Farmaco per la terapia con cellule staminali può proteggere dai sintomi della BPCO

BPCO

Un farmaco usato nella terapia con cellule staminali per trattare alcuni tipi di cancro può anche proteggere dalle lesioni polmonari provocate dal fumo di sigaretta nella BPCOLo studio , pubblicato sull’ American Journal of Physiology – Lung Cellular and Molecular Physiology, è stato selezionato da APS per il mese di Luglio.

Plerixafor è un farmaco che stimola il sistema immunitario a rilasciare più di un tipo di cellule staminali (cellule progenitrici ematopoietiche o HPC) dal midollo osseo nel sangue. Il farmaco è usato per trattare alcuni tipi di cancro che hanno origine nelle cellule del sangue, tra cui il mieloma multiplo e il linfoma non-Hodgkin. Le cellule staminali hanno il potenziale di svilupparsi in molti diversi tipi di cellule nel corpo e sono coinvolte nella riparazione dei tessuti. Ricerche precedenti hanno dimostrato che un numero inferiore di HPC nel sangue corrisponde ad un aumento della gravità dell’enfisema, una forma di broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)

( Vedi anche: Uso regolare di candeggina collegato a rischio elevato di BPCO).

La BPCO è una malattia polmonare progressiva che rende difficile la respirazione.

Gli studi suggeriscono che il ridotto numero di HPC circolanti impedisce ai polmoni di essere in grado di riparare i danni legati al fumo. Sulla base di questa teoria, i ricercatori hanno esplorato l’effetto di plerixafor sulla circolazione delle cellule staminali – e sulla successiva funzione polmonare – nei topi. Un gruppo di animali è stato esposto al fumo di sigaretta cinque giorni alla settimana per 22 settimane e ha ricevuto iniezioni regolari di plerixafor e un altro gruppo è stato esposto al fumo, ma non ha ricevuto il trattamento).

I ricercatori hanno raccolto le cellule staminali da tutti i gruppi di topi e hanno riscontrato una diminuzione del numero di cellule nel gruppo esposto all’inizio del periodo di prova, il che è coerente con i risultati secondo cui anche le esposizioni brevi al fumo di sigaretta riducono le popolazioni di HPC nel midollo osseo, secondo il gruppo di ricerca . Al contrario, non vi era alcuna deplezione rilevabile di HPC nel gruppo trattato e, in effetti, il numero è aumentato dopo due settimane di trattamento. Campioni di fluido polmonare dal gruppo trattato non hanno mostrato cambiamenti significativi nel numero di globuli bianchi o infiammazione rispetto a un gruppo di controllo. L’aumento di questi fattori indica in genere una malattia o una lesione.

Gli effetti protettivi di plerixafor sulla lesione polmonare indotta da fumo “aumentano la possibilità che la [mobilitazione del midollo osseo] aumenti la disponibilità di HPC per la manutenzione e la riparazione delle cellule polmonari“, hanno scritto i ricercatori. 

“Il nostro rapporto sostiene l’utilità di questo farmaco approvato dalla FDA come potenziale trattamento per l’enfisema”.

Fonte: American Journal of Physiology

Altri articoli su BPCO