HomeSaluteCervello e sistema nervosoDisturbo bipolare: la metformina allevia la condizione

Disturbo bipolare: la metformina allevia la condizione

Secondo uno studio clinico su piccola scala, un farmaco per il diabete vecchio di mezzo secolo sembra aiutare a curare il disturbo bipolare invertendo la resistenza all’insulina dei pazienti.

“I pazienti bipolari che hanno risposto al farmaco metformina hanno sperimentato un miglioramento del loro disturbo dell’umore poiché la loro resistenza all’insulina è diminuita”, ha affermato la ricercatrice capo Dr. Cynthia Calkin, Professore associato di psichiatria presso la Dalhousie University di Halifax, Nuova Scozia, Canada.

“Abbiamo visto questo miglioramento già nella sesta settimana dello studio”, ha detto la ricercatrice. “La settimana 14 era l’endpoint dello studio e i pazienti sono risultati significativamente migliorati o in remissione. E poi li abbiamo seguiti fino a 26 settimane e questi pazienti sono rimasti in buone condizioni”.

- Advertisement -

Calkin ha osservato che alcuni pazienti che hanno iniziato lo studio sono ancora in remissione, sei o sette anni dopo.

La metformina aiuta a trattare il diabete di tipo 2 riducendo la produzione di glucosio da parte del fegato e aumentando la sensibilità del corpo all’insulina.

“Gli studi hanno dimostrato che oltre il 50% delle persone con disturbo bipolare ha anche resistenza all’insulina”, ha affermato la Dott.ssa Claudia Baldassano, Direttrice della Clinica ambulatoriale per la didattica bipolare e del Servizio di consulenza globale sui disturbi dell’umore presso la Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania.

“Come medico che cura migliaia di pazienti bipolari, l’ho trovato davvero intrigante e non così sorprendente”, ha detto Baldassano, che non faceva parte dello studio. “I nostri pazienti bipolari, molti di loro sono in sovrappeso, hanno problemi di obesità, di diabete di tipo 2 e insulino-resistenza”.

- Advertisement -

Il potenziale legame tra insulino-resistenza e disturbo bipolare sta causando un ” cambio di paradigma in psichiatria”, ha detto Calkin.

“Dobbiamo iniziare a pensare di più ai meccanismi sottostanti e non trattare i pazienti semplicemente dal collo in su”, ha affermato la ricercatrice. “Dobbiamo guardare l’intero paziente e cosa sta succedendo oltre alla sua malattia psichiatrica, perché tutte queste cose sembrano essere collegate”.

La chiave non è che lmetformina sia un antidepressivo, “perché non credo che lo sia“, ha detto Calkin. “La chiave è invertire questo meccanismo aberrante sottostante, invertendo l’insulino-resistenza”.

Per la sperimentazione clinica, Calkin e i suoi colleghi hanno assegnato in modo casuale 20 pazienti all’assunzione di metformina per sei mesi e 25 a un placebo. Entrambi i gruppi di pazienti presentavano sia disturbo bipolare che insulino-resistenza.

“Questi pazienti in media erano stati malati per 25 anni senza una remissione”, ha detto Calkin. “Oltre il 55% aveva fallito tutte e quattro le classi di farmaci che utilizziamo in termini di stabilizzatori dell’umore: litio, farmaci antiepilettici, antipsicotici e antidepressivi. E oltre il 90% aveva fallito tre su quattro di quelle classi di farmaci. Quindi questa era davvero, davvero una popolazione molto, molto malata”.

La metà dei pazienti trattati con metformina ha risposto al farmaco e non era più insulino-resistente entro 14 settimane, secondo lo studio.

Quei pazienti hanno anche sperimentato miglioramenti significativi sui test standard utilizzati per valutare i sintomi del disturbo bipolare.

“Il farmaco si è anche dimostrato relativamente sicuro”, ha aggiunto Calkin.

“Quando abbiamo esaminato il profilo degli effetti collaterali della metformina, non abbiamo trovato alcuna differenza rispetto ai pazienti che assumono placebo”, ha detto Calkin. “Abbiamo avuto questo farmaco per 50 anni. È un farmaco molto economico e sicuro”.

“I ricercatori pensano che la resistenza all’insulina potrebbe fare qualcosa alla barriera emato-encefalica, che separa il flusso sanguigno nel cervello dal flusso sanguigno nel resto del corpo, che causa o influenza il disturbo bipolare”, hanno affermato Calkin e Baldassano.

Vedi anche:Disturbo bipolare: trovato il primo fattore di rischio genetico

“La mia ipotesi è che questa barriera che normalmente protegge il cervello fosse permeabile quando le persone erano resistenti all’insulina”, ha detto Calkin. “Quindi le molecole infiammatorie potrebbero entrare nel cervello dove altrimenti non sarebbero state in grado di farlo, e che ciò influenzerebbe un disturbo cerebrale come il disturbo bipolare”.

“La rottura della barriera ematoencefalica causata dall’insulino-resistenza potrebbe anche ostacolare l’efficacia dei farmaci che trattano direttamente il disturbo bipolare”, ha detto Baldassano.

“La buona notizia è che gli psichiatri stanno diventando sempre più a proprio agio nel prescrivere metformina per trattare l’aumento di peso associato a farmaci stabilizzatori dell’umore”, ha detto la ricercatrice.

“La resistenza all’insulina sarà la chiave per determinare chi potrebbe essere aiutato dalla metformina”, ha spiegato Calkin “e non sono solo le persone con peso in eccesso”.

“L’obesità tende a portare all’insulino-resistenza, ma nella mia pratica ho anche triatleti magri che sono anche insulino-resistenti”, ha detto Calkin. “Quindi penso che ci sia anche una componente genetica”.

“Affinché la metformina sia ampiamente adottata, tuttavia, è necessario uno studio su larga scala che dimostri definitivamente i suoi benefici”, ha affermato Baldassano. “I risultati sono stati impressionanti, ma devono essere replicati in uno studio su larga scala”, ha aggiunto.

I risultati sono stati recentemente pubblicati sul Journal of Clinical Psychiatry.

Fonte: The Journal of Clinical Psychiatry

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...