Dolcificante artificiale Splenda potrebbe intensificare i sintomi della malattia di Crohn

splenda

In uno studio che ha implicazioni per gli esseri umani con malattie infiammatorie, i ricercatori della Scuola di Medicina della Case Western Reserve University e colleghi hanno scoperto che, somministrare per un periodo di sei settimane, il dolcificante artificiale sucralosio, noto con il marchio Splenda, peggiora l’infiammazione intestinale nei topi con malattia simile a quella di Crohn, ma non ha alcun effetto sostanziale su quelli senza la condizione.

La malattia di Crohn è una malattia infiammatoria intestinale che può portare a dolori addominali, diarrea grave, feci sanguinolente, perdita di peso e affaticamento. Circa il 10-15% dei pazienti riferisce che gli edulcoranti peggiorano la loro malattia.

( Vedi ancche: Da un dolcificante artificiale potenziale nuovo trattamento per i tumori aggressivi).

Le nuove scoperte, recentemente pubblicate su Inflammatory Bowel Diseases, hanno rivelato aumenti nel numero di Proteobacteria, un grande gruppo di microbi (phylum), nell’intestino di topi a cui è stata somminstrata acqua potabile integrata con Splenda. La metà dei topi studiati, appartenenti a una linea genetica che soffre di una forma di malattia di Crohn, sono stati più colpiti rispetto alla metà rimanente dei topi, che appartengono a una linea di topo sana.

Splenda ha prodotto una crescita eccessiva intestinale di E. coli (un membro del gruppo Proteobacteria ) e una maggiore penetrazione batterica nella parete intestinale, ma solo nei topi affetti da malattia di Crohn.

I ricercatori hanno anche scoperto che l’assunzione di Splenda determina un aumento dell’attività mieloperossidasica nell’intestino dei topi con la malattia intestinale, ma non nei topi sani. La mieloperossidasi è un enzima nei leucociti (globuli bianchi) che è efficace nell’uccidere vari microrganismi. L’inferenza è che l’aumentata presenza di E. coli intensifica l’attività mieloperossidasica nell’intestino mentre il corpo cerca di combattere l’invasore. I risultati suggeriscono che il consumo di Splenda può aumentare la produzione di mieloperossidasi solo in individui con una predisposizione pro-infiammatoria, come la malattia di Crohn o altre forme di pazienti con malattia infiammatoria intestinale . Come parte di questo processo, l’infiammazione e le sue conseguenze potrebbero esacerbare i sintomi della malattia di Crohn.

“I nostri risultati suggeriscono che i pazienti con malattia di Crohn non dovrebbero consumare Splenda o prodotti simili contenenti sucralosio e maltodestrina“, ha detto l’autore principale dello studio, Alex Rodriguez-Palacios, Assistente Professore di medicina presso Case Western Reserve School of Medicine. “Diversi studi hanno esaminato separatamente gli ingredienti presenti in questo prodotto ampiamente disponibile: qui abbiamo usato Splenda come mezzo per testare l’effetto combinato degli ingredienti commerciali e usato uno dei migliori modelli animali di malattia di Crohn ileale”. Questo studio dimostra che il dolcificante induce cambiamenti nei batteri intestinali e nella reattività delle cellule immunitarie della parete intestinale e questo potrebbe causare infiammazioni o riacutizzazioni della malattia nelle persone sensibili.

D’altra parte, Splenda, che è stato introdotto nel 1998, include un dolcificante artificiale “indigesto” come il sucralosio e un dolcificante “digeribile” chiamato maltodestrina. È circa 600 volte più dolce dello zucchero ed è diventato uno dei dolcificanti artificiali più popolari sul mercato. “Questo studio fornisce prove sperimentali che questi ingredienti insieme inducono cambiamenti biologici noti per causare infiammazioni che potrebbero essere dannose nel tempo a soggetti animali sensibili”, ha detto Rodriguez-Palacios. “Il nostro prossimo passo sarà quello di eseguire esperimenti direttamente nei pazienti”.

I proteobatteri includono un’ampia varietà di agenti patogeni, come E. coli , Salmonella e Legionella (che causa la malattia del legionario). Una certa quantità di questi batteri è normale nel corpo e non è dannosa. La crescita eccessiva, o quantità eccessive di batteri, contribuisce a molti problemi di salute. I proteobatteri sono stati precedentemente associati a varie malattie del tratto intestinale in diverse specie, compresi gli esseri umani. La maggior parte dei Proteobacteria hanno una membrana esterna composta da lipopolisaccaridi, che quando presenti nel corpo, in genere scatenano potenti risposte immunitarie, compresa l’infiammazioneche è la normale risposta del sistema immunitario del corpo alle lesioni e agli organismi invasori. Durante il processo di lotta contro l’invasore [“antigene”], possono verificarsi sintomi come dolore, calore, gonfiore e arrossamento. Se l’invasore, come E. coli , viene respinto con successo, i sintomi si dissipano. Ma se l’invasore non viene sradicato dal corpo, l’infiammazione cronica può svilupparsi o persistere, come nel caso delle malattie infiammatorie intestinali.

“I nostri risultati erano dovuti esclusivamente alla somministrazione di un componente minore della dieta”, ha dichiarato l’autore senior dello studio, Fabio Cominelli, Professore di medicina presso la Case Western Reserve School of Medicine e capo della gastroenterologia presso UH Cleveland Medical Center. “Questo suggerisce che altre abitudini alimentari o additivi possono portare a simili alterazioni microbiotiche. Ad esempio, gli emulsionanti dietetici utilizzati come additivi alimentari hanno anche dimostrato di recente di alterare il microbiota intestinale e promuovere la colite nei topi“.

Oltre a illustrare il ruolo sperimentale di un dolcificante artificiale a base di sucralosio-maltodestrina nel promuovere la disbiosi intestinale [uno squilibrio microbico] e l’attività mieloperossidasica, gli studi indicano che si potrebbe indicare i Proteobacteria e mieloperossidasi come biomarcatori fecali simultanei nei pazienti per monitorare l’adeguamento del loro intestino (malattia / salute) alla loro dieta.

Fonte: Oxford Academic