HomeSaluteFarmaco sperimentale quadruplica la durata della vita nei topi

Farmaco sperimentale quadruplica la durata della vita nei topi

Un nuovo farmaco, che ha dimostrato di quadrupoicare la durata della vita nei topi, potrebbe potenzialmente essere usato per trattare le malattie umane che causano l’invecchiamento accelerato.

Gli scienziati della Northwestern Medicine hanno recentemente identificato il ruolo chiave di una proteina nell’ invecchiamento fisiologico e hanno sviluppato – in collaborazione con l’Università di Tohoku in Giappone – un farmaco sperimentale che inibisce l’effetto della proteina e prolunga la durata della vita in un modello murino di invecchiamento accelerato.

I topi con rapido invecchiamento, che sono stati nutriti con il ​​farmaco sperimentale, sono vissuti più di quattro volte più a lungo di un gruppo di controllo e i loro polmoni e sistema vascolare, sono stati protetti da invecchiamento accelerato, secondo il nuovo studio.

Il farmaco sperimentale potrebbe potenzialmente essere usato per trattare le malattie umane che provocano invecchiamento accelerato come la malattia renale cronica, diabete e infezione da HIV, così come gli effetti del fumo di sigaretta.

- Advertisement -

“Un farmaco come questo, potrebbe contribuire a ridurre le complicanze in condizioni cliniche che riflettono l’invecchiamento accelerato”, ha detto Douglas Vaughan, MD, autore senior dello studio. “Inoltre, questo farmaco ha avuto un effetto molto forte in termini di prolungamento della durata della vita”.

Vaughan è  professor alla Northwestern University Feinberg School of Medicine e medico capo al Northwestern Memorial Hospital.

Anche se  il farmaco sperimentale è nelle prime fasi di test, Vaughan ha detto: “E’ logico pensare che questo farmaco  potrà essere una componente di un cocktail di farmaci o integratori che una persona potrà assumere in futuro per estendere la durata della sua vita “.

Lo studio è stato pubblicato il 28 aprile sugli Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze .

- Advertisement -

Il farmaco sperimentale, TM5441, è uno dei farmaci vari scelti ogni anno dal National Institute on Aging, per essere testato nel suo programma di test  ed interventi, che indagano i trattamenti con la possibilità di estendere la durata della vita e ridurre la malattia.

La scoperta è il risultato di 25 anni di ricerca dal laboratorio di Vaughan.

Nella senescenza, le cellule o tessuti, a causa dell’ età, perdono la capacità di rigenerarsi e di secernere alcune proteine, come un’impronta distintiva della condizione. Una di queste proteine, PAI-1 (inibitore dell’attivatore del plasminogeno) è stata al centro della ricerca di Vaughan, originariamente in quanto si riferisce alla malattia cardiovascolare.

Per lo studio, lui e colleghi, hanno usato topi allevati per essere carente in un gene (Klotho) che sopprime l’invecchiamento. Questi topi mostrano invecchiamento accelerato in forma di arteriosclerosi, neurodegenerazione, l’osteoporosi e l’enfisema e hanno una vita molto più breve rispetto ai topi normali. Vaughan ha stabilito che questi topi con rapido invecchiamento producono un aumento dei livelli di PAI-1 nel sangue e nei tessuti.

Poi scienziati hanno alimentato i topi  con TM5441 – il farmaco sperimentale -,ogni giorno. Il risultato è stato una diminuzione del PAI-1 (proteina di invecchiamento che la squadra di Vaughan aveva identificato) ed è stata quadruplicata la durata della vita dei topi che hanno mantenuto i loro organi sani e  funzionanti.

 

# # #

 

Altri autori Northwestern dello studio includono Mesut Eren, Amanda E. Boe, Sheila B. Murphy, Aaron T. Place, Varun Nagpal, Luisa Morales-Nebreda, Daniela Urich, Susan E. Quaggin, Scott Budinger e Gökhan Mutlu.

ll Dr. Tohio Miyata, l’inventore del farmaco sperimentale TM5441, conduce il Centro Avanzato per la ricerca traslazionale  a Tohoku University Graduate School of Medicine in Giappone e detiene anche la cattedra di Docente di medicina presso la Northwestern.

Fonte : http://www.northwestern.edu/newscenter/

 

 

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...