HomeSaluteOssa e muscoliArtrosi: nuovo farmaco sperimentale ha un potente effetto antinfiammatorio

Artrosi: nuovo farmaco sperimentale ha un potente effetto antinfiammatorio

Immagine: Osteoartrite: Credit: Public Domain.

Un nuovo farmaco che i ricercatori stanno attualmente testando per curare l’osteoartrite, può smorzare gli effetti dannosi di un sistema immunitario iperattivo proteggendone le funzioni benefiche. Pertanto, il farmaco potrebbe potenzialmente trattare l’artrite reumatoide, nonché altre condizioni derivanti dall’infiammazione.

La rete di cellule e molecole di segnalazione che compongono il sistema immunitario del corpo sono fondamentali per la nostra sopravvivenza. Al tempo di COVID-19, questo forse non è mai stato più chiaro. Tuttavia, il sistema immunitario umano deve mantenere un delicato equilibrio. Se questo equilibrio si trasforma in iperattività, il sistema immunitario può essere estremamente dannoso per il corpo. In effetti, un sistema immunitario troppo attivo provoca una serie di malattie. Queste includono la malattia infiammatoria intestinale, la sclerosi multipla e alcune forme di artrite, che la comunità medica raggruppa come disturbi autoimmuni. Gli scienziati di solito considerano l’artrosi, al contrario, una malattia da “usura”, e solo di recente hanno iniziato a comprendere il ruolo dell’infiammazione nella sua progressione. In uno studio che la rivista Inflammopharmacology ha recentemente pubblicato, alcuni ricercatori dell’Università di Liverpool nel Regno Unito hanno scoperto che un nuovo farmaco sperimentale per l’artrosi, potrebbe aiutare a mantenere il sistema immunitario sotto controllo, garantendo al contempo che le sue funzioni protettive rimangano intatte.
Il progetto è nato da una collaborazione con la società farmaceutica AKL Research & Development e la scoperta potrebbe portare all’uso del farmaco per trattamenti mirati per l’artrite reumatoide e altre malattie che si verificano a causa di processi infiammatori.
Neutrofili e tempesta di citochine
Lo studio si è concentrato sul ruolo dei neutrofili, che sono il tipo più comune di globuli bianchi e fungono da prima linea di difesa del sistema immunitario. Quando il corpo incontra un patogeno, invia rapidamente i neutrofili nel sito dell’infezione dove catturano e distruggono il patogeno. Producono anche molecole di segnalazione chiamate citochine, che reclutano altre cellule immunitarie per aiutare a combattere l’infezione.
Di solito, questa è una risposta utile, ma a volte i neutrofili diventano iperattivi o c’è una compromissione dei meccanismi che regolano la loro attività. Entrambe le situazioni comportano il rilascio di troppe citochine, a volte anche in assenza di un’infezione. Eccessive citochine innescano una reazione infiammatoria che è dannosa per i tessuti del corpo. In casi estremi, il livello di rilascio di citochine è così elevato che viene chiamato “tempesta di citochine”.
Queste cosiddette tempeste di citochine proinfiammatorie causano un’estrema infiammazione che può danneggiare il sistema circolatorio, portando alla fuoriuscita di siero dal sangue nei tessuti e al collasso del sistema vascolare. Le conseguenze, tra cui l’insufficienza d’organo, possono essere gravi e persino letali.
Il nuovo farmaco: APPA
In questo contesto, l’obiettivo dello sviluppo di farmaci è sopprimere l’attività dannosa del sistema immunitario senza comprometterne la capacità di combattere le infezioni. “Mirare terapeuticamente agli effetti dannosi dei neutrofili nell’infiammazione, senza interferire con la loro capacità di combattere le infezioni, è stato un obiettivo a lungo termine di molti scienziati in tutto il mondo”, spiega il Prof. Steve Edwards, un esperto presso l’Università di Liverpool. In collaborazione con AKL Research & Development, il Prof. Edwards e il suo team hanno testato l’azione di un nuovo farmaco combinato chiamato APPA sul funzionamento dei neutrofili. Il nuovo farmaco è costituito dalle molecole di origine vegetale apocinina. Inizialmente l’AKL ha sviluppato il farmaco per il trattamento dell’osteoartrosi, una malattia degenerativa delle articolazioni che colpisce oltre 32,5 milioni di adulti negli Stati Uniti. Per esaminare in dettaglio l’impatto del farmaco APPA sui neutrofili, il team ha isolato queste cellule dal sangue da volontari sani e le ha trattate con APPA in una serie di concentrazioni prima di esaminare l’effetto su varie importanti funzioni delle cellule. Questi includevano processi benefici, come la fagocitosi (come i neutrofili “mangiano” i batteri e altri agenti patogeni) e l’uccisione e il movimento dei batteri. I ricercatori hanno anche considerato processi potenzialmente dannosi, come la produzione di specie reattive dell’ossigeno (ROS, un’altra serie di molecole di segnalazione che possono causare infiammazione) e il rilascio di citochine.
Un approccio mirato
I ricercatori hanno scoperto che il farmaco APPA ha ridotto con successo i livelli di ROS e l’espressione delle citochine, ma non ha avuto alcun effetto sulla capacità dei neutrofili di difenderci dalle infezioni attaccando fisicamente i batteri. “Abbiamo dimostrato che APPA ha il potenziale per smorzare quella cattiva infiammazione che provoca malattie reumatiche, ma non ha un impatto sulla cruciale funzione antimicrobica dei neutrofili. Abbiamo aspettato troppi anni per un farmaco così selettivo”, dice Robert Moots, Professore di reumatologia all’Università di Liverpool.
È interessante notare che alcune delle citochine che APPA regola svolgono anche un ruolo nelle tempeste di citochine che i ricercatori hanno osservato nei pazienti COVID-19, dando peso all’idea che APPA potrebbe avere applicazioni molto più ampie.
“I nostri risultati suggeriscono un ruolo primario di APPA nell’aiutare a modificare in modo sicuro la risposta immunitaria aggressiva, non solo nell’artrite che tratto ogni giorno, ma anche, potenzialmente, in COVID-19”, afferma il Prof. Moots. Prevenire tali tempeste di citochine in COVID-19 potrebbe diventare una parte importante del regime di trattamento. L’approccio selettivo di un farmaco come APPA, che blocca gli effetti dannosi di un sistema immunitario iperattivo senza interrompere la sua capacità di combattere le infezioni, potrebbe essere una fruttuosa area di ricerca una volta completati gli studi clinici su questo nuovo farmaco.
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...