HomeSaluteFegatoEpatite B e D: nuova strategia di trattamento

Epatite B e D: nuova strategia di trattamento

(Epatite B-Immagine Credit Public Domain).

Un nuovo trattamento immunologico contro i virus dell’epatite B e D, che possono entrambi causare il cancro al fegato, mostra risultati promettenti nei modelli animali. I risultati del trattamento, che è stato sviluppato dai ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia, sono stati pubblicati sulla rivista Gut.

Le infezioni croniche del virus dell’epatite B (HBV) e del virus dell’epatite D (HDV) sono le principali cause di gravi danni al fegato e cancro al fegato.

- Advertisement -

Esiste un vaccino contro l’epatite B, ma attualmente oltre 250 milioni di persone hanno infezioni croniche. Il trattamento disponibile raramente porta alla completa scomparsa dell’infezione, il che significa che permane il rischio di danni al fegato. L’attuale trattamento per l’infezione cronica da epatite D cura solo circa un quarto dei pazienti.

Ecco perché i ricercatori del Karolinska Institutet stanno sviluppando un nuovo tipo di trattamento che si spera fornisca una risposta duratura contro entrambi i virus.

Il trattamento si compone di due componenti progettati per influenzare il sistema immunitario in modi diversi. In primo luogo, viene somministrato un vaccino a base di DNA che attiva la produzione di anticorpi neutralizzanti e cellule T contro entrambi i virus. Quindi, vengono somministrate dosi ripetute di un vaccino a base di proteine ​​per rafforzare l’attivazione del sistema immunitario.

Lo studio ora pubblicato, mostra che il trattamento può proteggere le cellule in coltura dall’infezione da HBV e HDV. Quando il trattamento è stato somministrato a topi portatori di parti del virus dell’epatite B e D, che assomiglia a un’infezione cronica da HBV, gli animali hanno prodotto gli anticorpi e le cellule T desiderati ad alti livelli.

- Advertisement -

Vedi anche:Epatite B: come supporta la crescita del cancro del fegato

Inoltre, gli anticorpi dei topi trattati sono stati in grado di proteggere i topi portatori di cellule epatiche umane dall’infezione simultanea da HBV e HDV. Inoltre, questi anticorpi sono stati in grado di proteggere i topi con infezione cronica da HBV contro l’infezione da HDV. Ciò è di particolare importanza perché i pazienti con infezione cronica da HBV sono a rischio di malattie gravi se infettati da HDV.

Vedi anche:Epatite B: come supporta la crescita del cancro del fegato

“Questi sono risultati promettenti”, afferma Matti Sällberg, Professore presso il Dipartimento di Medicina del Laboratorio del Karolinska Institutet e uno dei due autori principali dello studio. “Lo studio mostra che questa è una strada praticabile e ci incoraggia a continuare a sviluppare questo trattamento per l’uso negli esseri umani. Ora stiamo ottimizzando la parte a base di proteine ​​per consentire la produzione su larga scala secondo gli standard farmaceutici, quindi stiamo facendo gli studi finali sulla sicurezza prima di fare domanda per il nostro primo studio con soggetti umani”.

Il trattamento è stato sviluppato presso il Dipartimento di Medicina del Laboratorio del Karolinska Institutet in Svezia. I test in coltura cellulare sono stati condotti in collaborazione con l’Università di Heidelberg in Germania e gli esperimenti su topi portatori di cellule epatiche umane sono stati condotti in collaborazione con l’Università di Gand in Belgio.

La ricerca è stata finanziata da Swedish Cancer Society, Swedish Research Council, Vinnova, CIMED, Horizon 2020 e fondi ALF della regione di Stoccolma.

Matti Sällberg e il coautore Lars Frelin sono fondatori e azionisti di Svenska Vaccinfabriken Produktion AB, che possiede domande di brevetto per il trattamento.

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...