Estrogeni prodotti da neuroni contribuiscono alla formazione dei ricordi

estrogeni

Immagine, Dr. Darrell Brann e Yujiao Lu Credito: Phil Jones, Senior Photographer, Augusta University.

‘Gli estrogeni nel cervello sono importanti per mantenere la comunicazione tra i neuroni e la creazione dei ricordi’, riferiscono gli scienziati.

I neuroni sia negli uomini che nelle donne producono gli estrogeni e gli scienziati hanno dimostrato che quando non lo fanno, il loro cervello ha spine e sinapsi decisamente meno dense – entrambi punti chiave della comunicazione tra i neuroni – nella maggior parte del proencefalo.

“Riteniamo che questo dimostri che l’estrogeno ha un chiaro ruolo nella plasticità sinaptica, nella comunicazione tra i neuroni e nella memoria”, afferma il Dr. Darrell Brann, Presidente ad interim del Dipartimento di Neuroscienze e Medicina Rigenerativa presso il Medical College of Georgia presso l’Università di Augusta.

Brann ed i suoi colleghi hanno scoperto che i topi i cui neuroni non producono estrogeni hanno la memoria spaziale di riferimento alterata, oltre alla memoria di riconoscimento e alla memoria della paura contestuale, ossia hanno problemi a ricordare ciò che è pericoloso.

I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati nel Journal of Neuroscience.

‘Il ripristino dei livelli di estrogeni nell’area del cervello salva queste funzioni compromesse’, segnalano Brann e i suoi colleghi.

‘E’ noto che l’aromatasi, l’enzima che converte il testosterone in estrogeno, è prodotto nell’ippocampo e nella corteccia cerebrale del cervello in una varietà di specie che includono l’uomo’, dice Brann, ‘e che tutti possono avere deficit di memoria quando l’aromatasi viene bloccata. Anche i pazienti che assumono un inibitore dell’aromatasi per carcinoma mammario estrogeno-dipendente hanno riportato problemi di memoria’.

Per questi studi sui topi, i ricercatori hanno eliminato l’aromatasi dal proencefalo che è importante per la memoria, l’attenzione, la consapevolezza e il pensiero .

I ricercatori hanno esaurito l’aromatasi solo nei neuroni eccitatori nel proencefalo  per concentrarsi sul ruolo degli estrogeni prodotti da queste cellule cerebrali.

La linea di fondo era una diminuzione del 70-80% dei livelli di aromatasi e di estrogeni nei neuroni in queste aree del cervello. L’altra linea di fondo: “I topi privi di aromatasi non possono ricordare come i normali topi”, dice Brann.

I ricercatori hanno sterilizzato tutti i topi, per garantire che nessun estrogeno circolante finisse nel cervello.

Studi elettrofisiologici su sezioni del cervello privato degli estrogeni dimostrano che il processo mediante il quale le sinapsi si rafforzano per formare una memoria non ha funzionato, ma mettendo l’estrogeno direttamente sull’ippocampo è stata ripristinata quella capacità in pochi minuti.

L’eliminazione dell’aromatasi ha anche diminuito l’espressione di CREB, un importante fattore di trascrizione noto per svolgere un ruolo chiave nell’apprendimento e nella memoria.

Questi risultati indicano l’estrogeno derivato dai neuroni è un nuovo neuromodulatore e fondamentalmente un messaggero critico a cui un neurone affida la sua comunicazione con gli altri neuroni.

I neuromodulatori devono essere creati e rilasciati rapidamente’, spiega Brann, ‘che è il modo in cui gli estrogeni vengono prodotti nel cervello. Abbiamo tutti livelli basali che possono essere rapidamente indotti quando necessario’, aggiunge.

‘È probabilmente il glutammato, il neurotrasmettitore eccitatorio più abbondante del cervello, essenziale per l’apprendimento e la memoria, che induce la produzione di estrogeni dai neuroni’, aggiunge Brann.

‘Nel frattempo gli astrociti, un altro tipo di cellula cerebrale che nutre in altro modo i neuroni, sembrano produrre estrogeni solo in risposta alle ferite. In questo scenario, è probabile che le citochine, sostanze secrete dalle cellule immunitarie possano anche far accadere qualcosa che sollecita gli astrociti di supporto ad iniziare la produzione di estrogeni’, affermano gli scienziati che hanno un altro progetto che guarda specificamente agli astrociti.

Gli scienziati  hanno eliminato l’aromatasi nei neuroni e negli astrociti, dal momento che il benessere di questi due tipi di cellule cerebrali è collegato. È interessante notare che la produzione di estrogeni del neurone può diminuire in risposta alle lesioni, mentre la produzione degli astrociti aumenta. Brann osserva che sembra essere ancora un altro modo degli astrociti di proteggere i neuroni.

L’estrogeno, presumibilmente prodotto dalle ovaie, è stato a lungo considerato come una protezione per le donne in premenopausa dalle malattie cardiovascolari, incluso l’ictus.

‘Anche l’estrogeno cerebrale sembra dare un po’ di vantaggio alle donne perché, mentre i deficit di memoria si sono verificati in entrambi i sessi quando la produzione è stata compromessa, i deficit erano meno significativi nelle donne’, osserva Brann.

Le ovaie usano anche l’aromatasi, una forma leggermente diversa, per convertire il testosterone in estrogeno. Le prove fino ad oggi, incluso il nuovo studio, indicano che la rimozione delle ovaie non ha un impatto sui livelli cerebrali di estrogeni, suggerendo che non sono dipendenti’, dice Brann.

Fonte, The Journal of Neuroscience

Altri articoli su estrogeni