Home Salute Cervello e sistema nervoso Farmaco sperimentale mostra promesse per il trattamento della schizofrenia

Farmaco sperimentale mostra promesse per il trattamento della schizofrenia

“Un farmaco sperimentale può alleviare una serie di sintomi che colpiscono le persone con schizofrenia, senza gli effetti collaterali dei farmaci esistenti”, suggerisce una sperimentazione clinica precoce.
I ricercatori hanno dimostrato che, per oltre un mese, il farmaco ha aiutato a gestire i diversi modi in cui si manifesta la schizofrenia – dalle delusioni e le allucinazioni, alle emozioni appiattite e al ritiro sociale. Tra i 120 pazienti che hanno assunto il farmaco, il 65% ha risposto alla quarta settimana. Questo rispetto al 44% dei pazienti trattati con placebo. Il farmaco, chiamato SEP-363856, sembra anche evitare gli effetti collaterali comuni con i farmaci antipsicotici standard.
Gli esperti sperano che i risultati di questo sdtudio, pubblicati il ​​16 aprile sul New England Journal of Medicine, possano portare a una nuova opzione terapeutica. Esiste una lista di prodotti antipsicotici per la schizofrenia che sono vecchi di decenni. “E per i milioni di persone in tutto il mondo con questa malattia mentale, esiste ancora un “bisogno medico insoddisfatto” critico”, ha dichiarato l’autore dello studio Kenneth Koblan, Direttore scientifico della Sunovion Pharmaceuticals di Marlborough, Massachussets, la società che ha sviluppato SEP-363856.
Un problema con i farmaci esistenti è che gli effetti collaterali possono rendere difficile l’aderenza“, ha affermato Koblan. I farmaci “di prima generazione”, possono causare disturbi del movimento simili a quelli osservati nella malattia di Parkinson: tremori, rigidità articolare e problemi di coordinazione. Gli antipsicotici di seconda generazione relativamente più recenti hanno meno probabilità di causare quegli effetti collaterali, ma possono stimolare l’aumento di peso e alti livelli di zucchero nel sangue e colesterolo.
Oltre a ciò, i farmaci esistenti riguardano solo un gruppo di sintomi della schizofrenia: le allucinazioni, le delusioni e i pensieri confusi che i medici chiamano sintomi “positivi”. (In questo caso, “positivo” significa presente). “Questi farmaci funzionano bene contro i sintomi positivi in ​​circa il 70% dei pazienti”, ha affermato il Dott. Donald Goff, Professore di psichiatria presso la School of Medicine della New York University di New York City. “Ma”, ha detto Goff, “non alleviano i sintomi “negativi”che affliggono le persone con schizofrenia. “Negativo” si riferisce a ciò che è perso e i sintomi includono emozioni appiattite, difficoltà a provare piacere e isolamento dagli altri”.
In questo studio a breve termine, SEP-363856 ha attenuato i sintomi sia positivi che negativi.
“Ciò che colpisce, per me”, ha detto Koblan, “è l’efficacia contro i sintomi negativi”. Goff, che ha scritto un editoriale pubblicato con lo studio, ha concordato che i risultati iniziali sono “molto incoraggianti”. “Questo farmaco potrebbe aiutare a gestire i  sintomi che non sono migliorati dagli attuali farmaci”, ha detto il ricercatore, “e potrebbe non avere gli stessi effetti collaterali dei farmaci standard”.
Non è del tutto chiaro come funziona il farmaco, secondo Koblan, agisce attraverso un meccanismo diverso rispetto agli attuali antipsicotici. ” Anche se questi farmaci sono numerosi”, ha detto Goff, “funzionano tutti in modo simile, bloccando un recettore sulle cellule cerebrali chiamato D2, che interagisce con la dopamina chimica. Il blocco di D2 può ridurre i sintomi della psicosi, ma è anche responsabile degli effetti collaterali più problematici”. Il farmaco sperimentale, al contrario,  stimola un diverso recettore del cervello, chiamato TAAR1,il recettore che aiuta a modulare la trasmissione della dopamina. Il Dr. Ken Duckworth è Direttore medico della National Alliance on Mental Illness. Ha detto: “Sono contento di vedere che si sta investendo su un farmaco con un nuovo meccanismo d’azione. E sono cautamente ottimista al riguardo”. “Cauto”, dice, “perché si tratta di un risultato derivato da una sperimentazione a breve termine”. Duckworth ha osservato che non si sono manifestati effetti collaterali significativi dal trattamento con il nuovo farmaco, ma questi effetti potrebbero richiedere del tempo per manifestarsi.
Lo studio ha coinvolto 245 pazienti affetti da schizofrenia dai 18 ai 40 anni, tutti nel decorso precoce della malattia. Circa la metà è stata assegnata casualmente ad assumere capsule SEP-363856 una volta al giorno, mentre il resto ha ricevuto capsule placebo. Dopo un mese, quasi i due terzi dei pazienti che assumevano il farmaco mostravano una risposta, il che significa che i loro punteggi su una misura standard dei sintomi erano migliorati di almeno del 20%. Successivamente, tutti i pazienti hanno avuto la possibilità di partecipare a uno studio di estensione di sei mesi in cui il farmaco è stato somministrato a tutti.” Nel complesso, l’efficacia è stata mantenuta”, ha affermato Koblan. È in corso una sperimentazione più ampia del farmaco. “Se si dimostrerà sicuro ed efficace”, ha detto Goff, “potrà aiutare le persone che non hanno risposto agli antipsicotici standard”.
- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

Influenza: nuovo studio spiega perchè può diventare fatale

Influenza-Immagine: Public Domain. L'influenza è causata da un virus, ma la causa più comune di morte causata dall'inflluenza è la polmonite batterica secondaria piuttosto che...

Dalla cannabis estratti che proteggono da COVID 19

Cannabis-Immagine: Public Domain. Nuovi estratti dalla cannabis sativa possono ridurre i livelli del recettore della cellula ospite che il coronavirus SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l'ingresso virale...

Alzheimer: “fuoco amico” nel cervello provoca la malattia?

Immagine: le microglia si raggruppano attorno alle placche in un modello murino di malattia di Alzheimer. Credito: Neher Lab / DZNE / HIH. Gli scienziati vogliono...

Un nuovo approccio radicale alla depressione

Depressione-Immagine:scansioni di imaging a risonanza magnetica del cervello umano. Credito: Simon Fraser / SPL / Getty. La depressione colpisce una persona su quattro in un momento...

Vaccini COVID 19: le sfide che ci attendono

Vaccini COVID 19-Immagine Credito: Oxford Univ./John Cairns / EPA-EFE / Shutterstock. Quando finalmente emergono risultati positivi sui vaccini COVID 19, i ricercatori devono aiutare il...