HomeSalutePelleEczema: nuovo trattamento con i batteri

Eczema: nuovo trattamento con i batteri

(Eczema-Immagine Credit Public Domain).

I ricercatori della University of California San Diego School of Medicine hanno identificato un ceppo universale di batteri derivati ​​da una pelle umana sana in grado di trattare il tipo più comune di eczema, noto anche come dermatite atopica.

Nel documento pubblicato il 22 febbraio 2021 su Nature Medicine, il team di ricerca ha studiato la sicurezza e i meccanismi di questo determinato batterio in uno studio clinico in doppio cieco di fase I, primo nell’uomo, per

- Advertisement -

trattare le persone che vivono con l’eczema. Dei 54 partecipanti, due terzi hanno riportato miglioramenti nei loro sintomi, inclusi meno prurito e infiammazione.

“La domanda principale a cui volevamo rispondere era se questo batterio fosse sicuro. Si trattava di uno studio sulla sicurezza”, haonn affermato Richard Gallo, MD, Ph.D., Professore di dermatologia e Ima Gigli Presidente del Dipartimento di Dermatologia presso la UC San Diego School di medicina. “Abbiamo trovato esattamente quello che speravamo di trovare. L’eczema dei partecipanti che hanno ricevuto il trattamento batterico è migliorato e non ci sono stati eventi avversi“.

I ricercatori hanno esaminato più di 8.000 isolati di batteri stafilococchi derivati ​​dalla pelle di individui senza eczema e hanno identificato alcuni ceppi che hanno inibito la crescita dello Staphylococcal aureus, un batterio patogeno che aggrava le condizioni della pelle, come l’eczema. Questi ceppi sono stati valutati per caratteristiche aggiuntive, come la ridotta capacità di danneggiare la pelle e la sensibilità ai comuni antibiotici.

Lo screening ha portato all’identificazione di un singolo ceppo di batteri chiamato Staphylococcus hominis A9 che potrebbe essere utilizzato per il trattamento della dermatite atopica.

- Advertisement -

“È così che abbiamo trovato il ceppo universale. Era uno degli 8.000 ceppi che sono stati testati in laboratorio per la loro capacità di uccidere lo stafilococco aureo e curare la dermatite atopica”, ha detto Gallo. “E ha funzionato.”

I primi test sono stati eseguiti su modelli animali con una versione sperimentale di eczema. I ricercatori hanno quindi mescolato lo Staphylococcus hominis con una lozione inodore e hanno applicato la miscela ai topi due volte al giorno per tre giorni. Dopo il trattamento, noto anche come con batterioterapia, i topi erano essenzialmente guariti dall’eczema. Il successo con questi modelli animali ha portato alla sperimentazione clinica di fase I utilizzando la batterioterapia per il trattamento di 54 partecipanti allo studio con eczema. Due terzi dei partecipanti hanno mostrato una grande riduzione delle popolazioni di S. aureus sulla loro pelle e un miglioramento della loro eczema.

Vedi anche:Nemolizumab batte il placebo per la riduzione del prurito nell’eczema

“Questa ricerca è un approccio unico per prendere di mira lo Staphylococcal aureus dannoso sulla pelle dei pazienti con dermatite atopica, con batteri benefici”, ha detto il coautore dello studio Donald Leung, MD, allergologo e immunologo presso National Jewish Health e coautore dello studio. “La nostra speranza è che questo aiuti i pazienti con eczema a liberare la loro pelle dai batteri nocivi che causano l’infiammazione. Studi futuri determineranno se questa nuova crema può essere utilizzata per lunghi periodi di tempo per ridurre la gravità dell’eczema e migliorare la qualità del paziente. vita.”

La pelle umana sana è piena di batteri: ci sono più microrganismi che vivono nel e sul corpo umano che cellule umane. La maggior parte dei microbi risiede sulla pelle umana senza causare danni, ma in alcune persone i patogeni batterici possono alterare negativamente la salute di una persona.

Secondo la National Eczema Association, quasi 18 milioni di persone negli Stati Uniti soffrono di dermatite atopica, la forma più comune di eczema, un’eruzione cutanea cronica e pruriginosa che compare comunemente su braccia, gambe e guance.

“Dalla nostra ricerca, abbiamo determinato che questo approccio terapeutico per la dermatite atopica sembra essere sicuro“, ha detto Gallo. “Ed è anche facile, perché è solo una crema ed evita gli effetti collaterali degli steroidi e di altri farmaci che prendono di mira il sistema immunitario”.

Fonte:Nature Medicine

 

 

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...