Effetto antifatica dell’aceto di Prunus Mume nei ratti esercitati ad alta intensità

0
5

Immagine: frutti di prunus mume.CCO Public Domain

Oggi, nuovi tipi di aceto sono stati sviluppati utilizzando varie materie prime e processi biotecnologici. Il frutto del Prunus mume è stato ampiamente distribuito in Asia orientale e utilizzato come farmaco popolare per combattere la fatica.

Prunus mume  è un albero da frutto appartenente alla famiglia delle Rosaceae

In questo studio, l’aceto di Prunus mume (PV) è stato prodotto da una fermentazione in due fasi ed è stato valutato per la sua attività anti-fatica da mioblasti C2C12 e ratti esercitati ad alta intensità. La somministrazione di PV ha migliorato significativamente la resistenza alla corsa e l’accumulo di glicogeno nel fegato e nel muscolo dei ratti, rispetto ai gruppi di controllo sedentari ed esercitati. Inoltre, l’integrazione con PV ha provocato biomarcatori sierici inferiori correlati alla fatica, ad esempio ammoniaca, fosfato inorganico e lattato.

I ratti somministrati con PV hanno mostrato una maggiore attività del lattato deidrogenasi e attività della glutatione perossidasi e una più bassa attività della creatinchinasi e dei livelli di malondialdeide. Inoltre, i composti fenolici sono stati identificati mediante analisi HPLC. Gli acidi fenolici analizzati in PV erano acido protocatecuico, acido siringico, acido clorogenico e suoi derivati. Questi risultati indicano che la somministrazione di PV con proprietà antiossidanti contribuisce al miglioramento del recupero dalla fatica nei ratti esausti. I risultati di questo studio suggeriscono che PV contenente vari componenti bioattivi, può essere usato come alternativa funzionale contro la fatica causata da esercizi ad alta intensità.

Il Prunus mume è ampiamente coltivato in Corea, Giappone e Cina ed è stato a lungo usato come rimedio popolare per digestione, sete, disintossicazione, vomito e febbre. Precedenti studi sulle attività farmacologiche e biologiche del prunus mume  l’hanno descritto come una potenziale fonte di scavenger di radicali liberi, come inibitore del virus dell’influenza A e della motilità di Helicobacter pylori, nonché come mediatore proinfiammatorio, nonché della sua capacità di migliorare la fluidità del sangue. Inoltre, è stato dimostrato che l’estratto di a base di prunus, esercita attività antifatica nei ratti addestrati. Sebbene siano stati condotti numerosi studi sull’estratto,  gli studi sugli alimenti trasformati con il prunus non sono stati completamente esplorati. Quindi, questo studio mirava a sviluppare un aceto usando il frutto del prunus e indagare la sua attività anti-fatica.

Vedi anche: L’ aceto uccide i batteri?

L’aceto è un prodotto alcalino che è stato a lungo usato come trattamento tradizionale e gustoso. Di recente, molti tipi di aceto sono stati sviluppati utilizzando fonti e tecnologie fondamentali per soddisfare le esigenze dei clienti. Poiché i principali componenti dell’aceto hanno mostrato numerosi effetti benefici, ad esempio effetti antiossidanti, antiipertensivi, anti-iperglicemici e antimicrobici, l’aceto è comunemente consumato in tutto il mondo. Inoltre, studi precedenti hanno dimostrato che la somministrazione di acido acetico aumenta la ripetizione del glicogeno nel fegato e nei muscoli scheletrici dei ratti esausti durante l’esercizio e che l’acetato integrato per via orale induce la sintesi di glicogeno muscolare dopo un intenso esercizio fisico nei cavalli. Questi studi hanno suggerito che l’aceto continuamente integrato provoca effetti preziosi sulla capacità di esercizio di resistenza e il recupero dall’affaticamento fisico. Tuttavia, i cambiamenti fisiologici alla base degli effetti antifatica dell’aceto di prunus non sono ancora stati completamente compresi.

L’affaticamento, un sintomo comune nella maggior parte delle comunità che molte persone hanno sperimentato, è considerato come difficoltà nell’avvio o nel mantenimento di attività spontanee e nel deterioramento della prestazione fisica. Molti studi hanno dimostrato che vari fattori sono importanti quando si considerano l’affaticamento e l’esercizio fisico. Ad esempio, l’esaurimento indotto dall’esercizio ad alta intensità è correlato all’affaticamento che indica che la capacità muscolare attiva è gravemente danneggiata. Inoltre, l’esercizio ad alta intensità induce la riduzione di fonti energetiche, ad esempio glicogeno epatico e muscolare, nonché l‘accumulo di metaboliti, tra cui acido lattico, fosforo inorganico e ammoniaca che inducono affaticamento muscolare da acidosi intracellulare nel corpo. Pertanto, il recupero dall’affaticamento indotto dall’esercizio richiede la riparazione del danno fisico e l’eliminazione dei metaboliti accumulati durante l’esercizio. Inoltre, è stato riportato che lo stress ossidativo causa varie malattie croniche, ad esempio affaticamento cronico, invecchiamento cutaneo, diabete mellito, tumori e morbo di Alzheimer. Per questi motivi, i ricercatori hanno studiato i prodotti naturali per la loro capacità di migliorare le capacità fisiche, come la riduzione della fatica e l’aumento della resistenza all’esercizio con pochi effetti collaterali.
Pertanto, nel presente studio, l’aceto contenente un alto livello di acidi organici e amminoacidi è stato prodotto mediante fermentazione in due fasi usando maesil integrato con succo di pera come substrato. Le attività anti-fatica dell’aceto di Prunus mume (PV) sono state quindi stimate sulla base degli effetti della vitalità cellulare e dell’accumulo di glicogeno in vitro e dei cambiamenti dei biomarcatori correlati alla fatica in vivo.
Fonte: Nutrients