ipotesi su questa malattia secolare. (Pixabay)

Oltre a questa teoria autoimmune dell’Alzheimer, stanno cominciando ad apparire molte altre teorie nuove e variegate. Ad esempio, alcuni scienziati ritengono che l’Alzheimer sia una malattia di minuscole strutture cellulari chiamate mitocondri, le fabbriche di energia in ogni cellula cerebrale. I mitocondri convertono l’ossigeno dall’aria che respiriamo e il glucosio dal cibo che mangiamo nell’energia necessaria per ricordare e pensare.

Altri ricercatori sostengono che l’Alzheimer sia il risultato finale di una particolare infezione cerebrale con i batteri della bocca che vengono spesso suggeriti come colpevoli. Altri ancora suggeriscono che la malattia possa derivare da una manipolazione anormale di metalli all’interno del cervello ù, possibilmente zinco, rame o ferro.

La demenza colpisce attualmente più di 50 milioni di persone in tutto il mondo, con una nuova diagnosi ogni tre secondi. Spesso le persone che convivono con il morbo di Alzheimer non sono in grado di riconoscere i propri figli e nemmeno il coniuge.

L’Alzheimer è una crisi di salute pubblica che necessita di idee innovative e nuove direzioni. Per il benessere delle persone e delle famiglie che convivono con la demenza e per l’impatto socioeconomico sul nostro già stressato sistema sanitario che deve far fronte ai costi e alle richieste sempre crescenti della demenza, abbiamo bisogno di una migliore comprensione dell’Alzheimer, delle sue cause e cosa possiamo fare per curarla e per aiutare le persone e le famiglie che la convivono.

Fonte:The Conversation

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...